- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

La posizione russa sulla guerra in Ucraina non è compatta

Categorie: Europa centrale & orientale, Russia, Ucraina, Censorship, Citizen Media, Cyber-attivismo, Libertà d'espressione, Protesta, Relazioni internazionali, Ultim'ora, La Russia invade l'Ucraina

Screenshot dal canale YouTube di Novaya Gazeta [1]che mostra gli oppositori russi all'invasione dell'Ucraina incluso il Premio Nobel per la Pace Dmitri Muratov

Il 24 febbraio, le forze russe hanno attaccato e bombardato infrastrutture militari in Ucraina, avviando così un'invasione [2] [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] della nazione vicina.

Può sembrare che la voce del presidente russo Vladimir Putin domini e rappresenti la posizione russa. Ma la propaganda diffusa, la cautela nel condividere le opinioni pubblicamente o nel rispondere ai sondaggisti e la radicata sfiducia nei confronti dello stato significano che è difficile fare affermazioni definitive sulle opinioni reali dei cittadini russi. Anche se non è visibile nei media russi, c'è una prova che il pensiero di alcuni in merito all'attacco militare da parte della Russia sia diverso e più sottile rispetto a quello che Putin vuol far credere al mondo.

Putin ha dichiarato la sua visione e interpretazione personale dei rapporti tra Russia e Ucraina degli ultimi 13 secoli, in un video [3] [ru] trasmesso il 21 febbraio.

 Ma non è chiaro fino a che punto abbia ragione quando, come ha concluso nel suo discorso, afferma d'essere:

Уверен в поддержке граждан России и всех патриотических сил.

Certo del supporto dei cittadini russi e di tutte le forze patriottiche.

È importante capire che nella Russia di oggi, lo spazio pubblico e i media sono duramente censurati e monitorati. Le leggi russe prevedono pene pesanti [4] per le manifestazioni pubbliche di condanna, comprese quelle sui social media. È considerato reato affermare pubblicamente che la Crimea non appartiene alla Federazione Russa.

Nuove regole sono state imposte per rafforzare il controllo, incluso l'obbligo per il giornalisti russi di citare solo fonti ufficiali di informazione [5] fornite dal governo russo. Roskomnadzor, l'ente russo che controlla internet e i media, ha appena pubblicato i dettagli di questo ordine [6] [ru].

E ci sono alcuni dati sul disaccordo della popolazione russa con le richieste di Putin. Nonostante i rischi di una posizione di dissenso, un sondaggio d'opinione recente, condotto dall'indipendente Levada Center, ha indicato [7] [ru] che un terzo dei russi afferma di opporsi o d'essere in disaccordo con la posizione di Putin sull'Ucraina.

Diversi fattori spiegano perché molti erano già contro qualsiasi soluzione militare. Molte persone in Russia hanno origini ucraine, parenti in Ucraina, sono cresciuti o hanno studiato in Ucraina. Inoltre in molti ricordano i soldati russi caduti durante l'invasione sovietica dell'Afganistan [8] dal 1979 al 1989, in cui circa 15,000 soldati sovietici sono morti [9] e molti altri fisicamente e mentalmente traumatizzati.

Il 24 febbraio, il primo giorno dell'attacco militare all'Ucraina, diversi intellettuali hanno firmato una petizione [10] [ru] contro la guerra. Considerato che l'accesso a internet è in parte controllato e censurato, il link non è sempre accessibile, pertanto trovate uno screenshot qui sotto:

Il testo fondamentalmente dice: “Noi, scienziati e divulgatori scientifici russi, dichiariamo di opporci categoricamente alle operazioni militari avviate dalle forze armate del nostro paese contro l'Ucraina”.

Ecco la lista, in crescita, di quelli che hanno firmato, appartenenti a diversi settori del panorama artistico, scientifico e accademico:

Alcune celebrità dello show business e dello sport hanno espresso opposizione alla guerra, inclusi quelli considerati vicini al Cremlino:

Десятки российских звёзд выступили против войны с Украиной [11]

Una petizione in russo sul sito sito di divulgazione Change.org [12] [ru] ha già raccolto più di 250,000 firme, per la maggior parte russe, dichiarando un ferma opposizione alla guerra.

L'organo di stampa indipendente Meduza, con sede in Lettonia, ha già riferito [13] [ru] che in Russia persone che hanno dimostrato pubblicamente il dissenso verso la guerra con l'Ucraina, come singoli individui o piccoli gruppi, sono state arrestate.

Il divario con l'attuale atteggiamento del Cremlino è possibile che si allarghi nei prossimi giorni mentre le prime bare dei soldati russi tornano a casa.