chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Dott.ssa Patricia Castillo Briceño: “Il ruolo delle donne nella scienza è fondamentale”

Foto gentilmente concessa da Patricia Castillo Briceño, PhD.

Il contributo delle donne nella scienza non è sempre stato riconosciuto. In questa occasione intervistiamo la Dott.ssa Patricia Castillo Briceño [pt, come i link seguenti], biologa marina equadoriana, co-direttrice del progetto BIOMA ecuatorial y acidificación oceánica (EBIOAC in inglese), e co-fondatrice della Red Ecuatoriana de Mujeres Científicas (REMCI).

Belen Febres: Vorrei cominciare dal contributo del suo lavoro, può dirci di più sui suoi studi?

Dra. Patricia Castillo Briceño: Claro. Yo investigo cómo el funcionamiento de los organismos marinos se ve modificado por factores ambientales. Actualmente estudio la acidificación de los océanos, que es parte del cambio climático y es causada por el exceso de CO2 que genera el uso masivo de combustibles fósiles, lo cual altera la química del agua con repercusiones para la vida marina.

Desde que regresé a Ecuador en 2014 estoy aplicando lo aprendido durante mis estudios de posgrado para evaluar cómo las condiciones de acidificación afectan a especies nativas del país, incluyendo peces, moluscos y crustáceos. Esto es muy importante porque Ecuador es una de las zonas con mayor riqueza en biodiversidad marina y también uno de los puntos más propensos a los riesgos derivados de la acidificación oceánica. El que no existan datos locales limita nuestra capacidad para responder a estos riesgos, por ello he dedicado gran parte de mi trabajo a posicionar el tema para el desarrollo de investigaciones y para promover la toma decisiones basada en evidencias científicas.

Dott.ssa Patricia Castillo Briceño: Certo. Studio come i fattori ambientali modificano il funzionamento degli organismi marini. Attualmente studio l'acidificazione degli oceani che è parte dei cambiamenti climatici ed è causata dall'eccesso di CO2 che genera l'impegno massiccio di combustibili fossili; ciò altera la chimica dell'acqua con ripercussioni sulla vita marina.

Da quando sono tornata in Ecuador nel 2014, sto applicando quello che ho appreso durante i miei studi specialistici per valutare come le condizioni di acidificazione influenzino le specie native del paese, includendo pesci, molluschi e crostacei. Questo è molto importante poiché l'Ecuador è una delle zone più ricche di biodiversità marina, oltre ad essere uno dei punti più propensi ai rischi derivati dall'acidificazione oceanica. Il fatto che non esistino dati locali limita la nostra capacità di affrontare tali rischi, per questa ragione ho dedicato gran parte del mio lavoro a sottolineare il problema per lo sviluppo di ricerche e per promuovere la presa di decisioni basate su evidenze scientifiche.

Com'è nato il suo interesse per questo problema e per la biologia marina?

Mi interés empezó cuando me mudé desde mi Quito natal en la sierra ecuatoriana a Manta, en la costa del país. Ahí descubrí los animales acuáticos y la energía impresionante del mar con toda su inmensidad. Esto me motivó a estudiar biología marina en Ecuador, luego viajé a España y Francia para mis estudios de postgrado y posdoctorado. En 2014, regresé porque siempre mi objetivo fue aportar a mi país.

Il mio interesse è nato quando mi sono trasferita dalla mia città natale, Quito, nella sierra ecuadoriana, a Manta, nella costa del paese. Lì ho scoperto gli animali marini e l'impressionante energia del mare in tutta la sua grandezza. Questo mi ha motivato a studiare biologia marina in Ecuador, poi sono andata in Spagna e Francia dove ho studiato per la laurea specilistica e il dottorato. Nel 2014 sono tornata perchè il mio obiettivo è sempre stato quello di dare un contributo al mio paese.

Ha riscontrato delle difficoltà durante quel periodo?

Foto gentilmente concessa da Patricia Castillo Briceño, PhD.

