chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Stefania De Caro

Ciao a tutti,
mi chiamo Stefania e sono una studentessa di 23 anni. A marzo mi sono laureata in “Mediazione linguistica per l'Unione Europea” e ora sto frequentando un Master in traduzione specialistica inglese a Vicenza. Durante questi anni ho avuto la possibilità di vivere all'estero e di frequentare degli stage. Perciò attualmente parlo italiano (madrelingua), inglese, tedesco e francese. Adesso, però, è arrivato per me il momento di esplorare più da vicino il mondo della traduzione. é un campo che mi ha sempre affascinato data la mia passione per le parole e le loro possibili combinazioni, il piacere di scavare nella mente dell'autore e soprattutto permettere a persone distanti tra loro di poter comunicare! Spero, collaborando con voi, di poter rendermi utile e di imparare qualcosa in più sull’ arte della traduzione :)

indirizzo email Stefania De Caro

ultimi articoli di Stefania De Caro

leggi l

Mauritania: il volto della schiavitù moderna

  25 aprile 2012

Nel 1981 la schiavitù viene abolita ufficialmente e nel 2007 è dichiarata crimine contro l’umanità. Eppure la Mauritania è ancora vittima di questo fenomeno. Uno speciale reportage della CNN intitolato Slavery's last stronghold rivela che circa il 20% della popolazione vive tuttora in schiavitù.

leggi l

Pakistan: alla scoperta della questione balochistana

  26 febbraio 2012

La risoluzione sul Balochistan presentata dal membro del Congresso USA Dana Rohrabacher divide lo spettro politico in Pakistan. Disapprovazione da parte del Governo e dei partiti. Continuano le lamentele dei nazionalisti balochistani sulla violazione dei loro diritti - inclusi ampi rilanci e commenti su Twitter.

leggi l

Maldive: nuove ondate di violenza

  11 febbraio 2012

Ancora tesa la situazione nelle isole Maldive. Il caos è scoppiato quando la polizia ha iniziato a pestare brutalmente i sostenitori del Presidente uscente Mohamed Nasheed -- i quali manifestavano contro l’estromissione del primo e unico presidente dell’ isola ad essere stato eletto in modo democratico. Reazioni e commenti diffusi tramite i citizen media.

leggi l

Romania: “Io, cittadino”

  26 gennaio 2012

I cittadini rumeni continuano a protestare, richiedendo in particolare le dimissioni del governo e nuove elezioni. Sembra che i dimostranti non abbiano ancora un vero e proprio leader, ma la loro voce si fa comunque sentire -- anche negli spazi online.