chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Erica De Stales

Laurea in Lingue e Letterature Orientali a Ca’ Foscari. 10 anni nella Repubblica Popolare Cinese vissuti fra Pechino e Shanghai. Viaggia, appena può, da un capo all’altro del paese facendo interviste. Si interessa ai movimenti per la protezione dei diritti civili in Cina e si occupa con diletto di produzione media, consulenze nel settore energia e ambiente e traduzioni freelance dal cinese, inglese e francese. Studia, per amore, il danese.

indirizzo email Erica De Stales

ultimi articoli di Erica De Stales

leggi l

Cina: per non dimenticare le vittime del terremoto

  2 aprile 2009

Dei volontari stanno raccogliendo dati e nominativi delle vittime del terremoto di Wenchuan del 12 maggio 2008 - ma il governo vuole metterci una pietra sopra e "armonizzare" la relativa discussione online: perché?

Cina: la peggiore siccità degli ultimi 50 anni: interventi e ricadute

  21 febbraio 2009

La siccità peggiore degli ultimi 50 anni, che interessa più di 12 province e oltre 9,3 milioni di ettari, ha colpito il 43% delle coltivazioni di frumento nel nord del Paese. I locali ne discutono animatamente anche online, dai migliori sistemi d'irrigazione alle comuni agricole ad altri possibili disastri ecologici in arrivo.

Cina: la carta può forse estinguere il fuoco?

  19 febbraio 2009

Anche in occasione del recente incendio all'edificio della CCTV, di natura accidentale, il dipartimento della propaganda ha deciso di armonizzare/censurare la notizia, inviando avvisi a siti web e via Twitter. Ma ancora una volta i citizen media hanno informato prima e meglio delle grandi testate.

Cina: incendio alla CCTV e satira online

  19 febbraio 2009

Il recente incendio nell'edificio della China Central Television (CCTV), causato da fuochi d'artificio per celebrare la Festa delle Lanterne, ha provocato una varietà di commenti online - parecchi conditi con ironia tutta cinese.