chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Gatti, corvi e il pianeta Terra: i disegni dei prigionieri politici bielorussi

Protest in Belarus, September 2020. Image by Jana Shnipelson, Public Domain.

Proteste a Bielorussia, settembre 2020. Immagine di Jana Shnipelson, Pubblico dominio.

Questo articolo [en, come i link seguenti] di Hleb Liapeika, è stato postato in origine da Mediazona e la traduzione è apparsa su Open Democracy il 25 ottobre 2021. È stato ripubblicato come parte di una partnership di condivisione dei contenuti ed è stato modificato per adattarsi allo stile GV.

Fin dalle elezioni presidenziali bielorusse, ad Agosto dell'anno scorso, il paese è stato colpito da una brutale repressione da parte delle forze di sicurezza.

Protestanti, politici, civili e giornalisti sono stati imprigionati e trattenuti e molti sono stati condannati al carcere. Il Viasna Human Rights Center, afferma che attualmente ci sono 812 prigionieri politici nel paese.

In risposta a quest'ondata di violenza da parte della polizia e questa detenzione arbitraria, sono state lanciate campagne di solidarietà a sostegno delle persone condannate per reati politici. Ma con poche informazioni su cosa succede all'interno delle prigioni in Bielorussia, le persone all'esterno si affidano a lettere, e spesso a disegni, dei prigionieri.

Mediazona, un organo di informazione sulla legge e la giustizia, recentemente ha pubblicato una serie di illustrazioni basate sulle immagini di bielorussi che si sono trovati dietro le sbarre nell'ultimo anno – attivisti, manifestanti, oppositori del regime di Lukashenko e artisti.

OpenDemocracy, ha tradotto e ripubblicato l'articolo grazie ad un permesso.

Nadzeya Kalach

Centro di detenzione preventiva Num.1, Minsk

Nadzeya Kalach. Illustration: Maria Tolstova for Mediazona.

Nadzeya Kalach. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Nadzeya Kalach è un membro del gruppo folk rock bielorusso Irdorath, ed è accusata di “grave disturbo dell'ordine pubblico”. È stata arrestata nell'agosto 2021.

In una lettera ad un’ amica, Kalach ha detto che le mancano alcune canzoni (la sua amica le ha fatto un playlist di queste canzoni su YouTube), e riferisce che lei e le sue compagne di cella hanno fatto una torta, e hanno soffiato su un fiammifero acceso sopra.

“Io non sono libera adesso, ma quello che abbiamo creato e messo al mondo lo è. La mia voce è ancora nelle nostre canzoni, così come nei nostri strumenti. Le persone stanno ascoltando queste canzoni da qualche parte e questo porta loro gioia. Mi piace”, scrive.

Siarhei Ramanau

Centro di detenzione preventiva del KGB, Minsk.

Siarhei Ramanau. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Siarhei Ramanau. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Siarhei Ramanau è accusato di “atti terroristici” e “azioni illecite relative a sostanze infiammabili”. Lui è uno dei quattro anarchici identificati, dai servizi di frontiera bielorussi, dopo il loro arresto lo scorso autunno, come “radicali con un impressionante arsenale [di armi]” .

La corrispondenza esterna raramente raggiunge le persone all'interno del Centro di detenzione preventiva del KGB , e Ramanau tende a scrivere lettere brevi. Secondo i suoi amici, era solito disegnare illustrazioni per tatuaggi,e ha iniziato a disegnare a matita quando è stato imprigionato dal 2014 al 2019.

Dzmitry Dubousky

Centro di detenzione preventiva del KGB , Minsk

Dzmitry Dubousky. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Dzmitry Dubousky. Illustraziome di Maria Tolstova per Mediazona.

L'anarchico Dzmitry Dubousky è imputato delle stesse accuse di Siarhei Ramanau. Dice che in prigione sta migliorando le sue abilità nel disegno a matita, e ha inviato a sua sorella Yulia una lettera e un disegno con questo messaggio:

Here’s a drawing that reflects the atmosphere in our cell :). Sometimes I get carried away with thoughts and reflections; this is how our days pass.

Questo è il disegno che rappresenta l'atmosfera nella nostra cella :). A volte mi lascio trasportare da pensieri e riflessioni; così passano le nostre giornate.

Ales Minau

Centro di detenzione preventiva Num.1, Minsk.

Ales Minau. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Ales Minau. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Ales Minau era un professore di lingua e letteratura bielorussa a Minsk, fino al suo arresto nell'Agosto 2021. È accusato di “grave disturbo dell'ordine pubblico”.

In una lettera alla sua amica Arina, Minau disegna un quadro del mondo con una frase “Perché c'è così tanto odio nel mondo?”.

“A volte la tristezza prova a prendere il sopravvento, ma ho smesso di autocommiserarmi o lamentarmi del mio fato, e mi aspetto accada il peggio,” ha scritto.

Kim Samusenka

Centro di detenzione preventiva Num.1, Minsk

Kim Samusenka. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Kim Samusenka. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Kim Samusenka è una delle quattro persone accusate di hackeraggio dei sistemi informatici del Minsk City Executive Committee’s IT systems, ed è dietro le sbarre dal Novembre 2020. Sua moglie Alesya ricorda di aver chiesto a Kim di “disegnare qualcosa di bello, per avere un bel ricordo di lui”. Samusenka, ha disegnato un gatto che secondo Alesya somiglia a suo marito: “È positivo quanto lui, e con la stessa ironia sul mondo.”

