chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Gli Stati Uniti possono connettere i cubani a internet? Una recensione storica dal punto di vista cubano

Illustrazione: MONK (Periodismo de Barrio). Usata con autorizzazione.

L’incontro inaugurale della Cuba Internet Task Force (CITF) [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] si è tenuto il 7 febbraio 2018 e sotto la guida del vicesegretario del Dipartimento di Stati per gli affari dell’emisfero occidentale, John Creamer.

Tutto ciò che è stato detto è già ben noto: Il basso livello di accesso a Internet a Cuba è dovuto principalmente a una decisione politica del governo. Il costo orario è estremamente costoso. L'accesso a Internet è vitale per lo sviluppo della società civile, del giornalismo indipendente e della protezione dei diritti umani. L'aumento dell'accesso a Internet potrebbe contribuire a migliorare nell'ambito del servizio sanitario, agricoltura, turismo e fornire nuove opportunità per gli affari.

Non esiste una connessione diretta tra Cuba e gli Stati Uniti in fibra ottica, un'infrastruttura che permetterebbe al paese di ripristinare rapidamente la connettività se fosse persa dopo un uragano.

Per capire perché ne abbiamo discusso, dobbiamo tornare agli inizi della CITF.

Il 23 gennaio 2018 il Dipartimento di Stato ha annunciato la creazione ufficiale di CITF in conformità con il Memorandum presidenziale sulla sicurezza nazionale, come ulteriore passo per rafforzare intenzionalmente la politica degli Stati Uniti nei confronti di Cuba da giugno 2017.

Come dichiarato, l'obiettivo era quello di “esaminare le sfide tecnologiche e le opportunità per espandere l'accesso a Internet e la libertà di espressione a Cuba”. Quel paragrafo ha colpito le principali notizie nazionali il giorno dopo e si è diffuso a macchia d'olio attraverso i media internazionali, i blog e i social media.

Il Ministero degli Affari Esteri cubano (MINREX) ha consegnato una nota [es] all’incaricato d'affari degli Stati Uniti all'Avana otto giorni dopo, affermando che le azioni descritte nel paragrafo erano un tentativo di “violare palesemente la sovranità cubana”.

Tutti i finanziamenti necessari per l'organizzazione e il funzionamento della CITF sarebbero forniti dall'Ufficio Affari dell'emisfero occidentale e dalle agenzie partecipanti.

La CITF doveva essere composta da rappresentanti dei servizi e delle agenzie del governo degli Stati Uniti e da organizzazioni non governative o da enti privati collegati a Internet.

Dopo il primo incontro sono stati creati due sottocomitati: “uno per analizzare il ruolo dei media e il flusso di informazioni libere e non regolamentate a Cuba e un altro per esplorare l'accesso a Internet all'interno del paese”. Pertanto, è molto probabile che il lettore cubano di questo articolo  sia accompagnato dal suo ufficio da un membro della sottocommissione dedicata al ruolo dei media indipendenti.

In sintesi, ciò che la CITF deve consegnare al Segretario di Stato e alla Casa Bianca quando i suoi lavori sono completati nel 2019 è una relazione recante raccomandazioni.

La richiesta di rapporti di raccomandazione per aumentare l'accesso a Internet a Cuba non è solo un'altra delle stranezze di Donald Trump. Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama lo hanno già fatto prima di lui.  Prima di Bill Clinton, Internet non esisteva a Cuba (ricordiamo che durante la sua amministrazione nel 1996 è stato finalmente autorizzato il primo collegamento dell'Isola a Internet).

Era durante la sua amministrazione che la prima connessione Internet dell'Isola è stata stabilita nel 1996, in relativa sincronizzazione con altri paesi dell'America Latina.

Illustrazione: MONK (Periodismo de Barrio)

È tecnologicamente possibile collegare i cubani a Internet senza che il governo lo sappia?

Chiedi a Alan Gross. Per coloro che non lo conoscono, è un cittadino americano che si è recato a Cuba e ha attraversato la dogana cinque volte con attrezzature portatili di comunicazione satellitare destinate a fornire accesso a Internet a diverse comunità ebraiche nel paese (almeno in linea di principio). Gross non agì per motivi filantropici, ma come un contraente della società privata Development Alternatives, Inc. (DAI). Nel 2008, DAI è stata subappaltata dall'Agenzia statunitense per lo Sviluppo internazionale (USAID), con l'obiettivo di aumentare l'accesso a Internet a Cuba.

