chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Gli ucraini utilizzano l'app VKontakte per informare i russi sulla guerra

Uno screenshot di un post nel marketplace in un gruppo VK dove i moderatori avevano vietato tutti i commenti. Illustrazione fotografica: Ivan Sigal.

La città russa di Rubtsovsk ha fatto notizia [ru, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] di recente dopo che i soldati russi sono stati visti [it] spedire grandi quantità di merci dalla città bielorussa di Mozyr [it], verso varie destinazioni in Russia. Secondo alcune fonti giornalistiche bielorusse, la maggior parte dei pacchi sono stati spediti alla città di Rubtsovsk nella regione russa di Altai, e si pensa che siano merci rubate dall'Ucraina. E ora, gli utenti ucraini stanno intervenendo direttamente in un mercato online al fine di comunicare con i russi sulla guerra, dopo che i residenti in Rubtsovsk hanno messo in vendita articoli che sono stati con grande probabilità saccheggiati.

Nel frattempo, stanno sfidando la propaganda russa mostrando agli utenti di Rubtsovsk video e foto dall'Ucraina, comprese le immagini dei soldati che hanno inviato pacchi da 450 kg “a casa”, e del sangue di omicidi e bombardamenti.

Anche se non è noto pubblicamente esattamente dove in Ucraina i soldati russi erano di stanza, Mozyr non è lontano dalla regione di Kiev, dove, nella città di Bucha [en] e molti altri [en], l'esercito russo sembra aver commesso orribili crimini di guerra contro i civili, tra cui omicidi, stupri, tortura, e saccheggio.

La fonte mediatica russa “The Village” descrive Rubtsovsk come una città “deprimente” che è stata costruita negli anni '40 intorno a una fabbrica di trattori che è fallita nel 2011.

Ci sono quattro prigioni a Rubtsovsk e nei dintorni. La popolazione della città è di circa 140.000, e gli stipendi medi sono di circa 250 dollari al mese. In realtà, questo non è un caso isolato: ci sono migliaia di città come Rubtsovsk in varie regioni della Russia. Sono chiamate “mono città” [en] e di solito sono state costruite intorno a qualche grande  industria che negli anni dopo il crollo dell'URSS è diventata obsoleta, ma le città intorno sono rimaste.

Vista dall'alto di Rubtsovsk. Photo: Slyfox1693 – own work, CC BY-SA 4.0.

Come nella maggior parte delle città di medie dimensioni, VKontakte (“Essere in contatto”) e Odnoklassniki (“Compagni di classe”) sono i social network preferiti tra coloro che usano Internet. Nel nostro precedente studio [en], ci siamo concentrati sul gruppo intitolato “Tipico [nome della città]”, dove gli utenti condividono foto, notizie sulla città e storie. C'è anche un gruppo “Tipico Rubtsovsk“. Ma il 5 aprile, è successo qualcosa nella vita provinciale online del gruppo di VK: “ATTENZIONE! INFORMAZIONI IMPORTANTI!” afferma un annuncio in russo sulla pagina principale. Siamo stati attaccati da una rete di bot e commentatori ucraini! Per… prevenire la violazione dell'articolo 207.3 del codice penale della Federazione Russa, dobbiamo bloccare temporaneamente tutti i commenti. Dobbiamo ricordare ai nostri abbonati che c'è una guerra informativa condotta contro la Russia con tutti i metodi possibili.”

Tuttavia, l'altro gruppo, forse ancora più popolare in VKontakte di Rubtsovsk è rimasto aperto a commenti. Il gruppo, che è pubblico, si chiama “Ascoltato in Rubtsovsk” e ha 26.819 membri. È principalmente dedicato alla vendita o allo scambio di articoli per la casa o vestiti e all'affitto di appartamenti.

