chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cambiamenti nel Consiglio Direttivo di Global Voices

Akwe ha fatto parte del Consiglio Direttivo di Global Voices board in passato nel 2008-2012. (Foto per concessione di Akwe Amosu)

Global Voices è lieto di annunciare che a novembre Akwe Amosu [en, come tutti i link successivi] si è unita al nostro Consiglio Direttivo.

La carriera di Akwe abbraccia il giornalismo, la sensibilizzazione e la filantropia. Attualmente Direttrice del Programma Il Simposio sulla Forza e la Solidarietà per i Diritti Umani, ha precedentemente ricoperto il ruolo di Direttrice Informatica presso la Open Society Foundations (OSF), dopo pregressi incarichi come Consigliera Regionale per l'Africa e Responsabile per il Supporto dell'Africa.

Akwe ha iniziato la sua carriera nel giornalismo africano, passando al Financial Times e in seguito alla BBC World Service, dove ha prodotto e ospitato news e programmi di attualità in diretta destinati a un pubblico africano di 18 milioni di persone.

Ha lasciato la BBC per unirsi al team del sito di informazione allAfrica.com per poi ricoprire il ruolo di Responsabile della Comunicazione presso la Commissione Economica delle Nazioni Unite per l'Africa ad Addis Ababa, prima di unirsi all'OSF di Washington DC. In passato ha anche fatto parte del Consiglio Direttivo di Global Voices dal 2008 al 2012.

A novembre, il Consiglio Direttivo ha, inoltre, detto addio a James Deane con la fine del suo mandato. James si è unito al Consiglio Direttivo di Global Voices nel 2015 assumendo il ruolo di Presidente nel 2019. A ricoprire il ruolo di Presidente sarà Mary Kay Magistad, entrata a far parte del Consiglio Direttivo nel 2019.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.