chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Giornalista partecipativo cinese ricompare dopo essere stato isolato per un servizio sulla COVID

Chen Qiushi e Xu Xiaodong. Screenshot dal canale YouTube di Xu.

Chen Qiushi, [en] avvocato e giornalista partecipativo indipendente, scomparso a Wuhan mentre faceva un servizio [en] sull'epidemia della COVID-19, è riapparso su Twitter e su Youtube il 30 settembre dopo essere stato tenuto in isolamento per oltre 600 giorni.

Chen si è recato a Wuhan il 24 gennaio 2020, poco prima che la città fosse messa in quarantena. Riportava in modo diretto quanto accadeva negli ospedali su Twitter, ma è sparito dai social media il 5 febbraio 2020. Il giorno successivo, sua madre ha preso il controllo del suo Twitter e ha avvertito i suoi follower del fatto che Chen era scomparso.

Secondo un servizio [en] della CCN, almeno 47 giornalisti partecipativi sono stati arrestati e detenuti per aver fatto un servizio sul COVID a Wuhan. Tale gruppo include Zhang Zhan [en], che è stata recentemente condannata a quattro anni di prigione con l'accusa di “aver provocato litigi e creato problemi”. È scomparsa il 14 maggio 2020. Secondo l'organizzazione per la difesa dei diritti umani Amnesty International, Zhang è stata torturata in prigione.

Mentre il governo cinese ha sporto denuncia contro Zhang Zhan, non ha fatto altrettanto nel caso di Chen Qiushi. Chen è stato detenuto per oltre un anno, poi è stato rilasciato, ma messo agli arresti domiciliari a Qindao a marzo 2021, secondo Xu Xiaodong [zh, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], famoso lottatore di Arti Marziali Miste (MMA) e amico di Chen che ha condotto una campagna sui social media per 20 mesi affinché venisse rilasciato.

Dopodiché, improvvisamente, il 30 settembre, Chen ha pubblicato una lettera su Twitter, nella quale diceva:

好久不見!
在过去的一年零八个月中,我经历了很多的事情,有的能说,有的不能说,我相信您都懂。而在我生命的至暗时刻,是搏击运动拯救了我。拳击和巴西柔术不仅给了我健康的身体,也帮助我成功摆脱忧郁症的困扰。

Quanto tempo è passato!
Ne ho passate tante nell'ultimo anno e otto mesi. Posso condividere alcune cose con voi, ma non tutte. Sono certo che capirete cosa sta succedendo. Durante i momenti più bui della mia vita, sono state le arte marziali miste a salvarmi. La boxe e il jujitsu brasiliano non solo hanno aiutato il mio corpo a guarire, ma mi hanno anche aiutato ad allontanare la depressione.

Nella lettera online, ha detto che avrebbe organizzato un incontro di boxe come evento di beneficienza il 31 dicembre 2021.

Due ore più tardi, è brevemente comparso in una diretta streaming sul canale Youtube del suo amico Xu Xiaodong, recitando quanto detto nella lettera. Durante la promozione dell'incontro di boxe di beneficienza, Xu ha detto: “A volte, quando non possiamo parlare con la nostra bocca, possiamo parlare con i nostri pugni.”

A Chen Qiushi è ancora vietato aggiornare i propri social media nella Cina continentale. Poiché il suo ritorno su Twitter e Youtube ha avuto luogo il giorno prima della festa nazionale della Cina, alcuni credono che ciò sia dovuto alla diplomazia degli ostaggi e alla propaganda pechinesi. Inoltre, la maggior parte degli internauti hanno espresso la loro gioia per il suo ritorno. Uno di questi commenti sotto il video di Youtube diceva:

刚看到评论里有人说流泪了,我不理解。但是听到陈律师说他有点抑郁,我居然也流泪了,陈律师真的是受苦了,请你一定要坚强的活下去,留得青山在不怕没柴烧,永远支持你俩!

Soltanto ora ho letto che qualcuno ha detto di non riuscire a smettere di piangere [guardando il video] e non capivo. Ma quando ho visto la parte in cui l'avvocato Chen ha ammesso di aver sofferto di una lieve depressione, non sono riuscito a contenere le lacrime. L'avvocato Chen deve aver sofferto. Per favore, sii forte e vai avanti. Io vi supporterò sempre, entrambi.

Su Twitter, il blogger Juan Li ha sollecitato le persone a smettere di criticare Chen per aver apparentemente servito gli interessi della propaganda pechinese:

Appoggio pienamente Chen Qiushi. È coraggioso rischiare la propria vita e fare un servizio sul COVID a Wuhan. Fang Bin [un altro giornalista cittadino che ha investigato sull'epidemia] è ancora più coraggioso. La polizia cinese ha detenuto Qiushi per un determinato periodo e adesso ha il controllo su di lui, mentre di Fang Bin non si hanno più notizie. Non dovremmo aspettarci che Qiushi venga ucciso o torturato. La polizia cinese sta tentando di dividerci e di intimidirci, perciò non attaccate Qiushi. Egli ha il diritto di prendere le proprie decisioni e perseguire la felicità. Ciò che teme la polizia cinese è il fatto che potrebbero esserci molte più persone come Qiushi.

Fang Bin [en], un altro giornalista partecipativo che ha fatto un servizio sullo scoppio della COVID in Cina, è scomparso il 9 febbraio 2020.

Il giornalista veterano Wang Zhian ha interpretato la ricomparsa di Chen come un messaggio pubblico che sta ad indicare che Chen non è stato sconfitto:

Ho visto il video di Chen Qiushi e Xu Xiaodong. È stato molto difficile per quelle giovani persone che si sono recate a Wuhan per raccontare il COVID-19. L'ambiente mediatico cinese non ha spazio per i giornalisti partecipativi, per quanto essi ci abbiano provato, pertanto tali azioni sono molto rispettabili. L'ho visto fare boxe. Non è stato sconfitto. Anche se la vita è noiosa, possiamo ancora vedere che il suo spirito splende. Se ne avrò la possibilità, vorrei partecipare di persona all'evento sportivo per vederlo mentre esprime le proprie opinioni a suon di pugni.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.