chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Elisabetta Pepe

indirizzo email Elisabetta Pepe

ultimi articoli di Elisabetta Pepe

‘Volodya, non sei stanco?': la gioventù russa sul governo ventennale di Putin

I giovani non ricordano la vita prima di Putin. Venti anni dopo il suo insediamento, si chiedono se sapranno mai cosa ci sarà dopo Putin.

Nigeria: occorre dare un freno all'odio etnico, online e non

La Nigeria è la nazione più politicamente attiva su Twitter ma, questa sfera così in movimento è minacciata dai commenti d'odio.

I lavoratori migranti subiscono razzismo e lampanti violazioni dei diritti umani in tutto il Golfo

I lavoratori migranti nella regione del Golfo sono stati sottoposti a una violenta campagna a favore della loro deportazione intrisa di interventi razzisti e odio.

Nigeria: uno stato fallimentare — realtà o percezione?

Oltre al pericolo costituito da Boko Haram, rapimenti e sequestri diventano la norma in Nigeria.

La legge sui social media nigeriana cancellerà la libertà di espressione sul web

La legge sui social cancella la libertà d'espressione sul web, criminalizza il criticismo verso il governo e legalizza l'oscuramento di internet in Nigeria.

Twitter diventa un campo minato di notizie false durante le elezioni in Nigeria del 2019

Twitter diventa un campo di battaglia di disinformazione etnocentrica e propaganda politica prima, durante e nell'immediato seguito delle elezioni del 2019 in Nigeria. 

Il governatore nigeriano avverte i governi esteri: interferite nelle nostre elezioni e ‘tornerete nei sacchi per cadaveri’

El- Rufai: "Torneranno nelle sacche da cadavere, nessuno viene in Nigeria e ci dice come dobbiamo governare il nostro paese".

Il governo nigeriano mette a tacere la magistratura dopo le elezioni di febbraio?

Il governo di Buhari tenta di mettere a tacere tutti.

I commenti discriminatori avanzano e gli scrittori nigeriani respingono

Il paese versa nel caos a causa dell'assenza del presidente Muhammadu Buhari, che è partito per Londra a maggio.

La storia inedita dei social media e delle elezioni del 2015 in Nigeria

Una delle ragioni attribuite al successo di Buhari è sicuramente la sua strategia sui social media.