chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Tre grafici che spiegano il colonialismo portoghese

Immagine basata su una fotografia di Bruno Martins (via Unsplash)

Questo articolo di Ruth Correia è stato prima pubblicato [pt] su The Interruptor il 28 maggio 2021. Una traduzione è stata qui ripubblicata tramite un accordo sul contenuto ed è stato editata per lunghezza e chiarezza.

Il colonialismo e l'imperialismo sono strutture politiche complesse che presuppongono il dominio su altri popoli e territori. Nel caso del colonialismo europeo, che naturalmente include quello portoghese, la fiducia nella supremazia culturale sulla popolazione nativa era anche esplicita.

L'occupazione portoghese dei territori di oltremare, e la loro esplorazione, non erano eventi omogenei. Lo sfruttamento colonialista aveva periodi di massima e minima intensità, ma il costante ricorso storico era che era il maggiore motore dell'economia portoghese dal primo 1400.

Fino alla fine del XIX secolo, il Portogallo occupava porzioni delle zone costiere in territori che oggi corrispondono ai paesi dell’ Angola e del Mozambico, con poco controllo nell'interno. È stato solo nel 1885, alla Conferenza di Berlino [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], che il potere coloniale europeo aveva definito i confini di ciascun territorio, dividendo tra loro i continenti che non appartenevano loro.

L'arrivo, l'occupazione e il disimpegno dei territori

Condotta da Infante D. Henrique, ebbe inizio un'esplorazione marittima nel XV secolo. Questa impresa era giustificata dalla natura missionaria del cattolicesimo, che avrebbe anche portato a incursioni nel Nord Africa nel XV e XVI secolo. Il suo intento era quello di vedere quanto lontano fosse arrivata la legge musulmana. La conquista di Ceuta, una delle città portuali della costa settentrionale dell'Africa nel 1415 era una sorta di inizio ufficiale delle ostilità.

Sebbene i portoghesi scoprirono molti territori durante le loro spedizioni, vale la pena di distinguere la scoperta e la portata. Oltre a Capo Bojador, la “scoperta” era fondamentalmente cartografica, dal momento in cui l'esistenza di una terra oltre quel punto era già nota. Il fatto che una parte significativa dei territori colonizzati fosse disabitata quando i marinai arrivarono lì indica che questa idea di scoperta è una narrativa europeizzata — qualcuno già sapeva che quelle terre esistevano, gli europei non ci erano ancora arrivati. In questo modo, per fare un esempio, i portoghesi furono i primi a mettere piede in Giappone (1542–1543).

In un certo modo, ciò che è stato scoperto veramente erano nuove rotte.

Il Portogallo uscì lentamente dai territori colonizzati. Con l'eccezione dei territori che furono conquistati da altre potenze coloniali nei secoli, come parte dello Sri Lanka e della Malesia, questa uscita cominciò nel 1822 con l'indipendenza del Brasile e terminò soltanto nel 1999, quando Macao torno sotto la sovranità cinese — circa 450 anni dopo che i portoghesi arrivarono per la prima volta nella penisola. Mentre paesi come la Francia e il Regno Unito mantenevano ancora l'amministrazione di piccoli territori d'oltremare diffusi per tutto il globo, tra tutti i paesi europei, il Portogallo fu quello che ci mise più tempo nel riconoscere l'indipendenza dei territori occupati.

Traffici umani, schiavitù e lavori forzati

È vero che la schiavitù esisteva già sia in Portogallo che in Africa da tempo prima dell'espansione marittima. Ci sono due caratteristiche che distinguono le operazioni portoghesi dagli altri paesi: 1) l’ industrializzazione del processo lungo la tratta transatlantica e 2) l'introduzione di un fattore biologico mentre si selezionavano quali persone sarebbero divenute merce. Il colore della pelle dettava chi era libero e chi era schiavo.

I traffici umani durante il periodo espansionista cominciarono ufficiamente nel 1444, quando 235 persone furono catturate nell'Africa occidentale, portate in Portogallo e vendute come schiavi nel Lagos. Tra le potenze coloniali che emersero durante i secoli di colonialismo europeo, il Portogallo fu quella che trafficò il maggior numero di schiavi.

L’ idea che il Portogallo fosse il primo paese europeo ad abolire la schiavitù è falsa, cominciando con il fatto che questa abolizione fu un processo più che un evento. Il decreto del Marchese di Pombal pubblicato nel 1761 proibiva solo l'importazione di schiavi dalle metropoli. La visione dello statista, era tuttavia, troppo avanti per il contesto europeo dell'epoca. Due anni dopo, introducendo il Lei do Ventre Livre, che stabiliva che i bambini degli schiavi erano liberi alla nascita, la fine della schiavitù in Portogallo era lontana di una generazione, almeno sulla carta. Confinati alle metropoli, questi regolamenti avevano poco o alcun effetto nel contesto dell'impero coloniale, in quanto la rotta della maggior parte degli schiavi era dall'Africa alle Americhe.

Il maggior sconvolgimento legislativo si ebbe circa un secolo dopo con l'iniziativa di Bernardo de Sá Nogueira de Figueiredo, meglio noto come Sá da Bandeira. Nel 1836 approvò l'abolizione della tratta degli schiavi “nelle colonie portoghesi a sud dell' Equatore.” Il vero rallentamento del massacro arrivò solo nella seconda metà del XIX secolo: tra il 1750 e il 1850, Portogallo e Brasile trafficarono circa quattro milioni di persone.

