chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Chi sta pagando per il declino della democrazia indiana?

Protests in Mumbai against the CAA/NRC. Image by Vishal M.

Proteste a Mumbai contro il CAA/NRC. Immagine da Vishal M., usata su autorizzazione

L'India spesso viene chiamata la più grande democrazia del mondo [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] e, in termini di voti, può sicuramente rivendicare questo titolo, dato che 900 milioni di persone [it] hanno diritto a votare. Ma, guardando più da vicino il quadro giuridico, possono sorgere dubbi sulla qualità di questa democrazia e sul fatto che il paese sia o meno all'altezza dell'appellativo.

Mentre l'India ha abrogato la legge sulla sodomia nel 2018, una grande vittoria per i diritti della comunità LGBTQI+ indiana, il governo ha anche introdotto dei cambiamenti restrittivi e discriminatori nella cittadinanza e nei diritti dei rifugiati, ha aumentato le interruzioni dei servizi internet e declassato [it] lo status giuridico del Kashmir e del Jammu.

Tutte le modifiche normative precedentemente citate sono avvenute negli scorsi due anni perché il governo Modi continua a privilegiare apertamente l'ideologia nazionalista Hindu e tenta di imporla come carattere nazionale per tutti gli indiani. Molte delle decisioni giuridiche prese dal governo hanno incontrato proteste pubbliche e dimostrazioni, che a loro volta hanno portato a repressioni spietate [it], con almeno 27 morti e centinaia di arresti.

I 190 milioni di musulmani indiani sono in massima allerta da quando il primo ministro Narendra Modi [it] e il suo partito Bharatiya Janata Party (BJP) sono saliti al potere nel 2014. In quanto membro dell'organizzazione Hindu nazionalista di destra Rashtriya Swayamsewak Sangh (RSS), Modi divenne famoso come primo ministro dello stato indiano del Gujarat quando i musulmani venivano presi di mira e uccisi in massa nel 2002. Per questo gli era stato vietato temporaneamente di viaggiare negli Stati Uniti. Il BJP mantiene saldi legami ideologici e organizzativi con l'RSS, contribuendo così all'ondata di nazionalismo indù in India.

L'India di Modi è riuscita di fatto a mobilitare la cultura maggioritaria del paese verso un rashtra indù, o “stato etnico incentrato sull'indù” ai danni dell'India multiculturale e laica originariamente sancita nella Costituzione nazionale del 1947 [it].

Le preoccupazioni per i valori laici hanno raggiunto il massimo storico a settembre 2019, quando lo stato nordorientale di Assam ha iniziato ad aggiornare il Registro Nazionale della Cittadinanza (NRC), un registro governativo contenente i nomi e le informazioni rilevanti per l'identificazione dei cittadini indiani. Per essere inseriti nell'elenco i cittadini devono provare che i loro antenati fossero ad Assam prima del 1971, quando la Guerra di Liberazione del Bangladesh [it] causava milioni di sconfinati in India. Il processo di aggiornamento dell'NRC ha lasciato 1,9 milioni di indiani, di cui 1,3 milioni di indù, di fronte alla possibilità di rimanere senza stato.

Numerosi leader politici maggiori, fra cui il Ministro degli Interni Amit Shah, hanno proposto di conseguenza che fosse implementato un aggiornamento all’NRC in tutta l'India. Visto che l'Atto Emendativo di Cittadinanza (CAA) prevede un percorso di migrazione per chi potrebbe venire escluso dall'NRC aggiornato, ma di religioni non islamiche, i musulmani temono di finire nei centri di detenzione recentemente costruiti ad Assam e in altri stati.

Dopo l’attacco terroristico nel Kashmir, a febbraio 2019, la retorica nazionalista nel paese è cresciuta ancora, insieme a un atteggiamento anti-immigrazione e a una forte presenza sui social media per indurre i dibattiti online. Così facendo, Modi è riuscito ad assicurarsi il secondo mandato come Primo Ministro in India alle elezioni politiche del 2019.

Narendra Modi expressing his happiness to voters and the media. Photo by Aviral Mediratta. Copyright Demotix (17/5/2014)

Narendra Modi esprime la sua felicità ai votanti e ai media. Foto di Aviral Mediratta. Copyright Demotix (17/5/2014)

Mentre l'opposizione politica sembra essere stata largamente sconfitta dopo le dimissioni di Rahul Gandhi dal Congresso Nazionale Indiano [it] a giugno 2019, gli studenti, i gruppi di sinistra, i musulmani, i liberali e le donne sono stati al centro di recenti proteste. L'opposizione alle politiche di Modi può anche essere vista come un rifiuto da parte di più stati di implementare il CAA e l'NRC. Lo stato indiano del Kerala ha contestato il CAA alla Corte Suprema, e l'opposizione ha chiesto ai primi ministri di diversi stati di opporsi all'NRC/NPR.

Oltre all'India, è l'intera Asia meridionale ad essere colpita a vari livelli da quest'erosione delle regole democratiche. Per via delle sue dimensioni e della sua centralità, l'India influenza direttamente i flussi migratori, i commerci internazionali, i trasporti e i discorsi politici nei vicini Bangladesh e Pakistan, e in minor numero in Nepal e Sri Lanka. Il Bangladesh è particolarmente influenzato per la complicata storia di migrazioni fra i due paesi.

Infine, anche internet è stato influenzato dalle decisioni prese in India. Nel 2019 la più grande democrazia del mondo ha visto il numero più alto di blocchi a internet con cento casi di arresto osservati.

Mentre continuiamo ad aggiornare il nostro speciale, puoi leggere le storie seguenti per saperne di più:

Leggi lo speciale di Global Voices All'interno della crisi del Kashmir [it].