Bernardo Parrella · luglio, 2008

Giornalista, traduttore, attivista soprattutto su temi di cultura digitale, vive nel Southwest USA e collabora con varie testate, editori e progetti, sia italiani che internazionali. L'ultima sua traduzione è OFFUSCAMENTO.
Manuale a difesa della privacy e della protesta
(Stampa Alternativa).

indirizzo email Bernardo Parrella

ultimi articoli di Bernardo Parrella da luglio, 2008

Speciale India: attentati terroristici e accordo sul nucleare

  29 luglio 2008

India mapNei giorni scorsi l'India è stata teatro di violenti attentati, tra la folla di Bangalore e Ahmedabad, con decine di morti e centinaia di feriti. Mentre il Paese è in lutto, ci s'interroga sui responsabili e le motivazioni delle bombe, oltre che sulle colpe dei servizi di sicurezza. Senza dimenticare i problemi dell'intera regione, incluso il recente accordo per il nucleare con gli USA - questione spinosa per la traballante maggioranza governativa, affetta altresì da perenne corruzione.
Entrambi eventi su cui, ancora una volta, sono stati i cittadini-reporter a dare le prime notizie, particolarmente sugli attentati, e a rilanciare il dibattito pubblico.
Il nostro speciale vuole fornire uno spaccato, immediato e senza filtro, dell'intricato scenario attuale - proponendo la traduzione di vari post apparsi su Global Voices, inclusa una scelta dei commenti in calce. Una serie di finestre atte ad amplificare le voci e le opinioni di cittadini interessati e partecipi di eventi la cui portata va ben oltre i confini del subcontinente indiano.

Questi gli articoli disponibili:

  • Voto di fiducia e accordo sul nucleare
  • Bombe a Bangalore
  • Monta il dibattito sull'accordo nucleare con gli USA
  • Altri attentati ad Ahmedabad
  • Commenti all'accordo sul nucleare e agli attentati

  • Sahara Occidentale: Poesia e spagnolo, legami indissolubili

      24 luglio 2008

    Il popolo Saharawi ha una forte tradizione poetica, rimasta orale. Per preservarla e diffonderla, poeti e scrittori locali riaffermano la fusione della lingua tradizionale con lo spagnolo, molto diffuso nell'area. E pur se l'Istituto Cervantes non aderisce all'iniziativa, questi legami si fanno sempre più evidenti.

    Diamo il benvenuto a Judie Bhatia, coordinatrice sui temi della salute pubblica

      22 luglio 2008

    Diamo il benvenuto a Juhie Bhatia, nuova coordinatrice di Global Voices Online per le tematiche legate alla sanità. Giornalista canadese originaria dell'Asia meridionale, da circa un decennio si occupa di simili temi per diverse testate e ci terrà informati sull'andamento dei citizen media relativi alla salute pubblica nel mondo.

    Cina: I cittadini-reporter si preparano ai Giochi Olimpici

      17 luglio 2008

    Quelle in Cina saranno le prime Olimpiadi ad essere seguite anche da citizen journalist locali. In attesa di chiarimenti sul divieto sulle riprese degli eventi, girano online annunci di testate Web 2.0 alla ricerca di video-blogger in gamba e, soprattutto, di ciò che accadrà a lato delle manifestazioni sportive.

    I progetti di Rising Voices: Un altro modo di viaggiare

      14 luglio 2008

    Il successo dei progetti portati avanti da Rising Voices dipende anche e soprattutto dalle competenze informatiche di persone disposte a viaggiare in modo diverso - trascorrendo una o due settimane in qualche comunità locale di blogger e insegnare loro come implementare una pagina web, acquisire visibilità su internet e creare social media. Alcuni esempi e proposte concrete.

    Siria: 25 detenuti uccisi dalla polizia a Sednaya

      14 luglio 2008

    L'organizzazione umanitaria indipendente Syrian Human Rights Committee ha denunciato un massacro avvenuto il 5 luglio scorso nel carcere militare di Sadnaya, ad ovest di Damasco. Almeno 25 detenuti sarebbero stati uccisi dalla polizia siriana, in base ad alcune telefonate fatte dall'interno del carcere durante il grave episodio. Di fronte alla protesta iniziata dai detenuti alle sette del mattino per chiedere migliori condizioni di vita nel carcere, la polizia siriana ha reagito con forza alzando il fuoco sui detenuti disarmati, causando così un numero ancora imprecisato di morti e feriti. Mentre le autorità di polizia dichiarano di aver "ripristinato la calma" nel carcere dopo le "sommosse" iniziate da "terroristi" e "estremisti", i blogger siriani discutono e commentano il tragico episodio.

    Ucraina: Attivismo dal basso

      10 luglio 2008

    In Ucraina, dopo la stagione della Rivoluzione Arancione, cresce il malcontento per l'operato del governo, dalla speculazione edilizia ai tanti incidenti mortali apparentemente senza responsabile e con scarso interesse da parte delle autorità. Oltre alle recenti manifestazioni di piazza, in stile Critical Mass, la Rete diventa lo strumento migliore per informare e sollecitare all'azione i cittadini.

    “Kurdistanza”: dove sono finiti i blogger curdi?

      9 luglio 2008

    È dal settembre 2005 che Global Voices segue la blogosfera curda, il cui volume di post è cresciuto parecchio per poi diminuire progressivamente. Stando al mio lettore dei feed RSS, dei 74 blog curdi complessivamente elencati, solo 11 sono stati aggiornati negli ultimi due mesi, e un numero ancora più ristretto (tre o quattro) nella scorsa settimana. Dove si è trasferita allora la conversazione tra i blogger curdi? La risposta è semplice: su Facebook e su forum quali Roj Bash Kurdistan e The Kurdistani Forum.

    Pechino: Via alle targhe alterne per ridurre l'inquinamento

      8 luglio 2008

    Recentemente le autorità di Pechino ha annunciato nuove regole per il controllo del traffico automobilistico che entreranno in vigore durante le Olimpiadi. Dal 20 luglio al 20 settembre le automobili la cui targa finisce in numero dispari potranno circolare solo a giorni alterni. Mentre secondo le autorità le norme riusciranno a ridurre il traffico cittadino, alcuni blogger si preoccupano degli inevitabili disagi.

    Sahara Occidentale: al via nuova TV satellitare sahrawi

    Questo è il nostro primo tentativo di dare voce alla blogosfera sahrawi. Quello del Sahara Occidentale è un tema (e un luogo) complesso, ad alto coinvolgimento emotivo. Tenteremo di riportare qui il punto di vista di chi scrive dalla regione con la maggiore obiettività (umanamente) possibile. Il post di questa settimana viene dal blog Sahara Occidentale e riguarda il nuovo canale satellitare R.A.S.D. TV (Televisione della Repubblica democratica araba Sahrawi).