chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Lo scandalo dei passaporti vaccinali falsi in Armenia

Un centro vaccinale a Yerevan. Foto: Robin Fabbro/OC Media.

Questo articolo di Ani Avetisyan è stato precedentemente pubblicato [en] su OC Media. Ripubblichiamo qui una versione ridotta, grazie a un accordo di collaborazione relativo alla pubblicazione dei contenuti. 

Il 13 ottobre scorso, sei operatori sanitari del Gyumri Family Medical center, nella provincia di Shirak in Amernia, sono stati sottoposti a fermo dopo che gli inquirenti hanno scoperto che la struttura stava distribuendo certificati vaccinali falsi. Secondo quanto riportato dal verbale ufficiale, i membri dello staff stavano emettendo i certificati falsi in cambio di mazzette, che andavano dalle 5,000 alle 10,000 dram armene (corrispondenti a 10–20 dollari).

In base a quanto stimato dalle autorità, sono più di 700 le persone che hanno comprato i certificati vaccinali falsi a Gyumri — seconda città armena per grandezza.

Il giorno precedente, i Servizi di Sicurezza Nazionale avevano comunicato l'arresto di un infermiere di una clinica a Yeranos, nella provincia di Gegharkunik, colpevole di aver distribuito certificati vaccinali falsi ai residenti.

Gli arresti sono arrivati poco dopo l'annuncio del Primo Ministro Nikol Pashinyan, il quale aveva manifestato una certa insoddisfazione nei confronti del numero ridotto di vaccinati nel paese. In una riunione governativa del 7 ottobre, Pashinyan aveva affermato che stava affidando una “sfida” agli organi dello stato: “Andate e risolvete la situazione”.

Nello specifico, aveva richiesto alle forze dell'ordine di inasprire i controlli sui falsi documenti vaccinali.

“Ai Servizi di Sicurezza Nazionale e alla Polizia: Non voglio più sentir parlare di vaccinazioni false. Arrestateli.” aveva detto.

L'unico arresto di questo tipo, precedente agli ordini impartiti da Pashinyan era avvenuto a Yerevan dove, secondo quanto riportato, un medico avrebbe emesso passaporti vaccinali falsi in cambio di denaro.

La questione dei certificati vaccinali falsi è nata con l'introduzione nel paese della vaccinazione obbligatoria per tutti i lavorati o, in alternativa, l'effettuazione ogni due settimane di test molecolari a pagamento.

Nella giornata di giovedì, il Ministero della Salute ha annunciato che i certificati vaccinali o i test molecolari verranno presto richiesti anche per accedere a bar, ristoranti e altri luoghi pubblici.

Mentre i casi giornalieri di COVID-19 continuano a crescere e la media di decessi è di 20 persone al giorno, solo il 6% circa della popolazione è completamente vaccinata. Il numero di persone che hanno ricevuto almeno una dose si aggira intorno alle 500,000, ovvero il 12% circa della popolazione totale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.