Gross è stato condannato alla prigione a Cuba per 15 anni nel 2011 e rilasciato dopo cinque, come parte delle trattative dell'amministrazione di Barack Obama, quando i due paesi hanno ristabilito le relazioni diplomatiche.

La serie di sfortunati eventi che hanno portato Gross alla prigione è iniziata con l'amministrazione di Bill Clinton e con la firma della legge Helms-Burton nel 1996.
Questa legge federale fu introdotta e approvata per rafforzare l'embargo contro Cuba, favorire sanzioni contro il governo di Castro e sostenere il cambiamento del governo. Interventi come quello che fece mandare Gross in prigione anni dopo furono promossi dalla legge Helms-Burton.

Lavorando sotto l'agenzia fiscale della sua piccola azienda, JBDC LLC, Gross ha firmato un subcontratto nel febbraio 2009 con DAI per un pagamento di  258.274.00$. Ciò includeva l'acquisto della tecnologia necessaria per stabilire reti di accesso a Internet via satellite a Cuba. La proposta, chiamata “ICT4Cuba” o con il suo nome commerciale “ICT for the Island”, doveva “formare un gruppo primario sull'uso e il mantenimento delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni terrestri e non terrestri attualmente disponibili sul mercato”. Su prospettive a lungo termine, il progetto pilota aiuterebbe a stabilire una base pratica per migliorare la gestione delle iniziative di transizione verso la democrazia attraverso la costruzione di reti tecnologiche, ma JBDC lavorerebbe prima con le comunità ebraiche e poi massoniche.

Gross fece il suo primo viaggio all'Avana solo un mese dopo, a marzo del 2009. Secondo la trascrizione del processo tenutosi nella Corte Provinciale dell’Avana l'11 marzo del 2011, “è stato in grado di portare la tecnologia senza essere rilevato dalla dogana all'aeroporto internazionale José Martí e poi passare le apparecchiature all'unità BGAN che permette la comunicazione satellitare nella sinagoga della comunità ebraica dell'Avana”.

La notte del 3 dicembre 2009, prima del suo quinto ritorno negli Stati Uniti, Gross è stato arrestato dalle autorità cubane e accusato di crimini contro la sicurezza dello stato.

Dopo il suo arresto, è stato trasferito alla prigione di Villa Marista all'Avana e poi a Carlos J. Ospedale militare Finlay, dove era tenuto in massima sicurezza. A seguito dei 14 mesi di detenzione, è stato accusato di aver commesso “atti contro l'indipendenza o l'integrità territoriale dello Stato”, di essere coinvolto in “un progetto sovversivo volto a abbattere la rivoluzione” e di aver violato l'articolo 91 del codice penale a causa del lavoro che svolgeva per DAI e USAID. Risultati del processo come decretato dalla Corte Suprema: 15 anni di privazione della libertà personale.

Alan e sua moglie Judy Gross hanno citato in giudizio il governo degli Stati Uniti per negligenza, inviando ripetutamente Gross a svolgere un lavoro per il quale “il governo sapeva di essere mal preparato, senza fornire l'istruzione più elementare, la formazione o gli avvertimenti richiesti nelle direttive dal governo stesso.” Ma hanno perso la causa. Il massimo che sono riusciti ad ottenere è un accordo con DAI per risolvere il conflitto, i cui dettagli non sono stati divulgati.

Il 22 marzo 2016, al Gran Teatro dell'Avana, Obama ha pronunciato un discorso al popolo cubano:

The Internet should be available across the island, so that Cubans can connect to the wider world — and to one of the greatest engines of growth in human history. […] And I can tell you as a friend that sustainable prosperity in the 21st century depends upon education, health care, and environmental protection. But it also depends on the free and open exchange of ideas. If you can’t access information online, if you cannot be exposed to different points of view, you will not reach your full potential. And over time, the youth will lose hope.

Internet dovrebbe essere disponibile in tutta l'isola, in modo che i cubani possano connettersi al resto del mondo — e ad uno dei più grandi motori di crescita nella storia umana. […] E posso dirvi come amico che la prosperità sostenibile nel XXI secolo dipende dall'istruzione, dall'assistenza sanitaria e dalla protezione ambientale. Ma dipende anche dallo scambio libero e aperto di idee. Se non puoi accedere alle informazioni online, se non puoi essere esposto a diversi punti di vista, non raggiungerai il tuo pieno potenziale. E con il tempo, i giovani perderanno la speranza.

