chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Editor veterano di Wikipedia a Hong Kong: “politiche di Wikipedia soggette ad abusi da parte delle autorità”

immagine da Wikimedia (CC: AT-SA)

Dopo un'indagine sull'infiltrazione nella comunità cinese di Wikipedia, la Wikimedia Foundation ha recentemente deciso di vietare l'accesso all'editing a sette utenti e di revocare i diritti di dodici amministratori della Cina continentale. È emerso che la decisione è stata presa perché “alcuni utenti hanno subito danni fisici”.

Global Voices all'inizio di questa settimana ha intervistato un editor veterano di Wikipedia della Cina continentale [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione ] per fornire ai nostri lettori maggiori informazioni riguardo alla decisione della fondazione. Nell'intervista che segue, Global Voices ha parlato con un editor di Wikipedia di Hong Kong (sotto lo pseudonimo di Henry Kwong), che risiede nel regno unito, per discutere la gravità delle molestie, e danni fisici che la comunità cinese di Wikipedia ha affrontato negli ultimi anni. L'intervista è stata condotta via e-mail, e l'identità dell'editor è stata nascosta per domande di sicurezza.

Henry Kwong ha sottolineato che solo dopo qualche giorno dalla decisione della parte dell'associazione, un editor veterano di Wikipedia della Cina continentale, Philip Tzou, è stato vittima di doxing e annuncio di annuncio.

Su Weibo, Sitoka 98 ( @斯图卡98 ) [zh], un commentatore di notizie militari con 5,7 milioni di followers ha affermato [zh] che Philip Tzou era il responsabile della decisione dalla Wikimedia Foundation. Il post incriminato di Doxing includeva il suo vero nome, l'indirizzo della sua casa in Cina, il suo attuale lavoro negli USA, il suo pseudonimo di Twitter e una foto di lui con la sua fidanzata. Ha altresì affermato che Philip Tzou era a favore dell'indipendenza di Taiwan e di Hong Kong.

Come anticipato precedentemente, dai commenti emergono ogni tipo di minaccia verbale, come “date la caccia ai suoi genitori”, “arrestatelo” o addirittura “imparate dai Russi e uccidetelo”.

Kwong, inoltre, ha osservato che un gruppo di veterani di Wikipedia della Cina continentale, precedentemente uniti sotto il Wikimedia User Group China (gruppo utenti Wikipedia della Cina; WUGC) è stato ” costretto al silenzio ” [zh] da alcuni nuovi arrivati ​​organizzati attraverso la chat WMCUG (Gruppo utenti di Wikimedia della Cina continentale) o WMC (Wikimedia della Cina continentale) che rivendica la rappresentanza della comunità della Cina continentale.

Ha affermato che il WMC, il “caucus a favore di Pechino” ha iniziato a controllare le elezioni all'interno di Wikipedia Cinese nel 2017, e dal 2019 “non un singolo editor con una nota opinione personale scettica su Pechino è stato eletto per ricoprire il ruolo di amministratore di Wikipedia in Cina”. La dichiarazione della fondazione Wiki ha confermato l'esistenza delle basi media, degli attacchi verbali e delle campagne elettorali in relazione al WCM.

Negli ultimi anni, i governi di Hong Kong e della Cina continentale hanno incoraggiato le persone a diventare informatori della polizia. Quando gli si chiede di spiegare l'effetto di tale cultura politica, Kwong dice:

Every civil society leader from Hong Kong is now either in jail or in a self-exile, and I am speaking to you on the condition of anonymity. Need I say more?

Tutti i leader della società civile di Hong Kong sono in prigione o in esilio volontario, e io vi parlo sotto anonimato. Devo aggiungere altro?

La preoccupazione riguardo alle infiltrazioni del doxing e le minacce all'interno della comunità di Wikipedia della Cina si è intensificata dopo che “la guerra editorialetra gli editori di Hong Kong del 2019 è stata ripresa da un numero considerevole di media a Hong Kong. Kong ha condiviso la sua frustrazione riguardo l'editing di alcuni articoli collegati alle proteste di anti-estradizione a Hong Kong:

Every article about notable deaths in the 2019 Hong Kong conflicts have been brutally fought over. When the facts of the case are uncertain, as with the horrible deaths of Chow Tsz-lok and Chan Yin-lam, some editors sought to cite Beijing propaganda that tried to smear the personalities of the deceased citizens…

Tutti gli articoli riguardanti le morti illustri dei conflitti di Hong Kong del 2019 sono stati messi a tacere. Quando i fatti erano incerti, come per le orribili morti di Chow Tsz-lok e Chan Yin-lam, alcuni redattori hanno tentato di citare la propaganda di Pechino che ha cercato di infangare le personalità dei cittadini deceduti…

Sia gli organi di stampa statali o affiliati alla Cina che quelli a favore della classe dirigente  di Hong Kong si sono mobilitati per dipingere le proteste del 2019 come “sommosse” o addirittura “atti terroristici” per giustificare il dispiegamento di forze armate, compreso l'utilizzo di gas lacrimogeni e proiettili di gomma da parte della polizia di Hong Kong.

