chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Osservatorio dei Media Civici nel 2021

Il 2021 è stato anno molto proficuo per l'Osservatorio dei Media Civici. Qui c'è un riassunto del nostro lavoro.

Cosa facciamo nell'Osservatorio dei Media Civici?

✔️ Identifichiamo e analizziamo come le persone costruiscono e condividono narrative nei media
✔️ Spieghiamo il contesto e il sottotesto che sta dietro a queste narrative e ai media
✔️ Valutiamo l'impatto dei media nella società con un sistema a punti [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]
✔️ Pubblichiamo i risultati dello studio in una banca dati pubblica, per mezzo delle storie di Global Voices e con un aggiornamento informativo



Osservatorio in numeri

Anche se il lavoro dell'Osservatorio si concentra nell'analisi qualitativa approfondita delle strutture narrative e dei contenuti multimediali, è anche interessante vedere il lavoro prodotto dall'Osservatorio in numeri. In questo anno abbiamo avuto:

1388 contenuti multimediali analizzati
272 strutture narrative oggetto di indagine
40 ricerche
20 paesi inclusi
41 storie dall'Osservatorio



Ecco un riassunto dei nostri progetti del 2021:

L'iniziativa cinese Nuova Via della Seta (BRI): scambi commerciali o rapina?

Mano a mano che la Cina si espande e promuove i suoi interessi come potenza mondiale, analizziamo come Pechino esercita la sua influenza negli altri paesi. 

I nostri ricercatori hanno identificato e analizzato articoli nei media basati su narrative come “La BRI elargisce veri benefici ai paesi associati”, “Altri paesi devono far fronte alla Cina” o “Gli investimenti e progetti cinesi in altri paesi danneggiano l'ambiente”.

Fino alla data odierna, i ricercatori hanno elaborato 37 articoli basati sulle loro analisi. Qui ce ne sono alcuni:

Dilemma uiguro della Turchia nell'ambito dell'iniziativa della Nuova Via della Seta.

I programmi di educazione superiore cinesi attirano sempre più studenti del Kazakistan.

Perché le elite della Repubblica Ceca sono attratte dalle narrative di Pechino?

Influencer cinesi di lingua araba dividono l'opinione pubblica in Egitto


Scontro di narrative: Identità nazionale e conflitto violento in Etiopia

Nel 2020 e 2021, Global Voices ha esplorato le visioni contrapposte dell'identità nazionale dell'Etiopia – conflitti di lunga data che sono sfociati in violenze durante il periodo della nostra ricerca.

Il rapporto che è stato redatto sull’ecosistema mediatico dell'Etiopia documenta le narrative dell'identità nazionale ed etnica, il conflitto del Tigrè, il nazionalismo Oromo e cambiamenti significativi degli allineamenti politici.

La banca dati contiene 336 contenuti multimediali e include più di 170 sorgenti multimediali, compresi media editoriali, social media, altri media online e non online. Le sorgenti multimediali includono anche una serie di emittenti popolari, organi di stampa e noti canali di social media. Leggete le storie.

Ciò che abbiamo principalmente osservato è:

    • Le narrative cambiano in risposta a eventi significativi, riguardanti specialmente il conflitto del Tigrè;
    • L'infrastruttura mediatica etiope è fragile e dipende dalle autorità governative;

    • I media etiopi all'estero, inclusi i social media, sembrano avere un impatto significativo sui media in Etiopia.


Osservatori dei paesi

Nel 2020-2021 abbiamo realizzato progetti a livello di singoli paesi in Bolivia, Brasile, Haiti, Venezuela, India e Myanmar e ci siamo principalmente concentrati sulle elezioni e sulle crisi di legittimità.

Nel caso del Myanmar, la crisi intorno alle elezioni generali ha provocato un colpo di stato che è sfociato in una dittatura militare. Abbiamo trattato questi eventi in tre sezioni di copertura speciale:

Nel novembre 2021, abbiamo inaugurato nuovi osservatori in India, Pakistan, Myanmar, Russia, Nicaragua e Afganistan. Mali, Bangladesh e Turchia si aggiungeranno nel 2022. Questo nuovo gruppo di osservatori presenta la nostra prima banca dati pubblica che viene continuamente attualizzata.

Questo database permette agli interessati nelle ricerche dell'Osservatorio di partecipare a un'analisi approfondita sui contenuti multimediali, le narrative, i temi e le persone ed entità di interesse in tutti gli osservatori attivi.

Undertones: Violenza online in Myanmar, occultamento dell'inquinamento in Pakistan

Undertones: Approfondiamo l'ultranazionalismo indiano

Undertones: Elezioni “farsa” in Nicaragua hanno l'effetto di una doccia fredda sui media



Narrative sul cambiamento climatico in Bolivia

Stiamo realizzando degli osservatori per sostenere la partecipazione di reporter indigeni in attività di alfabetizzazione mediatica e informativa.

Il primo progetto esplorerà le narrative relazionate con il cambiamento climatico nel Gran Chaco boliviano, una regione vulnerabile da un punto di vista ambientale, osservando le differenze nella rappresentazione nei media delle prospettive e delle narrative di vari gruppi.

Nel 2022, rappresentanti delle comunità indigene e altre popolazioni storicamente emarginate della Bolivia parteciperanno a un progetto di mappatura dell'ecosistema mediatico e a laboratori.


Grazie ai nostri sostenitori!

L'Osservatorio può contare sull'appoggio di molteplici soggetti, che includono sovvenzioni e contratti della BBC Media Action, la Fondazione MacArthur e la National Endowment for Democracy, così come donazioni da Facebook (ora Meta) e sostenitori individuali.  

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.