chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Far rivivere le lingue Cree e Ojibwe del Manitoba attraverso TikTok

Uno screenshot del profilo di TikTok @micec.mb.

Da bambina cresciuta nel Fox Lake Cree Nation nel Manitoba Settentrionale, in Canada, Sharissa Neault avrebbe ascoltato la lingua Ininímowin (Cree) dai suoi nonni. Tuttavia, questa lingua non fu trasmessa a sua madre e di conseguenza nemmeno a Neault. “Crescendo, ho sentito sempre meno Ininímowin fino a quando ho creduto che fosse estinto,” avrebbe raccontato in un'intervista via e-mail con Rising Voices.

Arrivando ai nostri giorni,  Neault si è trasferita a Winnipeg e ha iniziato a lavorare al Manitoba Indigenous Cultural Education Centre (MICEC)[en, come tutti i link successivi], un'organizzazione educativa no-profit che fornisce programmi e servizi per aiutare a sensibilizzare sulle culture indigene nella provincia di Manitoba. Questa provincia è situata nei territori tradizionali delle Prime Nazioni dei Cree, Dakota, Dene, Ojibway, e Oji-Cree, e della Nazione Métis.

Dopo che ha iniziato a lavorare al MICEC, Neault ha visto diversi modi per promuovere queste lingue, inclusi i social media. Ha unito le forze con Noah Malazdrewicz, attivamente coinvolto con la condivisione della lingua Ojibwe, e hanno iniziato a creare dei video su TikTok sul profilo del centro (@micec.mb). Combinando l'umorismo, l'uso del linguaggio quotidiano, con delle situazioni relazionabili, questi video stanno contribuendo a rendere la lingua accessibile, soprattutto quando molte persone erano a casa durante la pandemia in corso. I risultati sono stati gratificanti, come Neault ha condiviso con il News Site dell’ Università di Winnipeg, dove sta attualmente studiando:

“Young people are seeing it and saying “Thank you, I heard my granny say this as a kid,’ ‘I haven’t heard my language in years, thank you,’ or ‘I didn’t know I could still learn my language,’” Neault said. “The comments make it worth it.”

I giovani li guardano e dicono “Grazie, ho sentito mia nonna dire ciò come una bambina,’ ‘Non sento la mia lingua da anni, grazie,’ o ‘Non sapevo che potevo ancora imparare la mia lingua’ ” ha detto Nault.” Questi commenti ne fanno valere la pena.

Foto fornita da Sharissa Neault e usata con permesso.

In questa breve intervista con Rising Voices ha condiviso ulteriori informazioni su lei stessa, il suo linguaggio, e il suo attivismo digitale:

Rising Voices (RV): qual'é lo stato attuale della tua lingua sia offline che su internet?

Sharissa Neault (SN): There are 5 dialects of the Cree language, which also vary by community. My family speaks the n dialect (Swampy Cree), and my community’s dialect of Cree will die in the next 10-20 years with our last remaining fluent speakers. In other communities across Manitoba I would estimate that there are less that 500 fluent speakers under 50. When our older fluent speakers pass we will rely on these few young people, and their children to carry the language both online and offline. The n dialect is lacking in language learning resources, however, there are people who are working hard to create them alongside our remaining fluent speakers. The y dialect (Plains Cree) is in much better shape, with a higher number of speakers under 50, and many more online and offline resources.

Sharissa Neault (SN): Ci sono 5 dialetti nella lingua Cree, che variano anche in base alla comunità. La mia famiglia parla il dialetto “n” (Swampy Cree), e il dialetto della mia comunità Cree svanirà nei prossimi 10-20 anni con i nostri ultimi parlanti fluenti rimasti. In altre comunità di tutto il Manitoba, stimerei che ci sono meno di 500 parlanti fluenti sotto i 50 anni. Quando i nostri fluenti parlanti più anziani moriranno faremo affidamento su questi pochi giovani, e i loro figli per portare la lingua sia online che offline. Il dialetto N è carente di risorse per l'apprendimento, tuttavia, ci sono persone che stanno lavorando duramente per crearle insieme ai nostri parlanti fluenti rimanenti. Il dialetto Y (Plains Cree) è in uno stato migliore, con un numero maggiore di parlanti sotto i 50 anni, e molte più risorse online e offline.

RV: Quali sono state per te le maggiori sfide durante le tue attività per promuovere il tuo linguaggio e la tua cultura su internet? E quali sono alcuni dei modi che hai provato per superare queste sfide?

SN: My biggest challenge has been finding the time to create content with other work commitments. I do my best to create content when I can, and in the past have created a collection of videos to post when I cannot record regularly.

SN: La mia sfida più grande è stata trovare del tempo per creare dei contenuti con altri impegni di lavoro. Faccio il mio meglio per creare contenuti quando posso, e in passato ho creato una raccolta di video da pubblicare quando non posso registrare regolarmente.

RV: Quali sono le principali motivazioni per il tuo attivismo digitale linguistico?

SN: My main motivations are the Indigenous youth who are just like me when I was 15. The Indigenous youth who think their culture and language are lost. I hope that when they see us, and hear us, they can see and hear themselves; I hope I can help at least one person who is like me, to pick up their language again.

SN: Le mie principali motivazioni sono i giovani indigeni che sono proprio come me quando avevo 15 anni. I giovani indigeni che credono che la loro cultura e lingua siano perse. Spero che quando ci vedono, e ci ascoltano, possono vedere e ascoltare se stessi; spero di poter aiutare almeno una persona come me, a recuperare la loro lingua.

RV: Quali sono le tue sperenze e i tuoi sogni per la tua lingua? 

SN: I hope that  Ininímowin stays with us long enough for my grandchildren, or my great grandchildren, or my great-great grandchildren and so on, to learn the language as their first language, and understand the complex culture that is embedded in every word. That is all I hope for.

SN: Spero che Ininímowin rimanga con noi abbastanza a lungo per i miei nipoti, o i miei bisnipoti, o bis-bisnipoti e così via, per apprendere la lingua come prima lingua, e comprendere la complessa cultura che è incorporata in ogni parola. Questo è tutto quello che spero.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.