chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

AfroCine: una celebrazione del cinema africano nel mondo

Vecchio cinema a Stone Town, il centro storico della città di Zanzibar, in Tanzania. Foto di: Georgia Popplewell/Flickr CC BY-NC-SA 2.0

Questa pagina di Copertura Speciale è il risultato di un partneriato tra Global Voices e l'AfroCine Project di Wikimedia, che mira a far sì che il cinema africano sia molto più conosciuto, accessibile e citato su Wikipedia.

L'industria dello spettacolo africana è di proporzioni enormi. Quella del cinema nigeriano è attualmente la terza più grande industria cinematografica al mondo, in termini di vendite e numero di produzioni. Seguono Ghana, Sudafrica, Kenya ed Egitto.

Ad ogni modo, le informazioni presenti su Wikipedia riguardo a queste industrie emergenti sono limitate e confuse. Per colmarne le lacune, un gruppo di editor del sito ha lanciato AfroCine Project [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], per incoraggiare l'inserimento di contenuti ai progetti di Wikipedia riguardanti i film contemporanei e del passato, il teatro, le arti nei paesi africani e caraibici e le migrazioni.

Dal 2005, i collaboratori di Global Voices nell'Africa subsahariana hanno scritto riguardo l'industria cinematografica e i film dei loro paesi (spesso ignorati dai media). Abbiamo compilato una lista di oltre quaranta di questi post, provenienti da più di venti paesi.

Africa (diverse regioni)

Brasile

Capo Verde

  • Una storia di accessibilità — Daivarela, nel suo blog, racconta la storia di come una giornalista di Capo Verde, Maria Zinha, ha ottenuto con successo un diploma in Cinema e Audovisivi, nonostante le barriere architettoniche che costantemente incontra nell'isola di Mindelo per fare il suo lavoro, quando “le scale sono la maggior difficoltà”.

Colombia

Egitto

  • Il documentario “Libido” sfida gli egiziani a parlare di sesso [it] – Libido è un breve documentario che affronta il discorso della sessualità in Egitto. In seguito allo scalpore mediatico, Ahmed Awadalla di Global Voices Online va a fondo, parlando con il regista Youssef Alimam.
  • VIDEO: “La preghiera della paura” colpisce al cuore l'Egitto [it] — Il collettivo egiziano Mosireen ha instancabilmente documentato la rivoluzione del #25Gennaio e gli eventi successivi con immagini e documentari. Una delle loro ultimissime creazioni è “la preghiera della paura”, una ‘video-poesia’ di Mahmoud Ezzat raccontata dal membro del Mosireen, Salma Said.

Francia

Ghana

  • L'arte di Ama Ata Aidoo — “Questo documentario segue il viaggio creativo di Ama Ata Aidoo in una vita che abbraccia sette decadi, dal colonialismo in Ghana attraverso la tumultuosa era dell'indipendenza fino all'Africa attuale, meno turbolenta, dove nutrire il talento creativo delle donne è più difficile che mai.”
  • Fare luce sui film in lingua akan e twi — La critica cinematografica africana fa luce sui film sull'akan e il twi, due lingue ghanesi: “Ho sempre detto che i film locali sia ghanesi che nigeriani (per esempio i film in yoruba) sembrano SEMPRE avere una trama migliore. Perché? Forse perché attori e attrici, recitando nel loro dialetto locale, offrono performance migliori che risaltano la trama? E se fosse così, perché non farne di più di questi film, confidando che comunque vada faranno parte di un festival?
  • Le streghe di Gambaga — Dello scrittore e regista Yaba Badoe.
  • Nuovo film dal Ghana — ‘Sinking Sands’ (“Sabbie mobili”) parla del tenero matrimonio di una coppia, formata da Jimah (Jimmy Jean-Louis di Haiti) e Pabi (Ama K. Abebrese dal Ghana), che si trasformerà in violenza e abuso quando Jimah rimarrà sfigurata in un incidente domestico.”
  • L'affermazione dei film ghanesi — L'affermazione dell'industria cinematografica ghanese: i suoi film stanno iniziando a puntare verso i premi. “Run Baby Run” (“Corri, bambino, corri”) della Revele Productions è stato il film che ha ottenuto più successo finora, mentre “Agony of the Christ” (“Agonia del Cristo”) ha collezionato un bel numero di nominations all’ Africa Movie Academy Awards (AMAAs).

