chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

È possibile una rinascita dell'identità tatara nonostante la politica identitaria russa?

Hoodie with Tatar pattern, Tatarcha casual, archive of Elmira Lyapina, used with permission

Felpa con motivo tataro, disegnato da Tatarcha Casual. Foto di Elmira Lyapina, usata con autorizzazione.

Sono passati quasi quattro anni da quando entrò in vigore un decreto presidenziale [ru, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] che limitava lo studio delle lingue indigene nelle repubbliche nazionali della Federazione Russa. È accaduto nel 2017, quando il parlamento della Repubblica del Tatarstan [it] abolì lo studio obbligatorio della lingua tatara nelle scuole. Che impatto ha avuto questa decisione sull'identità nazionale dei Tatari che vivono in Russia?

Nel luglio del 2017, durante una riunione del Consiglio russo per le relazioni interetniche sull'implementazione della politica dello Stato nazionale russo, il presidente Vladimir Putin ha dichiarato che i bambini non dovrebbero essere costretti a studiare le lingue indigene nelle repubbliche nazionali che costituiscono parte della Russia. A novembre dello stesso anno, il Parlamento del Tatarstan ha abolito lo studio obbligatorio della lingua tatara nelle scuole e ridotto le ore del suo insegnamento da 20 a due ore settimanali. Curiosamente, questa decisione ha trasgredito la Costituzione della Federazione Russa, così come la legislazione federale russa che riconosce pari status giuridico al russo e alla lingua tatara nel Tatarstan.

In Russia, i Tatari hanno avvertito a lungo la pressione sulla loro identità e sull'uso della loro lingua madre. Era questa la situazione quando le ragioni politiche prevalevano sull'ordine giuridico [en], nonostante la legislazione russa assicuri l'uso e lo studio delle lingue indigene minoritarie. Nel complesso, la nuova politica sembrava contraddire i diritti delle minoranze garantiti dalla costituzione. La decisione di limitare lo spazio alle lingue indigene minoritarie puntava alla supremazia dell'etnicità e della cultura nazionale (dominanti), e alcuni ritennero che avrebbe portato a una diminuzione del multiculturalismo del paese.

I Tatari, una popolazione turca per la maggior parte di fede islamica, sono il secondo gruppo etnico più grande in Russia, dove l’identità nazionale dominante [en] è quella degli slavi ortodossi. I Tatari sono anche la più grande comunità di origine turca all'interno della Federazione Russa. Il gruppo comprende i Tatari che vivono nella Repubblica del Tatarstan (36%), così come i Tatari del Volga, i Tatari della Siberia, i Tatari dell'Astrakan, i Tatari della Crimea e altri piccoli gruppi. Secondo il censimento del 2010, in Russia ci sono circa 6 milioni di Tatari. Poichè si sono stabiliti anche al di fuori della Russia, i Tatari che non vivono in Tatarstan o in Russia avvertono un legame speciale con la Repubblica del Tatarstan, che rappresenta la loro nazione, la loro identità e i loro bisogni.

Il Tatarstan fa parte della Federazione Russa e, insieme ad altre 21 repubbliche nazionali, è alla pari dello Stato federale. Le repubbliche nazionali, al contrario di altri soggetti federali — krai, oblast [it] (regioni), città — possiedono uno status legale speciale, con il diritto di avere una propria costituzione, organi legislativi propri e anche un presidente (nel Tatarstan). Ciò che è rilevante è che il loro status speciale dà loro il diritto di decidere le lingue nazionali a livello ufficiale nella repubblica in aggiunta al russo, la lingua dello Stato.

Tuttavia, dopo l'iniziativa del presidente nel 2017 e la sua implementazione nel Tatarstan, la lingua tatara e con essa lo status della nazione tatara e il Tatarstan stesso sembravano perdere la loro posizione, per alcuni era una tragedia nazionale. A ogni modo, il presidente Putin riteneva che lo studio delle lingue native dovrebbe essere volontario. Secondo Putin, “obbligare qualcuno a imparare una lingua che per quella persona non è la lingua madre è tanto inaccettabile quanto ridurre il livello e il tempo di insegnamento del russo.” Ha anche parlato della lingua russa come “la cornice naturale spirituale dell'intero paese multiculturale.”

Molti insegnanti di lingua tatara hanno perso il lavoro subito dopo l'implementazione di questa misura e lo status della lingua continua a essere precario, nonostante attivisti e membri del pubblico abbiano espresso il loro dissenso organizzando raduni di protesta e presentando un reclamo alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo riguardo la nuova politica linguistica.

Dulcis in fundo, la chiusura del Centro Pubblico Tataro (Vsetatarskiy Obshestvenniy Centr) ha sbigottito molte persone. È accaduto in seguito alla richiesta della procura di riconoscere come estremista la più vecchia organizzazione nazionale dei Tatari.