Il primo annuncio sulla pagina è un annuncio che vende orecchini in argento:

Il primo commento di Evgenija chiede: “dimmi per favore, sono queste le cose rubate in Ucraina? I soldati di Rubtsovsk hanno rubato molto lì. Non vorrei avere cose maledette…”

Yurii segue con una foto di oggetti che sembrano provenire da una zona di guerra, “Qualcuno ha visto questi? Sono a Rubtsovsk…”

Molte persone sono furiose: “Cosa stai dicendo? Non commentare se non hai intenzione di comprare!” O, più aggressivamente, “Hai tenuto una candela accesa [quando l'hanno rubata? ]?” il che significa che i commentatori ucraini sono in primis colpevoli. Un utente di nome Tanya suggerisce: “Vengono pagati per ogni commento!” e un utente di nome Maria dice “Sei completamente fottuto.”

Nel post successivo leggiamo di una borsa in “buone condizioni” messa in vendita.

“Mostraci il cartellino del prezzo”, dice Alex.

“Erano di fretta, e comunque, probabilmente non so quale sia il prezzo”, risponde Vitaly.

Più in basso nella pagina, c'è un annuncio che vende una giacca invernale blu.

“Hai una ricevuta per questa giacca, Anya?” chiede il primo commento. Anya risponde che ha comprato la giacca due anni fa e no, non ne ha una.

“Lo hai saccheggiato?” chiede Ivan.

“Perché stai cestinando questo post con i tuoi commenti, Ivan?” continua.

“Perché stai distruggendo la nostra terra con i corpi dei tuoi soldati morti, Anya?” risponde [en]:

Rubtsovsk is a disgrace. The whole world is watching. The stolen goods from Ukraine will arrive soon. Wash them well, the blood is difficult to clean. #Kramatorska #Bucha #massacre #HeroesZ

Rubtsovsk è una vergogna. Tutto il mondo sta guardando. I beni rubati dall'Ucraina arriveranno presto. Lavateli bene, il sangue è difficile da pulire. #Kramatorska #Bucha #massacro #HeroesZ

Quali sono state le reazioni?

Alcune persone negano la fonte dei beni.

“So perché ci sono post come questo. Perché SDEK (il servizio postale) ha fornito informazioni con dati personali, telefoni e indirizzi su Internet. Presumibilmente, i soldati hanno mandato le cose a Rubtsovsk. E in qualche modo, gli ucraini hanno deciso di dichiarare che era l'esercito russo che ha saccheggiato, non gli ucraini. E non avrebbero potuto immaginare che la gente avrebbe potuto comprare queste cose in Bielorussia. Che il nostro esercito ha buoni stipendi, ma non potevano pensarci, naturalmente.”

Alcuni sono indignati: “Perché date spazio a quei commenti in questo gruppo?! Stanno ovviamente mentendo!”

Il testo recita: “No alla guerra! Amici, per favore non abituarti alla guerra, non abituarti alle morti e alla violenza… Anche la Russia sarà un paese libero”

Alcuni prendono una prospettiva storica: “Sappiamo cosa ha fatto il tuo Bandera, e tu sei lo stesso.”

Mentre altri sono arrabbiati: “Tornatene in Ucraina!”

Tuttavia, nessuno di loro può facilmente scuotere le accuse.

È una cosa positiva? Alcuni attivisti pensano che qualunque sia il mezzo, esporre la verità sulla guerra contro l'Ucraina sia uno degli unici modi per raggiungere i “russi ordinari.” La coalizione femminista contro la guerra sta incoraggiando la gente a scrivere la verità sulle banconote e nei libri.

Il giovane artista di San Pietroburgo Sasha Skolichenko [en] cambiò i cartellini dei prezzi in un supermercato con dichiarazioni contro la guerra e fu poi arrestato per questo.

Una delle opere di Sasha. Si legge: “l'amore è più forte della guerra e della morte.”

Gli utenti di VK sono alla ricerca di cose saccheggiate a Bucha e altrove. Forse, i moderatori saranno lenti, e gli algoritmi molto indietro. La seguente immagine ha un commento: “Li hai rimossi da un cadavere in Ucraina?”

 

NOTA: tutti i commenti sono stati tradotti dal russo in inglese dall'autore nel post originale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.