chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Giusto in tempo per la Giornata della Terra, Trinidad e Tobago trova un nuovo pipistrello

Mimon crenulatum, un pipistrello della famiglia di recente scoperta, che i ricercatori sospettano possa risultare in una nuova specie di Gardnerycteris. Foto di Karin Schneeberger (Felineora) da Wikimedia Commons (CC BY-SA 3.0).

La Giornata della Terra [en, come tutti i successivi link, salvo diversa indicazione], che si celebra ogni 22 aprile [it] da 52 anni, si sforza di sensibilizzare e ottenere appoggio per la protezione dell'ambiente. L'arcipelago caraibico, come gruppo di Piccoli Stati Insulari in via di Sviluppo (Small Island Developing States – SIDS), è una delle regioni che meno contribuisce alle emissioni mondiali di gas a effetto serra e, nonostante ciò, è quella che soffre di più gli effetti negativi [it] della crisi climatica. Nonostante i numerosi esempi di distruzione, devastazione e sfruttamento umano estremo [it] dell’ambiente, ci sono anche storie di scoperta, resilienza [it] e speranza.

Una di queste storie è la scoperta di una nuova specie di pipistrello a Trinidad e Tobago, che porta il numero totale di specie di chirotteri registrate nel paese alla sorprendente cifra di 70. La pagina Facebook Trinibats ne ha diffuso la notizia, segnalando che il nuovo pipistrello appartiene al genere Gardnerycteris, al quale appartengono i cosiddetti pipistrelli dal naso peloso che, a livello locale, sono chiamati comunemente “mimon”. La scoperta è stata fatta il 3 aprile, nella foresta Arena, nella parte sud di Trinidad, grazie a una squadra diretta da Jasmin Camacho, titolare di un dottorato di ricerca che lavora attualmente all’Istituto Stowers di Ricerca Medica negli Stati Uniti, che ha comunicato:

The first net of the night […] trapped a Gardnerycteris species, distinguished by the crenulated and elongated lancet and the wing membrane attached to the metatarsal. In Mimon, the wing membrane attaches to the ankle. However, we noticed it lacked a backstripe and was red in color. We concluded it could not be G. crenulatum nor G. keenani, because both have the backstripe and dark fur. The only other known Gardnerycteris species is G. koepckeae, which lacks a backstripe and is red. It was first found in Peru, then also found in Columbia & Bolivia. It is a very rare bat. Tentatively, we have identified it as ‘cupcake’ until we can compare DNA from all known Gardnerycteris species to the DNA sample of ‘cupcake’. It is either the known G. koepckeae or a new species of Gardnerycteris.

La prima rete della notte […] ha catturato una specie di Gardnerycteris, che si distingue per la foglia nasale crenata e allargata e per la membrana alare unita al metatarso. Nei mimon, la membrana alare aderisce alla caviglia. Nonostante ciò, ci siamo accorti che non aveva la striscia dorsale e che era rosso. Siamo arrivati alla conclusione che non poteva trattarsi di G. crenulatum né di G. keenani, perché entrambi hanno la striscia dorsale e il loro pelo è scuro. L'unica altra specie conosciuta di Gardnerycteris è G. koepckeae, che non ha la striscia dorsale ed è rosso. È stato rinvenuto la prima volta in Perù e dopo in Colombia e in Bolivia. È un pipistrello veramente raro. Provvisoriamente lo abbiamo identificato come “cupcake”, fino a quando non saremo in grado di confrontare il DNA di tutte le specie conosciute di Gardnerycteris con il campione di DNA di “cupcake”. Si tratta o del già conosciuto G. koepckeae o di una nuova specie di Gardnerycteris.

Camacho prevede di portare il campione di DNA al laboratorio di Stowers “per il suo sequenziamento e per l'analisi filogenetica in confronto con gli altri campioni conosciuti delle specie di Gardnerycteris”. Gli esami confronteranno inoltre le misure morfologiche rilevate dalla squadra con un esemplare olotipo di un museo statunitense. I risultati saranno pubblicati infine in una rivista che prevede la revisione da parte di esperti.

Tuttavia, qualunque sia il risultato, i locali fan dei pipistrelli sono felici per quanto si prospetta, secondo quanto spiega Trinibats:

The bat in question […] is either the very rare Koepckeae’s Hairy-nosed Bat, Gardnerycteris koepckeae, which will be a first ever record for Trinidad, or even more intriguingly, it could be an entirely new species of Gardnerycteris, which will elevate this bat’s status to not merely a new discovery for Trinidad and Tobago, but the discovery of an entirely new species of bat! This may not be the case but time will tell. Either way, this is officially the 70th species of bat to be recorded locally—a truly exciting find!

Il pipistrello in questione […] o è l'insolito pipistrello dal naso peloso Koepckeae, Gardnerycteris koepckeae, che sarà il primo registrato a Trinidad o, cosa più affascinante, potrebbe essere una specie completamente nuova di Gardnerycteris, il che porterebbe questo pipistrello ad essere, non solo una nuova specie per Trinidad e Tobago, ma una specie completamente nuova di pipistrello! Può essere che non sia così, ma il tempo ce lo dirà. In qualunque caso, si tratta ufficialmente della settantesima specie di chirottero registrata a livello locale, una scoperta veramente emozionante!

Anche se i pipistrelli tendono ad essere creature incomprese nei Caraibi – molta gente ne ha paura e i legami tra i pipistrelli e la diffusione sia della rabbia come dell’istoplasmosi, un'infezione mortale, sono fuori discussione – contribuiscono anche in modo decisivo all'equilibrio ambientale, per la loro funzione di impollinatori, per il controllo degli insetti e per la dispersione dei semi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.