chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Portare la lingua laz online, un progetto alla volta: intervista ad Eylem Bostanci

Rize, Turchia. Screenshot da https://www.youtube.com/watch?v=feXQb1HV024

La lingua laz, o lazuri, è una delle 30 lingue minoritarie in Turchia e una di quelle più a rischio [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Secondo diverse fonti, ad oggi ci potrebbero essere dai 30,000 ai 200,000 parlanti di lingua laz e la maggior parte di loro vive ancora a Rize, sulle coste del Mar Nero.

Dal 1982 fino alla fine degli anni '90, è stato vietato l'insegnamento [tr] di tutte le lingue minoritarie nelle scuole turche, il che ha considerevolmente ostacolato l'utilizzo della lingua laz.

Nonostante una legge del 2002 preveda l'insegnamento delle lingue minoritarie parlate dai cittadini turchi nelle scuole secondarie, ci sono ancora troppi pochi insegnanti disponibili e molte scuole scoraggiano vivamente gli studenti dall'intraprendere tali studi.

Global Voices ha parlato con Eylem Bostancı, coordinatrice di progetti presso l'Istituto Laz, un'organizzazione dedicata alla promozione della lingua e della cultura laz con sede a Istanbul.

Bostancı è di etnia laz ma è cresciuta a Londra. Il suo viaggio alla riscoperta delle sue radici è iniziato 20 anni fa, quando si è imbattuta in un sito web grazie al quale ha scoperto altre persone laz.

Negli anni successivi, Bostancı ha tradotto libri dal lazuri all'inglese, compreso un libro di grammatica, e ha aiutato a pubblicare riviste in lazuri.

L'intervista è stata riadattata per ragioni di sinteticità.

Doğa Çelik (DÇ): Come hai maturato questo interesse per la lingua Laz?

Eylem Bostancı (EB): I am an ethnic Laz and both my parents’ first language is Laz. Yet, since I was raised and educated in London I could understand a bit but not speak Laz. The Laz language is a strong component of my cultural heritage and my roots. It was through an internet site that I met with other Laz people in 2001, writing articles and doing research on Laz by going into archives at the British Library. In 2002, I made a radical decision to move to Istanbul, Turkey, where I married my husband who is the first person to publish a Laz-Turkish dictionary in Turkey.

Eylem Bostancı (EB): Io sono di etnia laz e la lingua laz è la prima lingua di entrambi i miei genitori. Tuttavia, poiché sono cresciuta e ho studiato a Londra riuscivo un po’ a capire la lingua, ma non a parlarla. La lingua laz è una forte componente della mia eredità culturale e delle mie radici. È stato grazie a un sito internet che ho incontrato altre persone laz nel 2001. scrivendo articoli e facendo ricerche sulla laz tra gli archivi della British Library. Nel 2002 ho preso la drastica decisione di trasferirmi a Istanbul, in Turchia, dove ho sposato mio marito, la prima persona ad aver pubblicato un dizionario laz-turco in Turchia.

: Dove pensi che si trovi la lingua Laz su internet?

EB: Currently, there aren’t sufficient education methodology, materials and resources that can be easily accessed through the internet, which means that the education in these languages is not adequately supported. The internet is a strong medium that facilitates the widespread access to all materials and resources in Laz. Those materials prepared in the recent years are not compatible with the digital sphere, thus not user-friendly or easily accessible to those wishing to learn the language. Within the scope of the European Union project that we started in July 2020, we will be producing practical, innovative, easy to access and diverse podcasts, videos, and learning materials enriched by graphics and music so that children and the young people can learn their mother language. In addition, existing learning materials will be digitalized.