Al inicio no fue fácil ser extranjera, vivir con otras reglas y estilos de vida, a veces en otros idiomas como en Francia y UK; pero esas experiencias enriquecen y además son oportunidades para investigar a muy alto nivel. De regreso en Ecuador la difucltad estuvo al arrancar la investigación porque nadie trabajaba en este tema y el acceso a fondos y tecnología es limitado, pero ha sido gratificante, pues logramos hacer cambios en política pública relevantes en esta área en el país.

All'inizio non è stato facile venire dall'estero, vivere secondo altre regole e stili di vita, e a volte con una lingua diversa come nel caso di Francia e Regno Unito; tuttavia queste esperienze arricchiscono e inoltre sono opportunità per studiare a un livello molto alto. Di ritorno in Ecuador, la difficoltà è stata avviare la ricerca dato che nessuno lavorava in questo ambito e l'accesso a fondi e tecnologie è limitato, ma è stato gratificante poiché siamo riusciti a ottenere dei cambiamenti rilevanti nella politica pubblica in questa parte del paese.

Ha anche creato la Red Ecuatoriana de Mujeres Científicas (REMCI).

Sí. Nuestra iniciativa nació en 2016 cuando algunas científicas comenzamos a hablar vía Twitter sobre la necesidad de crear espacios que fortalezcan la participación de mujeres en ciencias y de posicionar este tema en la agenda nacional. Luego, vimos que una forma de consolidar nuestros esfuerzos era el trabajo en redes y creamos REMCI. Ahora seguimos ampliando y diversificando nuestra red, siempre desde la sororidad y el apoyo para combatir esa idea impuesta de que necesitamos competir entre nosotras para sobresalir.

Sì, la nostra iniziativa è nata nel 2016 quando alcune scienziate e io abbiamo cominciato a parlare su Twitter circa la necessità di creare spazi che rafforzassero la partecipazione di donne nella scienza e che risaltassero questo tema nell'agenda nazionale. Poi abbiamo visto che il lavoro nella rete era un modo per consolidare i nostri sforzi, così abbiamo creato la REMCI. Adesso stiamo continuando ad ampliare e a diversificare la nostra rete, sempre basandoci sul supporto e la sorellanza per combattere questa idea che ci è stata imposta secondo la quale abbiamo bisogno di competere tra di noi per eccellere.

Perché proprio una rete di sole donne?

Porque el ser mujer influye mucho. No es común escuchar que una niña sueñe con ser científica, y esto se debe a que la educación y la sociedad establecen roles de género desde muy temprano. Marcan tu camino con las materias que te enseñan, con los “cumplidos” que te dan (te dicen que eres bonita, nunca inteligente), y con los modelos a seguir que te presentan. Yo tuve la suerte de que mi mamá es bioquímica, entonces crecí jugando con su microscopio portátil y sabiendo que las mujeres pueden estar en la ciencia. Pero crecí también con la idea de que hay una sola ruta: naces, creces, te casas, te reproduces (siempre en ese orden), y mueres. Hasta que un día me pregunté: “bueno, ¿y por qué?”, y decidí seguir mi propio camino.

Perché l'essere donna influisce molto. Non è comune sentire che una bambina sogni di diventare una scienziata, e ciò è dovuto al fatto che l'istruzione e la società stabiliscono ruoli di genere da un'età molto precoce. Segnano la tua strada con le materie che ti insegnano, con i “complimenti” che ti fanno (come dirti che sei bella, e mai intelligente), e con i modelli da seguire di cui ti parlano. Io ho avuto la fortuna di avere una mamma biochimica, quindi sono cresciuta giocando con il suo microscopio portatile e sapendo che le donne possono far parte della scienza. Ma sono anche cresciuta con l'idea che c'è una sola strada: nasci, cresci, ti sposi, ti riproduci (seguendo sempre quest'ordine) e muori. Fino a quando un giorno mi sono chiesta: “Beh, ma perché?”, e ho deciso di seguire la mia strada.

