chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Egitto: le forze di sicurezza distruggono lo storico mercato del libro di Alessandria

I cittadini egiziani questa mattina appena alzatosi quando hanno ricevuto questa notizia: il mercato del libro sulla via storica intitolata al profeta Daniele è stata distrutta dal Ministero degli Interni.

L'attacco mattutino dei Fratelli Musulmani, avvenuto all'alba, ha fatto adirare il popolo della rete: hanno dichiarato che questa azione è una dichiarazione di guerra alla cultura.

Le forze di sicurezza hanno distrutto le bancarelle e libri, danneggiando queste preziose collezioni e il patrimonio culturale ad esse connesso.

La dottoressa Shadia Metwally critica l'assalto:

@shadiametwally [ar, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]: hanno attaccato i rivenditori di libri nel distretto del Profeta Daniele, ma il tè, il caffè e le sedie di forgia antica sull'altro lato della strada non sono stati violati, non è giusto. Quelle librerie erano una ricchezza per la cultura. 

Schehrazade si preoccupa per quegli studenti che si sentiranno sopraffatti dall'accaduto. 

@_Schehrazade:Non riesco a immaginare come gli studenti universitari indigenti si potranno permettere i libri di cui hanno bisogno. Questo comportamento è pessimo. Http://pic.twitter.com/DRiSLckf  

La libreria di Hameedo sulla via del Profeta Daniele ad Alessandria dopo essere stata attaccata dalla polizia.

La libreria di Hameedo sulla via del Profeta Daniele ad Alessandria dopo essere stata attaccata dalla polizia. La foto è stata condivisa da Heba Farooq tramite Twitter.

Heba Farouk Mahfouz ha spiegato:

@HebaFarooq@HebaFarooq: Il chiosco di Rajab Hameedo si trovava su una strada privata, non sulla via del Profeta Daniele. E nonostante negli ultimi 34 anni sia stato in possesso di una licenza , la sua libreria è stata distrutta dal Ministero dell'Interno.

Ha condiviso la foto a destra dopo che la libreria è stata distrutta. Il tweet di Waleed:

@WilloEgy:Avete distrutto i mezzi di sussistenza di semplici venditori e impedito ai poveri di leggere e di cercare la felicità. Potrebbe esserci qualcosa di più folle di questo?

L'utente Wael Barakat ha scritto scherzosamente:

Questo significa che vendere libri ora è come vendere droga e che in futuro dovremo acquistare libri nascosti nelle videocassette?

Allo stesso tempo l'utente Ahmed Elsawy ha chiesto:

Che fine ha fatto l'uomo che gestisce il chiosco dei libri blu? Compravo libri da lui e spesso lo vedevo pregare. Perché hanno distrutto la sua libreria?

Molte persone hanno pubblicamente puntato il dito contro i Fratelli Musulmani in quanto artefici di questo attacco, il quale membro Mohamed Morsi è il nuovo presidente d'Egitto.

Anas Abdelazeem ha ribattuto:

@anasabdelazeem:è ridicolo pensare che i fratelli musulmani abbiamo distrutto le librerie allo scopo di attaccare la cultura, perché queste situazioni accadono spesso.

Per ulteriori feedback dagli utenti su Twitter, puoi seguire questo hashtag.

Ahmed Rock ha condiviso alcune foto dopo l'attacco sulla sua pagina Facebook.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.