Guinea-Bissau

  • Perché non piove più in Guinea-Bissau come in passato? [it] — Mentre i leader mondiali discutono sui cambiamenti climatici a Parigi, la diminuzione delle piogge e l'innalzamento del livello dell'acqua stanno minacciando la fertilità della terra e i mezzi di sussistenza della popolazione della Guinea-Bissau.

Haiti

Giamaica

Kenya

  • Un film sullo studente elementare più anziano del Kenya— “The First Grader” (“Lo studente di prima elementare”) è un film su Maruge – lo studente più anziano della scuola primaria in Kenya: “Sono molto deluso che non abbiamo chiamato il film ‘Form One’ (“prima media”) – che sarebbe stato molto più adatto e meno banale”. Comunque, è la storia vera di un ottantenne che ha fatto valere il suo diritto a ricevere gratuitamente l'istruzione primaria nel 2004, quando il governo keniano aveva annunciato che l'istruzione primaria sarebbe stata gratuita per TUTTI nel paese.”

Madagascar

Malawi

Mali

Mauritania

Marocco

Nigeria

  • Nigeria: proibito, il documentario di “Occupy Nigeria” diventa virale [it] — Un documentario nigeriano sulla rimozione da parte del governo di una sovvenzione sul carburante, che ha scatenato nel paese la protesta dell’ “Occupy Nigeria” (“Occupiamo la Nigeria”) è diventato virale sulla blogosfera nigeriana dopo il blocco del film da parte delle autorità.
  • Documentario: i predicatori milionari della Nigeria — Ecco un nuovo documentario, “Unreported World: Nigeria’s Millionaire Preachers” (“Senza denunce: i predicatori milionari della Nigeria”), che tocca i temi della frode e dello sfruttamento. “I produttori del documentario hanno riportato il caso di Therese, una vedova a cui era stato detto che il suo defunto marito era devoto al culto di Satana, e che venne persuasa a vendere tutto ciò che suo marito possedeva per volere di Dio ”

Sierra Leone

  • Rendiamo grazie prima di annegare — “Rendiamo grazie prima di annegare” è un film della serraleonese-americana Nikyatu Jusu: “Il film racconta la storia della battaglia di una donna nel superare la follia della guerra, mentre prova ad adattarsi ad una vita in esilio.”

Somalia

Sudafrica

  • Il progetto “Talking Heads” mostra ciò che c'è di straordinario negli africani — Talking Heads (“Menti parlanti”) è un progetto dell'Africa Centre, un'organizzazione culturale non profit di Cape Town, in Sudafrica. Talking Heads produce trasmissioni audio e corti, disponibili gratuitamente su YouTube e iTunes.
  • Il romanzo di fantascienza “Zoo City” diventa un film — “Dopo aver vinto diversi premi letterari ed essere stata acclamata in tutto il mondo per la sua intelligente originalità, l'autrice sudafricana del romanzo “Città zoo”, Lauren Beukes, ha recentemente visto i diritti del film ceduti a Helena Spring (produttrice di Red Dust, Yesterday, The First Grader), una collega sudafricana.”

Sud Sudan

Tanzania

Trinidad e Tobago

  • Il film icona trinidadiano che non avete mai visto — Bim, ampiamente riconosciuto come il film icona di Trinidadm, uscì nel 1974 per poi svanire nell'oscurità. 40 anni dopo, un cinofilo gli dona nuova vita tramite Facebook.
  • Il documentario “Potere nero” — “Se si potessero mettere tutte le borse di studio conferite dall'Università delle Indie Occidentali e tutti i giornali e le trame televisive prodotte durante la rivolta del 1970 in Trinidad e Tobago da una parte, e far partire il DVD degli anni settanta “Ricordando una rivoluzione” nell'altro cofanetto, la bilancia arriverebbe a crollare sotto il peso del “lato degli anni settanta”.

Uganda