chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

COP26: personalità dello sport keniote chiedono un'azione decisiva per combattere la crisi climatica

Eliud Kipchoge, a Kenyan professional long-distance runner and is the greatest marathon runner of all-time is among 50 Olympians who called for climate action during the COP26 in Glasgow

Eliud Kipchoge, un corridore keniota professionista e il miglior maratoneta di tutti i tempi,è tra i 50 atleti olimpici che hanno chiesto un'azione diretta sul clima durante la conferenza del COP26, a Glasgow. La foto di MichaelGubi è sotto licensa CC BY-NC 2.0

Nell'Agosto 2021, Athletics Kenya [en, come i link seguenti] è diventato il primo organismo di atletica nazionale ad unirsi a World Athletics come firmatario delle Nazioni Unite per Climate Change (UNCC) Sports for Climate Action Framework — un'iniziativa collaborativa dell'ONU volta a ridurre le emissioni di carbonio nell'industria sportiva. Questo avveniva due mesi prima della conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP26), a Glasgow.

Più di 50 atleti Olimpici e Paralimpici da tutto il mondo hanno invitato i leader mondiali di fare qualcosa per il clima, in una campagna video intitolata “Dear Leaders of the World.” Tra i 50 atleti c'era Eliud Kipchoge, il maratoneta più rinomato del Kenya. L'uscita del video è coincisa con l'inizio del summit in Scozia. Nel video, gli atleti definiscono il COP26 “le olimpiadi del summit sul clima”.

Mentre annunciava la decisione di unirsi alla World Athletics come firmataria del Climate Action Framework per lo sport, il presidente di Athletics Kenya, Jack Tuwei, ha notato che il Kenya ha già subito i devastanti effetti della crisi climatica, così come altre nazioni africane.

Ha aggiunto che il Kenya ha una ricca tradizione di difesa ambientale, come la prima vincitrice keniota del Premio Nobel, Wangari Maathai, che ha contribuito allo sviluppo sostenibile, alla democrazie e alla pace attraverso la sua iniziativa per piantare alberi, il movimento  Green Belt. Il Kenya ha anche bandito l'uso della plastica mono-uso nel 2017, ed è stato uno dei primi firmatari dell'iniziativa Clean Seas.

#COP26: Gli atleti chiedono ai leader mondiali un cambiamento

In occasione della COP26 a Glasglow, le nazioni sono attese a delineare i loro piani per soddisfare gli impegni sul clima presi durante gli accordi di Parigi del 2015. Uno dei principali impegni, includeva la riduzione delle emissioni di carbonio per limitare il riscaldamento globale sotto i 2 gradi Celsius.

L'industria dello sport è un settore multimiliardario di vasta portata. Grazie all'inclusività e alla capacità di accogliere numerose culture, gli atleti credono che possa essere uno strumento utile per comunicare e affrontare il cambiamento climatico.

Nell'Aprile 2021, la stella delle arti marziali del Kenya, Faith Ogallo, ha sostenuto che gli atleti dovrebbero imparare dalla pandemia di COVID-19 e agire insieme, “comportandosi da campioni per sollevare questioni relative al cambiamento climatico.” Ha sottolineato la necessità di essere consapevoli di come gli atleti interagiscono con l'ambiente, in particolare per quanto riguarda lo smaltimento dei materiali di allenamento. Ha chiesto agli atleti di riunirsi e promuovere il miglioramento del clima.

L'ONU riconosce il potere dello sport e ha creato lo Sport for Climate Action Framework, che chiede agli organismi sportivi di seguire cinque principi fondamentali, tra cui l'adozione di sforzi sistematici per promuovere una maggiore responsabilità ambientale, riducendo l'impatto globale sul clima, e sostenere l'azione per il clima attraverso la comunicazione.

La crisi climatica e gli effetti sul mondo dello sport

La crisi climatica sta avendo un impatto tangibile sul mondo dello sport e sta diventando la causa maggiore di preoccupazione per le personalità dello sport e per coloro che governano gli organi di atletica.

A Settembre, il programma dell'Aspen Institute of Sports and Society ha riunitio un gruppo di esperti internazionali tra cui David Goldblatt, autore di saggi sull'ambiente e sullo sport, Tim Leiweke, CEO e sviluppatore della Climate Change Pledge Arena a Seattle, e l'atleta olimpica statunitense Susan Dunklee, per la conferenza Future of Sports: Climate Crisis and the Role of Sports.

