chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

“La mia gente vista da lontano e dall'alto”: l'Avana in foto

La mia gente vista da lontano e dall'alto. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

Testo e foto di Juan-Sí González per Periodismo de Barrio [es, come nei link seguenti, salvo diversa comunicazione], ripubblicati su Global Voices.

Dopo diversi anni, sono tornato all'Avana nel 2020. Abbiamo affittato una casa all'Avana Vecchia per invitare tutta la mia famiglia e trascorrere una settimana insieme. Sono stato anche invitato dall’INSTAR (Hannah Arendt International Institute of Artivism) a fare una presentazione audiovisiva sul lavoro svolto dal gruppo Art-De (arte e diritti) negli anni '80 e sul mio successivo lavoro in esilio. Mia moglie, mia figlia ed io siamo arrivati ​​il ​​31 gennaio.

Ho scattato una serie di foto durante i giorni della mia breve visita, immagini che erano condizionate da un PRIMA e da un DOPO.

Quelle scattate PRIMA sono foto scattate da vicino. Appartengono ai primi tempi, quando potevo uscire la mattina per passeggiare e respirare per le strade della mia vecchia città. In quei giorni ho fatto la stessa routine con lo scopo di documentarla tramite riconoscimento e localizzazione. Ho registrato facciate e interni che hanno attivato la mia memoria, cercando di creare una testimonianza aggiornata di luoghi che mi erano familiari.

Ma il 5 febbraio tutto è cambiato. Tornando a casa dopo aver terminato la mia passeggiata, sono andato al Plaza Hotel per prendere un caffè. Improvvisamente, due persone si avvicinarono e si sedettero ai lati del mio tavolo; erano ufficiali in borghese. Mi hanno detto che erano venuti ad avvertirmi della mia presentazione INSTAR. Uno di loro tirò fuori dalla tasca una scatola di H. Upmann e la posò sul tavolo, accanto alla mia di Marlboro. Mentre passavo una sigaretta all'altro agente e accendevo la sua, mi ha detto che mi stavano osservando mentre fotografavo le discariche e i luoghi incasinati della città; Mi ha chiesto perché e per cosa?

Dopo un lungo e spiacevole scambio, se ne andarono.

Il giorno dopo, ore prima della mia presentazione, seppi che non potevo uscire di casa per nessun motivo, fino al giorno in cui lasciai Cuba.

Le foto del DOPO sono state scattate da lontano, dove le persone appaiono per strada viste dall'alto. Queste immagini appartengono agli ultimi giorni del mio soggiorno, dopo il divieto di uscire e fotografare in pubblico. Sono state realizzate di nascosto, dall'interno, dal balcone e dal tetto di quella casa indimenticabile.

Un lungo tempo di attesa. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

Facciata, camminando per la città. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

All'interno, passeggiando per la città. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

All'interno, passeggiando per la città. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

All'interno, passeggiando per la città. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

All'interno, un lungo tempo di attesa. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

La mia gente vista da lontano e dall'alto. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

La mia gente vista da lontano e dall'alto. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

La mia gente vista da lontano e dall'alto. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

La mia gente vista da lontano e dall'alto. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

La mia gente vista da lontano e dall'alto. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

La mia gente vista da lontano e dall'alto. Foto: Juan-Sí González, dalla serie In Door / Close Up, 2020.

Juan-Sí González è nato a Santiago de Cuba (1959). Ha studiato all'Università delle Arti dell'Avana (ISA). È stato selezionato per partecipare alla prima e alla seconda Biennale dell'Avana. Nel 1987 ha co-fondato il Gruppo Art-De (arte e diritti) e ha iniziato a realizzare interventi di strada nelle strade dell'Avana. Vive in Ohio dal 2003, dove ha ricevuto tre premi per l'eccellenza nel suo lavoro dall'Ohio Arts Council e residenze presso centri artistici e università. È stato selezionato per partecipare alla Biennale d'Arte Latinoamericana del Bronx, NY; Il Biennial Neighborhood Museum, NY e la FotoFocus Biennial in Ohio. Il suo lavoro è stato esposto al The Frost Art Museum, Fort Lauderdale Museum of Art, Museum of Latin American Art, Indiana Museum of Art, Museo Carrillo Gil, The Institute Tomie Ohtake, Lima Centro de la imagen, Southeastern Center for Contemporary Art, Palacio de la Virreina, Centro Georges Pompidou, tra gli altri. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private.

Storie recenti Caraibi

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.