chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Bangladesh: YouTube torna attivo dopo 8 mesi di blocco governativo

Dopo 260 giorni di accesso limitato a YouTube, le autorità per le telecomunicazioni del Bangladesh hanno sbloccato il famoso sito di condivisione video [en, come tutti i link successivi salvo dove diversamente indicato] che era stato chiuso il 17 settembre 2012 dalla Commissione di regolamentazione delle telecomunicazioni del Bangladesh (BTRC) per impedire la visione del trailer di “Innocence of Muslims”, film di produzione statunitense, una parodia sull'Islam e Maometto. Prima di procedere alla chiusura del sito, l'autorità garante per le telecomunicazioni ha reclamato la rimozione del video da parte di Google che, secondo resoconti, non ha accettato la richiesta.

L'accesso a YouTube è stato ripristinato il 5 giugno 2013, rendendolo nuovamente disponibile ai netizen bengalesi.

Image by Wikimedia Commons user HernandoJoseAJ.  CC By -SA

Immagine dell'utente HernandoJoseAJ, Wikimedia Commons. Pubblicata con licenza CC By-SA.

Secondo quanto dichiarato in un’intervista [bn] alla radio tedesca Deutsche Welle da Fahim Mashroor, l'ex segretario dell’ Associazione bengalese per i software e i servizi informatici, la chiusura di YouTube ha inciso notevolmente sull'economia: la fenomenale crescita dell’outsourcing online dello scorso anno, con un fatturato di 57 milioni di dollari e un incremento annuo pari al 54%, è stata quest'anno limitata dagli 8 mesi di blocco del sito web. Si è inoltre verificata una perdita non solo a livello economico ma anche culturale, in quanto un gran numero di studenti, insegnanti e ricercatori non hanno potuto accedere ai video di istruzione presenti sul sito.

Gli internauti hanno celebrato il ritorno di YouTube. Khaledur Rahman Shakil (@krshakil) manifesta così la sua gioia:

@কেআরশাকিল: ‘মুক্তি’ পেল ইউটিউব ফুলের মালা দিয়ে বরণ করে নিলাম ! জয় স্বাধীনতা।

@krshakil: YouTube è libero! Lo accogliamo con ghirlande di fiori. Viva la libertà.

Neel Aparajita (@oporajita789) celebra la ritrovata libertà dei social network:

@অপরাজিতা৭৮৯: ইউটিউব জেলখানা থেকে ছাড়া পাওয়ার আনন্দে ফেসবুক-টুইটার-এ যেদিকে তাকাই, যেখানে চোখ যায়… অইস!! খালি ইউটিউব আর ইউটিউব! #ফিলিংগ্রেট

@oporajita789: Tutti sui social media esultano per la liberazione di YouTube dalla censura…!! Tutti ne parlano #èbellissimo.

Anche se YouTube era bloccato, alcuni sono stati in grado di accedervi ugualmente, come ricorda Ashickur Rahman Noor (@ashicunnoor) su Twitter:

@ashicunnoor: ডিজিটাল বাংলাদেশের স্বাধীনতা… :) সোজা পথে অনেকদিন পর ইউটিউবে হান্দাইলাম… #চৌক্ষেপানি! :)

@ashicunnoor: Il Bangladesh Digitale è libero… :) Finalmente si può andare su YouTube senza dover aggirare i filtri di restrizione… #lacrimedigioia! :)

Il blogger Bahadur Bappi Bahadur Bappi si chiede, sul blog Somewhereinblog.net, perché YouTube sia stato bloccato così a lungo:

আমার প্রশ্ন হৈল এই ৮ মাস ইউটিউবকে আটকিয়ে রেখে সরকার কি এমন লাভ করলো??

Quel che mi chiedo è: che cosa ha ottenuto il governo bloccando YouTube per otto lunghi mesi??

Miniatura dell'utente di Flickr spainvictorcompany e pubblicata con licenza CC (BY-NC-SA).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.