Nonostante i chiari passi in avanti nelle leggi di Sá da Bandeira, la disarticolazione dell'abolizione della schiavitù con qualsiasi altro tipo di supporto sociale significava che i nuovi liberi mantenevano la loro profondamente condizione socio-economica, in quanto non possedevano alcuna proprietà, guadagno o, spesso, reti di supporto personale. Allo stesso modo, l'introduzione del Lei do Ventre Livre in tutti i territori della monarchia portoghese  nel 1856 portò alla separazione forzata dei bambini dalle loro madri, che erano considerate ancora di loro proprietà. I figli degli schiavi potevano rimanere sotto la custodia delle madri fino all'età di sette anni, ma dopo, erano lasciati al loro destino.

Nonostante queste leggi, il regime dei lavori forzati durò fino al XX secolo in territori colonizzati dal Portogallo. Il regime fu assicurato dalle popolazioni native e fu successivamente legittimizzato dallo Stato portoghese. Nel 1897, la Regolazione del Lavoro Indigeno richiedeva che gli schiavi “andassero a cercare lavoro” e, nel caso in cui questo non avvenisse, spettava allo Stato "far rispettare loro la normativa." Questa fu riapplicata dopo lo stabilimento della repubblica nel 1914, con la Regolazione Generale del Lavoro Indigeno nelle Colonie Portoghesi.  the General Regulation of Indigenous Work in the Portuguese Colonies. In questo contesto, l'obbligo morale di lavorare poteva essere diviso in tre tipologie:

  • volontario: quando la persona otteneva il lavoro con i propri mezzi senza l'intervento dello stato
  • obbligatorio: quando la persona, per la scelta di non essere "subordinata" a lavoro, è costretta (cioè forzata) dallo stato ad accettare una certa mansione
  • correzionale: quando il lavoro forzato è usato come misura di una condanna criminale.

Nel 1929, lo Statuto Civile e Criminale Politico delle Popolazioni Indigene delle Colonie del Mozambico e dell' Angola, legittimizzò la differenzazione tra coloro che si erano stabiliti e i nativi, spiegando che "alle popolazioni indigene non possono essere dati diritti relativi alle istituzioni costituzionali." La segregazione sarebbe stata rafforzata da molti decreti, lungo il periodo dell'Estado Novon[it].

Nel 1953, la Legge Organica dell' Ultramar [pt] rimosse il termine "impero coloniale", ma mantenne i lavori forzati. Questo documento diceva che "lo Stato poteva solo obbligare le popolazioni indigene nei lavori pubblici di interesse generale per la comunità, in occupazioni i risultati delle quali appartenevano a loro, nell'esecuzione delle decisioni giudiziarie di natura criminale o per adempiere alle imposte fiscali."

Nell'ultimo secolo del suo impero, lo Stato portoghese si è reso protagonista benevolente del colonialismo verso le popolazioni africane, ma era nello sfruttamento del lavoro che consisteva il più grande strumento della sua "missione civilizzatrice". Nel 1962, dopo osservazioni sul campo, il ricercatore Perry Anderson ha dichiarato che "l'aspetto più noto della colonizzazione portoghese in Africa è l'uso sistematico del lavoro forzato."

L' Estado Novo, colonialismo e guerra

L'esaltazione del colonialismo come gloria nazionale era uno dei marchi ideologici dell' Estado Novo. Ancorato nel luso-tropicalismo di Gilberto Freyre, una teoria che, nelle parole della storica Cláudia Castelo, garantiva “ai portoghesi una capacità speciale di adattarsi ai tropici, come risultato del loro desiderio di mescolarsi, per l'interpenetrazione di culture e per l'ecumenismo." Inoltre, vide nel colonialismo portoghese una naturale benevolenza, che derivava dalla sua "cristianità fraterna", e attribuiva ai portoghesi e alle popolazioni delle altre colonie (incluso il Brasile) uno spirito di unità culturale.

Nel 1961, un attacco rivendicato dal MPLA [it] riguardo la prigione in Luanda innescò una serie di eventi che iniziarono una guerra coloniale, o guerra di liberazione, per i movimenti africani di liberazione. La guerra sarebbe durata fino al 25 Aprile del 1974, e la sua fine fu la maggiore motivazione per la rivolta militare che avrebbe rovesciato la dittatura, dando luogo alla Rivoluzione dei garofani. Ma i portoghesi non combatterono soli: tra il 1961 e il 1973, le Forze Armate Portoghesi reclutarono migliaia di soldati africani, integrandoli tra i loro contingenti e lavorando duramente in tentativi anti-sovvertivi.

Lo sforzo bellico per il Portogallo ebbe un impatto su molteplici livelli: circa il 90% della popolazione maschile si mobilizzò per la guerra, intensificando un'ondata di emigrazione che si sarebbe rallentata solo quando la democrazia sarà implementata. Nei territori occupati, i massacri durarono fino alla fine della guerra. Con la ritirata delle truppe portoghesi, molti paesi sprofondarono nelle guerre civili, ma è importante sottolineare che la lotta per la liberazione delle popolazioni africane contro il colonialismo portoghese è stato il più grande catalizzatore per la fine del fascismo in Portogallo.

La guerra coloniale ha causato intorno ai 10000 morti e ai 20000 invalidi tra i soldati portoghesi e più di 100000 vittime tra i civili africani. Il trauma è presente tuttora per migliaia di portoghesi, africani e i loro discendenti. Perciò, il luogo della memoria collettiva della guerra coloniale è stato avanzato da alcuni specialisti, come Miguel Cardina [pt] e Fátima da Cruz Rodrigues [pt], come luogo di riconciliazione tra le persone.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.