Goldblatt, ha detto che la produzione dell'industria sportiva è di 5-6 miliardi di dollari l'anno e genera più emissioni, a causa dei trasporti, rispetto ad altri settori, creando circa 0,6-0,8% di tutte le emissioni globali. Ha esortato l'industria mondiale dell'abbigliamento sportivo a raggiungere la neutralità del carbonio entro il prossimo decennio e a diventare più trasparente sul carbonio che produce. Ha chiesto:

What will it be like playing futbol outdoors in Africa in ten years? It might not be possible.

Come sarà giocare a calcio all'aperto, in Africa tra 10 anni? Potrebbe non essere possibile.

Marcia per il cambiamento globale. La foto di Oxfam International è sotto licenza CC BY-NC-ND 2.0

Dunklee, ha osservato che una delle sfide più complicate sono i tifosi che viaggiano per vedere uno sport.

How do we convince them to come by more sustainable means? Long term, we need to think about ways to maintain and grow our fanbase while encouraging them not to travel.

Come li convinciamo ad utilizzare mezzi più sostenibili? Dobbiamo pensare, a lungo termine come mantenere e far crescere i nostri tifosi mentre li incoraggiamo a non viaggiare.

Uno degli ultimi eventi sportivi, condizionato dal cambiamento climatico è stata la maratona durante le Olimpiadi di Tokyo, nel 2021, che è stata ritardata a causa delle preoccupazioni per il caldo torrido. I concorrenti si sono lamentati delle condizioni brutali nei “Giochi più caldi di sempre”.  Altri eventi sportivi, colpiti dal cambiamento climatico sono state le Olimpiadi invernali di Sochi, dove gli organizzatori sono stati costretti a usare neve artificiale per integrarla a quella che si stava sciogliendo nelle sedi olimpiche. 

L'organizzazione mondiale della sanità ha predetto che lo stress da calore legato al cambiamento climatico potrebbe causare 38.000 morti all'anno tra il 2030 e il 2050.

Nel 2018, le maggiori personalità dello sport sono state colpite dal caldo durante gli eventi sportivi. Il tennista Novak Djokovic  ha lottato contro l'umidità durante un match agli US Open. Altri quattro giocatori si sono ritirati a causa del caldo estremo.

Allo stesso modo, il più grande evento sportivo del mondo, la Coppa del Mondo FIFA, che si svolgerà in Qatar nel 2022. Anche se di solito si svolge tra giugno e ouglio, è stata spostata a Novembre per evitare l'eccessivo caldo estivo del Medio Oriente. Anche con lo spostamento da metà anno a fine anno, gli stadi dovranno dotarsi di aria condizionata per mantenere il campo e la temperatura dello stadio di circa 26 gradi.

Il cricket, uno degli sport più popolari al mondo, è stato danneggiato a causa del caldo. Già nel 2016, 13 partite della Premier League Indiana sono state spostate nella città indiana di Maharashtra a causa della grande siccità. Allo stesso modo, nel 2018, la città sudafricana di Cape Town ha sperimentato la peggiore siccità degli ultimi 100 anni, portando a eventi sportivi ridotti a causa delle scarse risorse idriche nella maggior parte delle sedi sportive. 

Andrew Simms, del Rapid Transition Alliance, un gruppo di accademici e attivisti che stanno promuovendo una risposta globale più rapida al cambiamento climatico, ha dichiarato, “Un primo passo sarebbe quello di porre fine alla sponsorizzazione di società di combustibili fossili e prodotti che promuovono stili di vita ad alta intensità di combustibili fossili.” Ha aggiunto:

If players also speak out and say they believe clean air and a stable climate matter, millions more will see the possibilities for change. It will not only send a message of hope for the wider world, but it will help to guarantee a planet that is safe for sport.

Se anche i giocatori parlassero e dicessero di credere nell'aria pulita e in una questione climatica stabile, altri vedrebbero le possibilità di cambiamento. Non solo invierebbe un messaggio di speranza al mondo intero, ma contribuirebbe a garantire un pianeta sicuro per lo sport.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.