Nel contesto della distensione e con l'obiettivo di “aumentare l'accesso alle comunicazioni per i cubani e la loro capacità di comunicare liberamente”, le società statunitensi di telecomunicazioni sono state autorizzate a “istituire i meccanismi e le infrastrutture necessari per fornire servizi Internet e di telecomunicazione sull'isola”. Inoltre, è stata consentita la vendita commerciale di “determinati dispositivi di comunicazione, software, applicazioni, hardware e altri servizi per la creazione e l'aggiornamento di sistemi relativi alle comunicazioni”.

Allora Cuba, ti senti fortunata?

Dal 2014, i rappresentanti di Google hanno visitato periodicamente l'Avana. Nel 2016, Google ha aperto uno spazio tecnologico nello studio di Kcho, un artista che fino a poco tempo fa aveva stretti legami con il governo cubano e il partito comunista. Lo studio Google + Kcho.Mor, situato nella zona periferica di Playa, offriva ai residenti l'accesso gratuito a internet su 20 Chromebook, che potevano essere utilizzati per un'ora su presentazione di un documento d'identità ufficiale. Il giorno dell'apertura dello studio, il portavoce di Google Brett Perlmutter ha dichiarato che l'azienda fosse fiduciosa del fatto che questo progetto sarebbe stato parte di un più ampio sforzo cooperativo per garantire l'accesso a internet al popolo cubano.

Nel maggio dello stesso anno, T-Mobile ha annunciato un accordo di interconnessione e roaming con l'Impresa di Telecomunicazioni di Cuba, S.A. (ETECSA), che ha permesso l'espansione delle comunicazioni tra gli Stati Uniti e Cuba, offrendo più economico (ma ancora relativamente costoso) chiamate vocali per i clienti statunitensi che volevano rimanere in contatto con amici e familiari a Cuba, così come i piani tariffari per i clienti che viaggiano verso l'Isola. Di conseguenza, come risultato dell’ accordo, i clienti di T-Mobile, connessi al piano tariffario «Semplice scelta», potevano «chiamare da rete fissa e i cellulari degli Stati Uniti a Cuba a 0,60$ al minuto».

ETECSA aveva anche accordi di roaming con Verizon Wireless, con sede a New York; Sprint, con sede a Overland Park, Kansas; e AT&T, con sede in Texas. Secondo il piano tariffario dell’ AT&T, il costo era di 2,05$ per megabyte.

La Task Force di Trump non è la prima – e nemmeno sembra essere l'ultima – di un'amministrazione statunitense. Per conoscere le sue raccomandazioni alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato, dovremo aspettare fino a ottobre 2019.

Nel corso del tempo, le autorità statunitensi hanno provato due diversi modelli per ampliare l'accesso a Internet a Cuba: la formula Alan Gross, in base alla quale le iniziative sono state realizzate in termini segreti o semi-segreti; e il modello di Obama in cui il governo degli Stati Uniti ha chiesto apertamente e pubblicamente il cambiamento, pur continuando a condurre programmi di intervento semi-segreti negli affari dell'Isola.

Il primo metodo aggira completamente le autorità cubane (e in particolare il monopolio ETECSA), sfidando le leggi doganali, installando tecnologie in comunità di interesse (come gruppi religiosi, oppositori politici, giovani, ecc.), e nel caso di Alan Gross, che termina con una pena detentiva di 15 anni, ridotta a 5 dopo intense trattative. Senza contare i costi di manutenzione delle operazioni insostenibili anche per USAID, o, nel più ridicolo dei casi, un possibile risultato finale della società civile cubana più interessata a scaricare pornografia che notizie politiche.

Ma il secondo metodo, realizzato attraverso i colloqui con il governo cubano e la società ETECSA, iniziati dopo le dichiarazioni di Obama nel dicembre 2014, non ha ancora portato né a un sostanziale aumento della disponibilità di internet, né a una riduzione dei costi o alla promozione della libera trasmissione delle informazioni sull'Isola.

In definitiva, i più grandi risultati di questi sforzi sono solo finora culminati in download più veloci sui server di Google dell'Avana (sotto la supervisione dell'ETECSA) dei video su YouTube con canzoni di Mark Anthony e del gruppo musicale cubano Gente De Zona.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.