chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Camilla Corradin

26 anni, curiosa, giramondo, ma nonostante tutto italiana.

indirizzo email Camilla Corradin

ultimi articoli di Camilla Corradin

leggi l

Rising Voices: a Nablus la cucina racconta

Il progetto "I racconti culinari di Nablus" ha ricevuto una sovvenzione da parte di Rising Voices: lo scopo è di consentire alle donne di questa città di migliorare la propria situazione finanziaria e di appropriarsi dei citizen media raccontando in un blog le tradizioni della cucina palestinese.

leggi l

Tunisia: Lettori, in strada!

La principale via di Tunisi, diventata famosa durante le proteste d'inizio 2011, è ora teatro di una nuova manifestazione di taglio diverso ma complementare. I cittadini sono invitati a una seduta di lettura collettiva, volta a sottolineare il potere della cultura.

leggi l

Africa: la tecnologia al servizio di rifugiati e sfollati

  20 gennaio 2012

Le nuove tecnologie giocano un ruolo sempre più importante negli interventi umanitari in situazioni di crisi. Il post approfondisce l'importante ruolo giocato delle ITC nell'aiutare i rifugiati e gli sfollati a ritrovare i propri cari e comunicare con loro, grazie ai vari progetti che cercano di superare gli inevitabili ostacoli infrastrutturali.

leggi l

Consigli utili per cyber-attivisti nel mirino delle autorità

Advox  7 gennaio 2012

Mentre cresce l'importanza degli attivisti digitali nel dar voce a proteste e rivendicazioni locali, i regimi nazionali raffinano tecniche di censura e controllo per metterli a tacere. Da qui la necessità di avere un piano d'emergenza in caso di arresti, sparizioni, minacce -- proposto da Global Voices Advocacy e Electronic Frontier Foundation.

leggi l

Egitto: detenzione preventiva per il blogger Alaa Abdel Fattah

Advox  3 novembre 2011

Alaa Abdel Fattah, uno dei più seguiti blogger e attivisti egiziani, si trova in detenzione provvisoria per aver rifiutato di essere processato da un tribunale militare, insistendo di comparire davanti ad un'istanza civile. Nonostante la rivoluzione, il diritto alla libertà d'espressione e quello ad un processo equo continuano ad essere violati.