chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Una forte crisi idrica colpisce Chennai in India

Vasi messi in fila per essere riempiti d'acqua a Chennai, India. Immagine dal Flickr di McKay Savage. CC-By-2.0

Mentre nel nord dell'India milioni di persone stanno affrontando [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] l'ira delle inondazioni causate dalla stagione dei monsoni, nel sud dell'India la situazione è completamente diversa. Chennai [it], la capitale di Tamil Nadu, l'anno scorso ha registrato terribili precipitazioni, mentre il monsone sud occidentale si è concluso in anticipo. Successivamente la città è stata colpita dalla siccità per 200 giorni, i cieli rifiutavano di aprirsi e tutto ciò l'ha spinta dalla padella alla brace.

Come è già successo per il monitoraggio della siccità nel Sud dell'Asia, la situazione nel sud del paese era molto peggio di quello che le persone si aspettavano. Più del 44% dell'India deve affrontare situazioni di siccità, tra le quali il 17% sono particolarmente severe.

Chennai [it] ospita circa 9 milioni di persone ed è tra le sei città al mondo che stanno crescendo più rapidamente. I suoi abitanti non sono estranei alle calamità naturali. La città ha già affrontato ricorrenti siccità e inondazioni, ma con la recente mancanza di precipitazioni ha toccato nuovamente il fondo.

Durante l'estate, l'acqua corrente è diventata rara nella città. I lavandini sono stati prosciugati e la corporazione municipale è del tutto incapace di provvedere al bisogno d'acqua.

Il 12 luglio è arrivato da Vellore il primo treno contenete 2.5 milioni di litri d'acqua. Nonostante sia stato programmato l'arrivo di molta più acqua proveniente dalle città vicine, è difficile che questo possa colmare il deficit attuale.

Per aiutare Tamil Nadu a superare la crisi idrica, oggi le ferrovie hanno spedito 25 litri d'acqua da Jolarpettai, in Vellore, fino a Villivakkam, in Chennai.

Queste misure speciali continueranno fino a che la carenza d'acqua non sarà risolta in Tamil Nadu.

Molto prima che il governo decidesse di importare l'acqua per alleviare le grandi difficoltà della città, gli abitanti di Chennai si erano già rivolti alle cisterne d'acqua per alleviare la loro sete. Quest'estate le donne facevano lunghe file per le strade con vasi di plastica, aspettando il loro turno per prendere l'acqua.

Anche la forza lavoro ne ha risentito. Varie aziende informatiche hanno già chiesto ai loro dipendenti di lavorare da casa perchè non possono garantire l'acqua nei loro uffici. Inutile dire che le vite delle persone si sono totalmente trasformate.

Rajani Vaidyanathan, un giornalista di fama internazionale ha scritto su Twitter:

La città meridionale di Chennai è una delle più grandi e ricche dell'India. Ancora milioni di persone devono contare sui furgoni dell'acqua dato che i lavandini sono stati prosciugati. C'è confusone quando i camion arrivano – a volte la situazione può anche diventare tesa. Nell'area che abbiamo visitato le famiglie prendono 5 secchi d'acqua al giorno.

Quando finalmente il 15 e il 16 luglio le precipitazioni sono arrivate, anche se intense, erano come una goccia d'acqua sulla terra arida. Per coprire la sua richiesta d'acqua la città conta su quattro cisterne principali. Queste sono Poondi, Cholavaram, Puzhal, e Malayambakkam. Al momento, queste cisterne non contengono nemmeno l'1% d'acqua rispetto alla loro capacità totale.

La crisi dell'acqua di Chennai non è arrivata da un giorno all'altro. Una ricerca del 2016 fatta da CareEarth Trust, una ONG che si occupa di preservare la biodiversità, ha evidenziato che le paludi di Chennai adesso sono solo una pallida ombra rispetto a prima. In solo quattro decenni, la percentuale complessiva di paludi nella geografia della città è passata da un enorme 80% ad un misero 15%.

Tre fiumi, quattro corpi d'acqua e sei foreste si sono prosciugate completamente a Chennai nonostante le migliori risorse d'acqua e piogge rispetto alle altre città metropolitane, dice la ricerca.

La rapida espansione di Chennai in un fiorente insediamento urbano e l'assenza un'accurata pianificazione è stata nociva per i corsi d'acqua. Ha provocato l'esaurimento delle superfici forestali, l'essiccazione dei corpi idrici e una maggiore richiesta delle rimanenti risorse di acqua dolce.

Mentre la dura realtà della crisi idrica colpisce a casa più forte che mai, le persone condividono le loro frustrazioni riguardo la mancanza di una pianificazione che ha portato a questo punto critico. Sanjoy K Roy da New Delhi ha scritto:

#CrisiIdricadiChennai cittadini e politici sono da incolpare allo stesso modo per la crisi. Pianificazione futura limitata, governi in bancarotta e zero visione. La città ha bisogno di importanti investimenti in impianti di desalinizzazione come tutte le città costiere che potrebbero diventare esportatori netti di acqua.

L'ambientalista e imprenditore Sandip Burman ha scritto:

Il secondo paese più popoloso del mondo non ha dati e piani per affrontare i cambiamenti climatici. Abbiamo la crisi idrica di Chennai davanti a noi che lo dimostra. Non sarebbe tempo di intervenire per salvaguardare l'ambiente?

La crisi idrica di Chennai è stata senza precedenti ed ha fatto scattare i campanelli d'allarme anche in altre grandi città. Le persone temono che la loro città possa essere la prossima a soffrire per la mancanza d'acqua. La giornalista Anusha Puppala ha affermato:

Quello che è successo a Chennai poteva anche succedere a Hyderabad, come ad altre città. Prima di pentircene è meglio parlare di metodi per conservare l'acqua, per fare in modo che le future generazioni non ne soffrano. Non dovremmo condividere le nostre idee sull'argomento?

Tarun Kumar da Bangalore ha scritto su Twitter:

È tempo per le persone e per i governi di preoccuparsi della crisi idrica e dei cambiamenti climatici. Oggi è toccato a Chennai, domani sarà Bangalore o Delhi o qualche altra città. Non possiamo lasciare che tutto ciò vada avanti.

Le loro preoccupazioni non sono esagerate. L'anno scorso, Niti Ayog, un think tank del governo indiano ha presentato una ricerca preoccupante. Per quanto riguarda la ricerca, 21 città in India, considerando Chennai, potrebbero esaurire le loro riserve d'acqua entro il 2020. Circa 100 milioni di persone in tutto il paese ne saranno colpite. Se consideriamo che il 2020 è dietro l'angolo, il futuro può sembrare abbastanza difficile.

Paul Pradeep Chris da Chennai ha affermato:

Stagno di Manapakkam ripulito dai cittadini..

Con l'aumentare della crisi idrica, le persone escono per pulire e ripristinare i corpi idrici..

Si spera che l'attuale paura serva a dare la giusta importanza alla crisi idrica. Certamente ha fatto diventare reali i problemi di sicurezza idrica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.