chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Maria Grazia Pozzi · luglio, 2008

Sono traduttore libero professionista e CTU, la mia esperienza è maturata in multinazionali e aziende dell’industria manufatturiera. Vivo in quel triangolo industriale italiano, iperattivo e frenetico e mi piace anche la nebbia ma ricordo con nostalgia gli anni trascorsi in Kenya. Capire per comunicare è la mia ricetta e coltivo tanti interessi (ahimè) stipati in pochissimo tempo.

indirizzo email Maria Grazia Pozzi

ultimi articoli di Maria Grazia Pozzi da luglio, 2008

Palestina: la parola di un israeliano contro quella di un arabo

  23 luglio 2008

Pochi giorni dopo la liberazione di Samir Kuntar ai blogger palestinesi viene rucordato che quando c'è di mezzo la parola di un israeliano contro quella di un arabo, è sempre la prima a vincere. Ma i blogger locali rilanciano l’impegno ad un’informazione più bilanciata, inclusi i puntuali interventi di Terry Scot su American Palestinian.

Giappone: accese reazioni al commento di Kato sulla questione dei sequestri

  16 luglio 2008

Un recente commento di Koichi Kato, esponente del Partito Liberal Democratico giapponese, ha suscitato le dure reazioni dei blogger. Kato ha spiegato la stasi dei negoziati Giappone-Corea come conseguenza della decisione del governo nipponico, nel 2002, di bloccare il rientro nella Korea del Nord di 5 giapponesi precedentemente scomparsi ai quali lo stato coreano aveva concesso un rimpatrio temporaneo. Le vittime di questi rapimenti anomali erano parte di un gruppo di persone, tutte di nazionalità giapponese, sequestrate dalla Corea del Nord fra gli anni '70 e '80. 0 comments · »»

Venezuela: i blogger rendono omaggio a Eugenio Montejo

  9 luglio 2008

La blogosfera venezuelana rende omaggio a Eugenio Montejo, uno dei poeti più rappresentativi del Paese insignito del Premio Nazionale di Letteratura e del Premio Internazionale Octavio Paz. La sua poesia è il mezzo per diffondere i valori di un mondo fatto di cose semplici e umili, una complessa semplicità che perfino Gonzalez Inarritu cita nel film “21 grammi”.