chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Pakistan: L'assassinio del Ministro Shahbaz Bhatti

Shahbaz Bhatti è la seconda vittima eccellente in due mesi. Sul blog  Terrorland, il giornalista e scrittore pakistano Habib Sulemani parla dell'assassinio a Islamabad del Ministro Federale per le Minoranze.

Cattolico, si batteva per cambiare le leggi sulla blasfemia. “Insieme ad altri settori della società” dice il blogger “i gruppi che difendono i diritti umani restano per arcani motivi in silenzio di fronte all'ondata di estremismo innescata di recente, soprattutto ai danni di gente di fama liberale.”

Sulemani se la prende con la Human Rights Commission of Pakistan (HRCP), con Rozan, con Aurat Foundation e con svariate altre migliaia di ONG, leader inclusi, per quello che definisce un silenzio criminale davanti alla distruzione della società pakistana. Poi propone una disamina dei pregi e dei difetti delle ONG, che, a suo giudizio, stanno cambiando in peggio, meritandosi non di rado, a porte chiuse, anche valutazioni poco lusinghiere da parte dei comuni cittadini.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.