chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Hong Kong rimane ferma sulla politica zero-COVID come strategia principale per riconnettersi alla Cina

Sala arrivi vuota all'aeroporto internazionale di Hong Kong. File foto: Candice Chau/HKFP. Usato previa autorizzazione.

So if Hong Kong were to loosen border controls for people arriving from overseas or adopt with what other countries have done — so-called to live with Covid-19 virus — then the chances to travel with the mainland will be reduced.

Quindi, se Hong Kong dovesse allentare i controlli alle frontiere per le persone che arrivano dall'estero o adottare le cosiddette misure che altri paesi hanno adottato per convivere con il virus COVID-19 – allora le possibilità di viaggiare via terra saranno ridotte.

Lo ha affermato l'amministratrice delegata di Hong Kong Carrie Lam durante un'intervista [en, come nei link seguenti, salvo diversa comunicazione] il 26 ottobre in risposta a un gruppo di pressione finanziaria, la richiesta dell'Asia Securities Industry and Financial Markets Association di allentare le regole di quarantena obbligatoria di 14-21 giorni per tutti i viaggiatori che entrano da altri paesi.

Con oltre 150 istituzioni, il gruppo commerciale finanziario ha avvertito all'inizio di questa settimana che la strategia zero-COVID di Hong Kong potrebbe pregiudicare lo status della città quale centro finanziario.

Il gruppo ha condotto un sondaggio tra i suoi membri prima di emettere la lettera di avvertimento:

L'Asia Securities Industry and Financial Markets Association ha affermato che il 48% dei suoi membri stava pensando di spostare il personale o le funzioni lontano da Hong Kong a causa di sfide operative, tra cui l'incertezza sui viaggi e le restrizioni di quarantena.

Allo stesso tempo, il sondaggio sull'expat explorer 2021 di HSBC ha indicato che il grado di vita di Hong Kong è sceso da 20 nel 2019 a 40 nel 2021 e il suo grado di prospettiva futura è sceso da 15 a 41 nello stesso periodo. La sua classifica generale è ora inferiore a quella della Thailandia e solo leggermente migliore delle Filippine. Nel frattempo, Singapore si classifica 9 e Taiwan 15 a livello globale nel sondaggio.

In precedenza, anche la Camera di Commercio americana ha emesso un avvertimento simile esortando il governo di Hong Kong ad allentare i suoi requisiti di quarantena.

In base alla politica zero-COVID, Hong Kong ha implementato una regola di quarantena obbligatoria di 14-21 giorni per tutti i viaggiatori in entrata in un elenco di hotel designati, l'uso obbligatorio di maschere in tutti gli spazi pubblici, il monitoraggio dei contatti, il blocco della comunità e test di massa ogni volta che un'infezione locale viene rilevata anche se la città ha avuto infezioni quotidiane locali a una cifra per mesi.

Esperti medici, come l'epidemiologo Ben Cowling dell'Università di Hong Kong, hanno messo in dubbio il lungo requisito di quarantena obbligatoria, in particolare il confinamento di 21 giorni per i viaggiatori completamente vaccinati provenienti da paesi ad alto rischio, che includono la maggior parte dei paesi in Europa, Asia, Sud America e USA. Inoltre, l'attuale politica di controllo non prevede incentivi sulle vaccinazioni per i residenti delle città.

Finora, solo il 60% circa della popolazione cittadina è stata completamente vaccinata. La vaccinazione tra gli anziani, dagli 80 anni in su, è ancora inferiore al 17 per cento.

Introdotte misure sempre più restrittive

Ma le suppliche e i dubbi sollevati dai settori economico e medico non hanno ricevuto una risposta positiva.

Invece di allentarle, le restrizioni di viaggio saranno ulteriormente rafforzate poiché il governo ha deciso di eliminare la maggior parte delle esenzioni di quarantena concesse a gruppi specifici di visitatori provenienti dall'estero e dalla Cina continentale.

Hong Kong attualmente consente ai diplomatici e ai leader aziendali, nonché ai residenti di Hong Kong di ritorno da Guangdong e Macao, di essere esentati dalla regola della quarantena obbligatoria. L’imminente accordo consentirà solo ai lavoratori essenziali come i camionisti transfrontalieri di effettuare viaggi senza quarantena.

Anche i requisiti di vaccinazione per i viaggiatori in arrivo saranno abbassati dai 17 ai 12 anni, a partire dal 29 ottobre.

Inoltre, a partire dal 27 ottobre, i pazienti guariti da COVID-19 dimessi dagli ospedali di Hong Kong devono sottoporsi a 14 giorni in più di quarantena in una struttura medica. Ancora una volta, il dottor Ben Cowling ha sollevato i suoi dubbi su Twitter:

La lettura cinica (anche se non necessariamente errata) è che non è l'epidemiologia ma la politica a guidare questa strategia. Il governo di Hong Kong ha puntato tutto sulla riapertura del confine con la terraferma, quindi subiamo tutto ciò che si pensa possa far accadere quella magia.