EB: Al momento, non ci sono sufficienti metodologie di istruzione, materiali e risorse che possano essere facilmente accessibili via internet, il che significa che l'educazione in queste lingue non è supportata in modo adeguato. Internet è un mezzo potenze che facilita l'ampio accesso a tutti i materiali e le risorse in laz. I materiali preparati negli ultimi anni non sono compatibili con la sfera digitale, perciò non sono user-friendly o facilmente accessibili a coloro che desiderano imparare la lingua.  Nell'ambito del progetto dell'Unione Europea che abbiamo iniziato nel luglio 2020, produrremo vari podcast, video e materiali didattici pratici, innovativi, di facile accesso, arricchiti da grafica e musica, affinché i bambini e i giovani possano imparare la loro lingua madre. Inoltre, saranno digitalizzati i materiali di apprendimento già esistenti.

: Quanto pensi sia importante internet per preservare la lingua Laz?

EB: It is critical. We have organised a “Digital Activism” training recently, in which academics and experts in the field of endangered languages digital activism were invited as lecturers. Through digital activism and language preservation trainings aimed at the young people who are interested in safeguarding the endangered language as native speakers, activists or NGO members, we target to increase the capacities of the participants within the respective matter, and help them use social media efficiently and productively. The content of the training are the creation of visual material, the techniques and application of video activism, effective use of digital tools, citizen journalism, digital language preservation focusing on the mother language and cultural rights, preparing news text in the mother language. At the end of this activity, we will prepare a digital handbook intended for the institutions and activists conducting a rights-based study on the endangered languages and cultural rights.

EB: È fondamentale! Abbiamo recentemente organizzato un programma di formazione “Attivismo digitale”, a cui sono stati invitati come docenti accademici ed esperti nel settore delle lingue in pericolo. Tramite l'attivismo digitale e i corsi formazione per la preservazione delle lingue rivolti ai giovani interessati alla salvaguardia della lingua come madrelingua, attivisti o membri di ONG, puntiamo a aumentare le capacità dei partecipanti nelle loro rispettive materie e li aiutiamo ad utilizzare i social media in modo efficiente e produttivo. I contenuti del corso di formazione sono la creazione di materiali visivi, le tecniche e l'applicazione del video attivismo, l'uso efficace degli strumenti digitali, il giornalismo partecipativo, la preservazione del linguaggio digitale con particolare attenzione alla lingua madre e ai diritti culturali, la preparazione di articoli di giornale nella lingua madre. Alla fine di questa attività, prepareremo un manuale digitale destinato alle istituzioni e agli attivisti che conducono uno studio basato sui diritti sulle lingue in pericolo e sui diritti culturali.

: Hai in mente qualche progetto digitale?

EB: We are working towards creating a digital media platform by building content that involves news related to the developments for Laz and other endangered languages in Turkey and the world, information on the Laz language, culture and the history, learning materials, photos, articles, videos, interviews and podcasts. We are also working on producing cartoons in Laz for children. There is a rapidly increasing number of young Laz who consult the Laz Institute to find out about their language and culture in search of their ethnic identity and expressing their demand for expanded cultural rights and extended representation of their linguistic groups of people. We strive to meet the increasing demand from the Laz people for better accessible resources through concentrating on digitalisation. The Laz Institute website  and the TAD-Endangered Languages website that we have established during our latest EU funded project both contain the information and resources that are developed by us. We have also set up social media accounts for Laz Enstitusu and Tehlike Altindaki Diller (Endangered Languages) on YouTube, Facebook, Twitter, Instagram and LinkedIn. In addition, in May 2020 we have  applied for Duolingo app to be available in the Laz language.

We will also create a Laz Audio Dictionary website and a digital “Language Map” of Laz and Circassian languages.  This will be an online map showing the cities, towns and villages where the Laz and Circassian languages are spoken in Turkey. The map will also include the ethnographic information, population number, and the original names of the towns and villages and the new names given by the state in the last 80 years. This map will enable users to make updates, allowing them to add new information. Thus, correct census data will be provided on these languages and the changed place names will be visible and easily accessible.  In addition, we are also working on Laz and Circassian language learning websites.

