chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Finto, frode, falso, inventato: trovare il vocabolario della verità nelle notizie

fukushima daisies

Immagine dell'utente Imgur per cortesia google Shaker Aamer e David Kellyse.

Il termine “fake news” (notizie false), ultimamente, ha ricevuto molta attenzione, soprattutto perché casi recenti dimostrano effetti molto potenti e di vasta portata. Il suo potenziale di scatenare violenza era fin troppo reale al volgere del nuovo anno: basti considerare la minaccia di fine dicembre di prontezza nucleare che il ministro delle difesa pakistano, Khawaja Mohammad Asif [en, come link successivi], ha inviato ad Israele sulla base di una notizia falsa sulle intenzioni israeliane. Negli Stati Uniti, “fake news” è diventato un modo per etichettare le notizie che sembrano criticare Donald Trump , ma è stato anche considerato come una possibile spiegazione della sua ascesa alla presidenza.

Le fake news non sono l'unico problema, come hanno sottolineato  persone come Melissa Zimdars (una professoressa la cui lista di fake news è stata notoriamente presentata all'indomani delle elezioni americane). Infatti, i casi di propaganda, cattiva informazione, menzogne, click-bait, e “veridicità” sembrano ugualmente diffusi e, forse in alcuni casi, più pericolosi (come Gilad Lotan ha recentemente sostenuto).

In effetti, è difficile sapere esattamente cosa siano le “fake news”. Non è sufficiente che una storia contenga fatti erronei — i giornalisti si sono sbagliati in passato — e non include casi di vera e propria frode giornalistica. I primi usi di fake news erano più strettamente legati a contenuti fabbricati con l'intenzione di creare profitti. Ora il termine può includere uno spettro intero di tipi di notizie discutibili,  compresi alcuni dei casi problematici menzionati sopra. C'è in ogni caso una disputa sul termine, almeno negli spazi mediatici di lingua inglese. Cercare di tradurre questo termine in  altre lingue evidenzia ulteriormente il problema: prendiamo il giapponese, dove デマ o “dema” può significare “fake news” ma anche “false voci” [ja].

Una cosa che “fake news” cattura è la difficoltà dei lettori a distinguere tra ciò che è vero e ciò che è falso nelle notizie. Uno studio dell'Università di Stanford dello scorso anno su oltre 7.800 studenti ha mostrato che la maggior parte degli studenti delle scuole superiori, ad esempio, accetta semplicemente le loro fotografie e didascalie come “reali”, senza pensare a verificarle. E la foto del test in questione?

Fukushima Nuclear Flowers

Presentati con questa immagine, gli studenti hanno avuto difficoltà a vedere quanto sopra come qualcosa di diverso se non la prova di un disastro nucleare.

Allora, come possiamo parlare di questo e di altri problemi sollevati da QUEL TERMINE senza aggiungere ulteriore confusione? Soprattutto considerando che, dal punto di vista di Global Voices in tutto il mondo, le sfide sollevate dalle fake news non sono una novità. Ecco perché la NewsFrames Initiative, come uno dei suoi primi sforzi, sta cercando di introdurre un po’ di chiarezza soprattutto su scala globale.

Questo significa affrontare il difficile compito di cercare di trovare le parole giuste per descrivere i problemi e il fenomeno. A dicembre, abbiamo iniziato con finto ma ci siamo spostati verso termini come falso e fraudolento, entrambi i quali hanno iniziato a portare implicazioni sull'intenzione autoriale e la criminalità che ci hanno messo a disagio. Al momento, abbiamo deciso, un po’ provvisoriamente, sul termine “fabricated news”, di cui potete leggere di più in questa pagina. Ci aspettiamo che questo sia un lavoro in divenire, che terrà conto degli sforzi dei nostri volontari, che stanno raccogliendo tipi specifici di queste notizie problematiche in qualsiasi lingua.

Soffermarsi sulle “fake news” può sollevare domande sui limiti generali del reporting basato sui fatti, ma noi lo vediamo anche come un'opportunità. I problemi sollevati dalla creazione, dalla lettura e dalla condivisione di contenuti inventati esistono da un po’ di tempo, e gli scrittori professionisti e non professionisti hanno affrontato queste e altre sfide relative a misure accurate, imparziali o oggettive su base continua. Potrebbe risultare che, riflettendo lentamente su queste sfide, scopriremo, or riscopriremo, un linguaggio per gli standard nella narrazione veritiera e per i lettori maturi che possono sostenere società giuste.

Storie recenti Citizen Media

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.