In effetti, la dichiarazione di Carrie Lam ha chiarito che la priorità assoluta della città è riaprire il confine con la Cina continentale. Per fare ciò, il governo non esiterà a introdurre regole più restrittive che sono attualmente in uso in Cina, anche se violino la privacy ei diritti degli individui.

La motivazione politica ha innescato lo scetticismo sulle politiche di controllo della pandemia della città. Anche coloro che sono d'accordo con la strategia zero-covid, che ha efficacemente represso i focolai locali, stanno diventando dubbiosi su questa politica del governo:

covid zero *is* working in HK, in that we haven't had any community infections in six months. But HK govt is increasingly bending over backwards to prove to Beijing that it can maintain this because they want the China border reopened. So that means closing off outside world more https://t.co/2b0DP1rhxa

— Dr. Groundhog Day 💉💉 (@Comparativist) October 27, 2021

Stabilire protocolli sanitari per l'attraversamento delle frontiere

I valichi di frontiera tra Hong Kong e Shenzhen sono stati limitati per oltre 20 mesi a causa della pandemia della COVID-19. Per facilitare i viaggi transfrontalieri senza quarantena, il governo di Hong Kong ha iniziato a negoziare con la provincia di Guangdong e Macao per creare una politica del codice sanitario reciprocamente riconosciuta nel giugno 2020.

Attualmente, Guangdong e Macao hanno accordi di viaggio senza quarantena poiché le due regioni cinesi condividono una politica del codice sanitario reciprocamente riconosciuta. Entrambe le amministrazioni adottano un sistema di codici QR tricolore per indicare il rischio per la salute di una persona e limitarne i movimenti, ma l'applicazione Macao non ha una funzione di geolocalizzazione. Il colore viene assegnato in base allo stato di salute e ai contatti dell'utente. Ma l'organizzazione del viaggio senza quarantena sarebbe sospesa per 21 giorni ogni volta che si osserva un'infezione locale.

D'altra parte, il sistema della Cina continentale seguirà i movimenti dell'utente e aumenterà automaticamente il suo livello di rischio se è stato in luoghi visitati dagli infetti.

Il governo di Hong Kong spera di poter adottare un sistema simile a Macao e richiedere inoltre all'utente di inviare volontariamente i propri dati di tracciamento dei contatti memorizzati nell'applicazione “LeaveHomeSafe” al nuovo sistema del codice sanitario.

L'applicazione “LeaveHomeSafe” viene utilizzata in città per il monitoraggio dei contatti. I dati di contatto vengono archiviati localmente nel dispositivo mobile e verranno condivisi con le autorità solo se l'utente è infetto.

Poiché alcuni cittadini si sono astenuti dall'utilizzare l'applicazione, il governo di Hong Kong ha recentemente reso obbligatorio per le persone che visitano le sedi governative e di servizio pubblico l'utilizzo dell'applicazione per ottenere l'accesso a partire dal 1° novembre.

La politica ha suscitato polemiche poiché ci sono ancora alcuni residenti che non hanno smartphone. Tuttavia, le autorità lo considerano un passo necessario per ottenere l'approvazione di Pechino per il codice sanitario per l'attraversamento delle frontiere, che entrerà presto in un periodo di prova [ja].

Nonostante lo sforzo per aumentare l'utilizzo dell'app di tracciamento locale dei contatti, Tam Yiu-chung, membro del Comitato Permanente del Congresso Nazionale del Popolo, ritiene che Pechino non accetterà la proposta.

Se la proposta non viene accettata, l'unica opzione rimasta per coloro che devono recarsi a Macao e nella Cina continentale è di installare la versione cinese del codice sanitario e consentire alle autorità di tenere traccia dei dati sulla posizione, come sostenuto [jp] dall'ex amministratore delegato Leung Chung -Ying tra i vari Pro-Pechino.

Tuttavia, anche se è in vigore il sistema del codice sanitario transfrontaliero, l'accordo di esenzione dalla quarantena sarebbe sospeso in caso di infezione locale nell'ambito della “strategia zero-covid”, il che rende molto probabile che Hong Kong possa finire tagliata fuori dal mondo, ed incapace di ripristinare la normale connessione con la Cina:

A lose-lose Hong Kong's zero-COVID policy — weakening intl financial hub status and yet no quarantine-free travel to China for HK residents. Singapore won't complain.https://t.co/NsiioiMgup

— Jack Soh (@JackKSoh) October 25, 2021

Storie recenti Asia orientale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.