“C'è questo meraviglioso autunno la fuori. Mi piacerebbe anche passeggiare con tutta la mia famiglia”, ha scritto in una lettera, descrivendo il piacere dell'esercizio quotidiano in prigione.

Kasya Budzko

Centro di detenzione Num.1, Minsk

Kasya Budzko. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Kasya Budzko. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Kasya Budzko, studentessa, è stata condannata a due anni e mezzo di prigione per “grave disturbo dell'ordine pubblico” in relazione alle proteste studentesche.

Ha inviato un disegno surreale ad un amico, e ha condiviso alcune notizie in una lettera: un nuovo compagno di cella che parla bielorusso. Budzko, che parla russo, dice che lei “potrebbe, finalmente, superare la mia barriera interna e iniziare a parlare bielorusso”.

Maria Kalenik

Centro di detenzione preventiva num.3, Homyel

Maria Kalenik. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Maria Kalenik. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Maria Kalenik, una studentessa dell’ Accademia statale bielorussa delle arti, è stata condannata a due anni e mezzo di prigione come Kasya Budzko. Spesso invia lettere con disegni di animali ai suoi amici, e ha inviato foto di un gatto e di uno scoiattolo ai suoi amici Hleb e Darina.

“Questo gatto è arrabbiato perché è stato svegliato,” ha spiegato. Kalenik ha disegnato uno scoiattolo, Darina dice perché è arte e discutono regolarmente di arte e design.

Ruslan Slutsky

Centro di detenzione preventiva No.2, Minsk.

Ruslan Slutsky. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Ruslan Slutsky. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Ruslan Slutsky è stato imprigionato nel Gennaio 2021. Secondo gli investigatori, nel Novembre 2020, aveva lasciato una serie di chiodi fatti in casa su una strada nella regione di Vitsebsk, prima di un rally automobilistico a sostegno delle autorità bielorusse.

In una lettera alla sua amica di penna, Polina, Slutsky dice che ha iniziato a disegnare due mesi dopo l'incarcerazione. “E puoi vedere il risultato nei disegni,” ha scritto. “Ricevo lettere da amici, e ora ne ho un’ altra. Grazie mille.”

Ivan Krasousky

Centro di detenzione preventiva Num.1, Minsk.

Ivan Krasousky. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Ivan Krasousky. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Ivan Krasousky, un anarchico, è stato condannato a tre anni, in un carcere di minima sicurezza, per aver partecipato alle proteste dopo le elezioni 2020-21. Dopo aver ricevuto una cartolina dalla sua amica di penna, Darina, Krasousky gli ha spedito un disegno di SpongeBob. “La tua cartolina è FORTISSIMA! Ci ha rallegrato un sacco!” ha scritto. L'amica di penna di Krasousky dice che non ricorda cos'ha inviato.

Ales Pushkin

Prigione investigativa Num.8, Zhodzina.

Ales Pushkin. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Ales Pushkin. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Ales Pushkin, un artista e performer, è statto imprigionato il 30 Marzo di quest'anno, ed è accusato di “riabilitazione del nazismo”. Adesso dal carcere, invia alla sua amica Valeria disegni e schizzi per un libro futuro.

La foto di Pushkin è accompagnata da una poesia: “A Hrodna, ho udito un corvo piangere/ Il corvo è la rappresentazione di Odino/ Io sono un discendente dei vichinghi.”

Anastasia Mirontsava

Colonia penale Num.4, Homyel.

Anastasia Mirontsava. Illustration by Maria Tolstova for Mediazona.

Anastasia Mirontsava. Illustrazione di Maria Tolstova per Mediazona.

Anastasia Mirontsava è stata condannata a due anni per aver partecipato alle proteste dell'Agosto 2020, con le accuse di “grave disturbo dell'ordine pubblico” e “attacco ad un pubblico ufficiale”.

In una lettera dell'Agosto 2021, Mirontsava parla di una donna che ha incontrato in prigione, che si prendeva cura dei fiori nel giardino della prigione e si arrabbiava se qualcuno li toccava. La donna le ha detto che otto anni fa,quando il prigioniero che si prendeva cura dei fiori è stato rilasciato, questi ultimi hanno iniziato ad appassire. La nuova conoscenza di Mirontsava, senza volerlo all'inizio, si è assunta la responsabilità dei fiori.

Her eyes get so bright when she starts talking about the flowers! She says that they can feel everything. What you say to them, they communicate back. They send the same energy back. She says that the flowers are also imprisoned here.

I suoi occhi brillano così tanto quando inizia a parlare dei fiori! Dice che loro possono sentire tutto. Quando tu gli parli, loro ti rispondono. Mandano indietro la stessa energia. Dice che anche i fiori sono imprigionati qui.

Mirontsava ha anche incluso una foto di un albero piantato dalla “prima donna” in prigione 15 anni fa.

Illustrazioni di Maria Tolstova.

Storie recenti Europa centrale & orientale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.