EB: Stiamo lavorando per la creazione di una piattaforma digitale multimediale attraverso la creazione di contenuti che riguardano informazioni relative agli sviluppi della laz e delle altre lingue in pericolo in Turchia e nel mondo, informazioni sulla lingua, la storia e la cultura laz, materiali per l'apprendimento, fotografie, articoli, video, interviste e podcast. Inoltre, stiamo lavorando alla produzione di cartoni animati per bambini in laz. C'è un numero in rapida crescita di giovani laz che consultano l'Istituto Laz per conoscere la loro lingua e cultura, alla ricerca della loro identità etnica ed per esprimere la loro richiesta di maggiori diritti culturali e di una maggiore rappresentazione dei loro gruppi linguistici. Ci sforziamo di soddisfare la crescente domanda del popolo Laz di risorse più accessibili concentrandoci sulla digitalizzazione. Il sito [tr] dell'Istituto Laz e quello del TAD-Endangered Languages [tr] (Lingue in pericolo) che abbiamo fondato durante il nostro ultimo progetto finanziato dall'UE contengono entrambi le informazioni e le risorse che sono sviluppate da noi.  Abbiamo anche creato account sui social media per il Laz Enstitusu e Tehlike Altindaki Diller (Lingue in pericolo) su YouTube, Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn. Inoltre, nel maggio 2020 abbiamo chiesto che l'app Duolingo sia disponibile in lingua laz. Creeremo anche un sito web di Dizionario Audio Laz e una “Mappa linguistica” digitale delle lingue laz e circasse. Questa sarà una mappa online che mostrerà le città, i paesi e i villaggi in Turchia dove sono parlate le lingue laz e circasse. La mappa includerà anche informazioni etnografiche, il numero di abitanti, i nomi originali delle città e dei villaggi e i nuovi nomi dati dallo stato negli ultimi 80 anni. Gli utenti avranno la possibilità di aggiornare la mappa, permettendo loro di aggiungere nuove informazioni. Così, saranno forniti dei dati corretti sul censimento di queste lingue e i nomi dei luoghi modificati saranno visibili e facilmente accessibili.  Inoltre, stiamo anche lavorando su siti web per l'apprendimento delle lingue laz e circasse.

GV: Hai riscontrato problemi nel cercare di diffondere l'utilizzo della Lazuri? 

We are experiencing some problems in communicating correct information on the Laz language. For instance, the Laz/Mingrelian languages are classified not as languages on their own, but as dialects of another language on Wikipedia, as well as many academic articles, wrongly being classified as “Kartvelian” languages, rather than solely “South Caucasian” languages. We have amended the information on Wikipedia several times, yet it has been changed back, making it difficult to deal with. Although the information in the already published non-digital sources are hard to correct, it is possible to interact with the online sources. We are now establishing an “International language preservation and promotion studies” network and contacts will be made with the internet sources, identified at the beginning of the studies activity, for the amendment of information and providing the accurate information (with relevant sources) on the Laz language.

Stiamo riscontrando alcuni problemi nella comunicazione di informazioni corrette sulla lingua laz. Per esempio, su Wikipedia, così come in molti articoli accademici, le lingue laz/mengrelia sono classificate non come lingue a sé stanti, ma come dialetti di un'altra lingua, essendo erroneamente classificate come lingue “Kartvelian”, piuttosto che semplicemente come lingue “caucasiche meridionali”. Abbiamo modificato le informazioni su Wikipedia diverse volte, tuttavia sono state cambiate di nuovo, rendendone difficile la gestione. Nonostante le informazioni nelle fonti non digitali già pubblicate siano difficili da correggere, è possibile invece intervenire sulle fonti online. Al momento stiamo stabilendo una rete di “Studi internazionali di conservazione e promozione delle lingue” e saranno presi contatti con le fonti internet, identificate all'inizio dell'attività di studio, per modificare le informazioni e fornire informazioni accurate (con fonti pertinenti) sulla lingua laz.

Storie recenti Medio Oriente & Nord Africa

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.