Ha affermato che ci sono stati casi in cui si è abusato del “punto di vista neutrale” di Wikipedia per occultare le informazioni e ha portato l'attenzione su un incidente avvenuto durante la protesta dell'11 agosto 2019 in cui un soccorritore sotto lo pseudonimo di “K” è stato presumibilmente colpito alla cieca dalla polizia antisommossa.

Secondo la pagina di discussione [zh], una foto scattata da “Studio Incendo [zh] è stata rimossa nel maggio del 2021. La foto è stata scattata mentre dei soccorritori si stavano occupando di K nel luogo della protesta, e mostrava i suoi occhiali protettivi sporchi di sangue, danneggiati da un colpo di bean bag. Nonostante dalla didascalia della foto non si evincesse che K fosse stato colpito dalla polizia antisommossa di Hong Kong, l'elemento chiave [zh] che portò alla decisione di rimozione è che l'immagine stessa “era una conferma di accusa contro la polizia”.

Kwong è convinto del fatto che la guerra editoriale non sia semplicemente il risultato di una divergenza di opinioni, ma dell'influenza dello Stato:

I have every reason to believe that the pro-Beijing editors I fought against were sincere in their belief in Chinese propaganda. They aren't the problem. The problem is with their state censorship, which means other voices in China have no representation in the debate.

Ho tutte le ragioni per credere che gli editori pro-Pechino contro cui ho combattuto fossero sinceri nella loro fede nella propaganda cinese. Non sono loro il problema. Il problema è la loro censura di stato, che significa che altre voci in Cina non hanno rappresentanza nel dibattito.

In Cina, gli utenti di internet potrebbero essere arrestati [it] con l'accusa di aver raggirato il Great Firewall [it], l'organizzazione cinese della censura di internet, per essere entrati nei siti web bloccati all'estero. Wikipedia in Cina è bloccata dal 2005, e questo significa che chi vuole avere accesso a Wikipedia nella Cina continentale deve aggirare la rete cinese. Questo pone la comunità della Cina continentale di Wikipedia in una posizione legalmente vulnerabile che la espone allo sfruttamento politico, spiega Kwong: 

The Great Firewall of China has blocked Wikipedia in one way or another for over a decade, so the playing field has not been level in a long time. Yet we are having a problem with Mainland Chinese editors pushing a pro-Beijing agenda […] This is what happened to Chinese engagement with politically sensitive topics on Wikipedia: lock up netizens who are skeptical of the Chinese establishment, let the regime's loyal cheerleaders pass through the net, and multiply that by the sheer population of China, and voila you have an army of self-motivated propagandists who can create a “consensus” that supports the Chinese establishment's view.

Il Great Firewall Cinese in un modo o nell'altro ha bloccato Wikipedia per oltre un decennio, perciò è molto tempo che non giochiamo alla pari. Nonostante questo, stiamo avendo problemi con gli editori della Cina continentale che spingono verso un programma a favore di Pechino […] Ecco cosa è successo quando la Cina si è compromessa con argomenti politicamente sensibili su Wikipedia: gli utenti che si sono dimostrati scettici verso la classe dirigente cinese sono stati sbattuti in galera, i sostenitori del regime liberi di muoversi indisturbati attraverso la rete, e moltiplicando il tutto per l'immensa popolazione della Cina ecco che si ottiene un esercito di propagandisti esaltati in grado di creare un “consenso” che possa sostenere la visione della classe dirigente cinese.

È favorevole alla decisione della Wikimedia Foundation:

For too long, censorious authorities have abused the open knowledge movement's goodwill to push their agenda. 

Per troppo tempo, le autorità censorie hanno abusato delle buone intenzioni del movimento della conoscenza libera per promuovere il loro programma.

Tuttavia, per evitare che i potenti, come gli attori sostenuti dallo stato e le aziende, si infiltrino nella comunità e usino Wikipedia come mezzo per sostenere un programma politico, Kwong crede che la Fondazione debba rivedere ulteriormente le sue politiche editoriali e comunitarie:

…now Wikipedia is the central hub of the world's knowledge and a target of willful, coordinated abuse. The first step is to recognise that Wikipedia's policies are vulnerable to authoritarian abuse, and redress any state or non-state actors’ attempts to create an unequal playing field of knowledge, for example by setting editorial principles that ban media outlets owned by authorities that censor Wikipedia from being used as citations. … The nascent plans to set up a global Wikimedia Code of Conduct Committee is a welcome start and I hope the committee will take an active part in tackling governments and corporations who try to abuse Wikipedia to promote their propaganda.

. ..ora Wikipedia è il fulcro della conoscenza mondiale ed è soggetta ad un abuso intenzionale e coordinatore. Il primo passo è quello di riconoscimento che le politiche di Wikipedia sono vulnerabili alla prevaricazione delle autorità e rimediare a qualsiasi tentativo da parte di attori statali o non di giocare ad armi impari sul campo della conoscenza, ad esempio stabilendo principi editoriali che vietino ai media di proprietà delle autorità che censurano Wikipedia di essere usati come citazioni. … L'idea volta a istituire un comitato globale del codice di condotta di Wikimedia è un ottimo inizio e spero che il comitato prenderà parte attiva nell'affrontare i governi e le società che cercano di appropriarsi di Wikipedia per promuovere la loro propaganda.

Storie recenti Asia orientale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.