chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Patrizia Loi

indirizzo email Patrizia Loi

ultimi articoli di Patrizia Loi

In Tanzania, importanti siti indipendenti vengono oscurati in vista dell'introduzione della nuova tassa sui blog

"Non si tratta soltanto di una licenza all'auto censura, ma di uno strumento dello Stato per censurare il diritto altrui (collaboratori) di espressione".

I piani del governo dell'Uganda per tassare gli utenti dei social media che condividono troppi pettegolezzi

"L'Uganda vuole il profitto ma non investe. Le società che gestiscono i social media li mettono a disposizione gratuitamente e tu vuoi tassarli?"

Netizen Report: le tasse su internet colpiscono l'Africa subsahariana e mettono a tacere i cittadini

Il Netizen Report di advox mostra uno spaccato delle sfide, delle vittorie e delle nuove tendenze riguardanti il diritto di internet in tutto il mondo.

Accesso negato: la tassa sui social media dell'Uganda sta trasformando notizie e informazioni in beni di lusso

Per gli ugandesi più poveri, la nuova tassa comporta un incremento dei costi della connessione a internet del 10%.

No alla tassa sui social che colpisce donne, giovani e poveri in Uganda

Gli ugandesi dicono No alla tassa sui social media (#NoToSocialMediaTax) perché anticostituzionale, aumenta la povertà, prende di mira i giovani e aggrava il divario digitale.

#NoToSocialMediaTax: unisciti a Global Voices il 9 luglio nella Tweetathon contro la tassa sui social in Uganda

La libertà è gratuita, non si tassa. Global Voices sostiene la campagna #NotoSocialMediaTax in Uganda.

I venezuelani che sperano per un governo del cambiamento sono in dubbio — è meglio votare oppure no?

"Il governo sceglie i candidati, stabilisce le regole del gioco, proibisce qualsiasi tipo di controllo [...e] ricatta gli elettori con cibo e medicinali..."

Montenegro in protesta dopo l'ultimo attacco armato contro una giornalista, unito per la fine dell'impunità

Dopo l'aggressione contro la giornalista Olivera Lakić, centinaia di montenegrini hanno protestato a Podgorica per la fine dell'impunità e il diritto di vivere senza paura.