Foto gentilmente concessa da Patricia Castillo Briceño, PhD.

Cosa possiamo fare per cambiare questi ruoli?

Muchísimo. Podemos motivar a las niñas desde pequeñas a considerar diversas opciones de vida, e incentivarlas a estudiar y avanzar en su carrera. Tenemos que explicar que el camino de la ciencia no siempre es fácil para que cuando una científica joven se encuentre con situaciones fallidas no piense que hay algo mal con su trabajo o con ella y se desanime, sino que sepa que esas dificultades son parte normal del proceso. También hacer públicas las preguntas impertinentes hasta que dejen de ocurrir. Por ejemplo, en una entrevista para la que te preparas con todas las respuestas científicas y técnicas sobre tu trabajo, te preguntan si vas a tener hijos y qué opina tu esposo sobre lo que haces; cosas que a los hombres nunca les preguntan. Las siguientes generaciones no deberían pasar por esto.

También hace falta un cambio estructural desde las políticas públicas y la educación formal. En los libros deben aparecer científicas nacionales e internacionales, porque sí las hay, solo no se habla de ellas. Así podremos lograr que tanto niñas como niños crezcan sabiendo que las mujeres somos igual de capaces y que nuestro trabajo científico es igual de importante para el avance del conocimiento. Además, debemos repartir las tareas del cuidado, tradicionalmente destinadas a las mujeres. En todo el mundo, incluso más en países como Ecuador donde la investigación hace tanta falta, resulta absurdo perder la mitad del talento por falta de equidad de género; es un lujo que no nos podemos permitir. Necesitamos todos los cerebros trabajando en conjunto.

Finalmente, los museos y  los medios de comunicación deben jugar su rol clave generando otros patrones de pensamiento, visibilizando sesgos e injusticias, y resaltando el trabajo de las mujeres en distintos campos, incluyendo todas las ramas de la ciencia.

Possiamo fare molto: incoraggiare le bambine già da piccole a considerare diverse opzioni nella loro vita e incentivare loro nello studio in modo da fare progressi in carriera. Dobbiamo spiegare che la strada della scienza non è sempre facile, cosicché quando una giovane scienziata si trova in situazioni infruttuose non pensi che c'è qualcosa di sbagliato nel suo lavoro o in lei e si demoralizzi, ma che sappia che tali difficoltà fanno parte del processo. Inoltre possiamo rendere pubbliche le domande impertinenti finché cessino di esistere. Ad esempio, durante un'intervista per la quale ti prepari con tutte le risposte scientifiche e tecniche riguardo il tuo lavoro, ti chiedono se avrai figli e cosa pensa tuo marito circa quello che fai; cose che agli uomini non chiedono mai. Le generazioni successive non dovrebbero vivere tutto ciò.

È inoltre necessario un cambio strutturale a partire dalle politiche pubbliche e dall'istruzione formale. In tutti i libri devono essere presenti scienziate nazionali e internazionali, poiché così facendo non si parlerà di loro e basta. In tal modo possiamo far sì che sia bambine che bambini crescano sapendo che noi donne siamo ugualmente capaci e che il nostro lavoro scientifico è uguale e della stessa importanza per il progresso della conoscenza. Dobbiamo anche dividere le faccende di casa, tradizionalmente destinate alle donne. In tutto il mondo, ancora di più in paesi come l'Ecuador dove la ricerca manca molto, risulta assurdo perdere la metà del talento per la mancanza di parità dei sessi; è un lusso che non possiamo permetterci. Abbiamo bisogno di tutti i cervelli possibili che lavorino insieme.

Per finire, musei e mezzi di comunicazione devono svolgere il ruolo chiave di generare altri schemi di pensiero, dando visibilità a pregiudizi e ingiustizie, e risaltando il lavoro delle donne in vari ambiti, inclusi tutti i rami della scienza.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.