Far rivivere la cultura tatara in crisi

Paradossalmente, lo scompiglio creatosi intorno alla politica linguistica ha portato a una rinascita della cultura tatara in Russia. Le nuove generazioni hanno trovato una nuova direzione per la propria identità, dando vita a nuovi sviluppi e attività culturali dentro e fuori dal Tartastan. Oltre alla festa nazionale Sabantuy, celebrata in tutte le città della Russia e il cui scopo è quello di mostrare la cultura tatara, i Tatari hanno riscoperto e addirittura modernizzato altri costumi e tradizioni una volta dimenticati.

Ad esempio, gli elementi del ricamo tradizionale sono diventati parte di abiti moderni e di classe, e diversi marchi stanno aggiungendo motivi tradizionali a felpe o vestiti casual. Il cappello chiamato Tubeteika [en] è diventato un accessorio elegante nel moderno guardaroba femminile. I bazaar e i mercati tatari rinascono anche in iniziative come Pechen Bazary (Peçän bazarı), il mercato del fieno a Kazan, la capitale del Tatarstan.

The hoodie presented by designer Tatarcha Casual in one of the Tatar festivals, archive Elmira Lyapina, used with permission

Felpa con motivi tatari presentata dal marchio Tatarcha Casual durante uno dei festival tatari. Foto d'archivio di Elmira Lyapina, usata con autorizzazione.

Parlare la lingua tatara, indossare abiti tradizionali, suonare la musica tatara, organizzare diversi festival adesso è visto come segno di prestigio. Le canzoni tatare sono presenti più spesso sui canali dei media federali: giovani artiste come Dina Garipova, Saida Mukhametzyanova, Elmira Kalimullina hanno partecipato al programma “The Voice” [en] della televisione russa.

Inoltre, il cinema tataro e i festival cinematografici ricevono nuove attenzioni. Il talentuoso e giovane regista tataro Ilshat Rakhimbay ha parlato a Global Voices della sua percezione di questa rinascita e dell'ascesa dell'identità nazionale tatara in risposta alle limitazioni politiche.

It is quite amazing, and yet not surprising at the same time. Indeed, [we have seen] the development of various Tatar cultural festivals, more performers of Tatar music or music in Tatar language, and more importantly—more acknowledgment and recognition not only from the public, but also from the authorities with a deeper level of consciousness. Deeper respect is shown for the language and culture, and there is no such dismissal as before—it is not only the stage culture, but that is also supported.

“È abbastanza stupefacente, seppur allo stesso tempo niente affatto sorprendente. Certamente, [abbiamo visto] lo sviluppo di vari festival culturali tatari, più interpreti di musica tatara o in lingua tatara e, ancora più importante — un maggiore riconoscimento e apprezzamento non solo da parte del pubblico, ma anche dalle autorità con un più profondo livello di consapevolezza. Si dimostra maggiore rispetto per la lingua e la cultura, e non c'è rifiuto come in passato — non è solo cultura da palcoscenico, questa cultura trova anche approvazione.”

from short film 'Imagine' (2017), director Ilshat Rakhimbay, https://www.youtube.com/watch?v=NvZJOl5SZm8&list=UUe-_pmp20Z9clo7VoZ9U0xA&index=2

Schermata dal cortometraggio ‘Imagine’ (2017), regista Ilshat Rakhimbay.

Di conseguenza, i film di Ilshat Rakhimbay  sono realizzati sotto il segno dell'appartenenza tatara. Quando gli è stato chiesto perché, in quanto regista, gli importa dell'identità nazionale, ha spiegato:

It is just a code that is initially embedded in you, and through the language and culture, in which you grew up, you see the whole world. Through words, mother's language, a special relationship is formed with the world, earth, heaven, people, and the Almighty.

È solo un codice che inizialmente è dentro di te, e vedi il mondo intero attraverso la lingua e la cultura con cui sei cresciuto. Tramite le parole e la lingua di tua madre, si forma una relazione speciale con il mondo, la terra, il paradiso, le persone e l'Onnipotente.

Nel XIX secolo, il filosofo tedesco G. W. Hegel, nel suo “Lineamenti di filosofia del diritto” suggeriva la via per una comunità organica: “Sii te stesso, e rispetta gli altri come persone.” Sottolineava il fatto che la lingua fosse un elemento chiave dell'identità o dell'autodeterminazione. Se una nazione venisse privata dell'elemento principale della sua identità, una comunità multinazionale potrebbe perdere il patrimonio culturale unico che rappresenta. Un artista può ricevere amore dalla nazione quando questa riconosce se stessa nel suo lavoro, ma il riconoscimento di un'identità nazionale minoritaria richiede una più ampia accettazione pubblica?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.