chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La campagna #IAmRabiPirzada sostiene l'attrice pakistana Rabi Pirzada dopo la diffusione di sue foto di nudo

Rabi Pirzada became a trendic topic in Pakistan on November 4, 2019. Image via Flickr by Trending Topics 2019. CC BY 2.0

Rabi Pirzada è diventata un argomento di tendenza in Pakistan il 4 novembre 2019. Foto via Flickr di Trending Topics 2019. CC BY 2.0

L'ennesima attrice pakistana è stata vittima del crimine informatico e di molestie in seguito alla diffusione online di foto e video personali. La cantante pop pakistana Rabi Pirzada [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] ha recentemente venduto il proprio telefono e qualcuno ne ha hackerato la password, diffondendo le sue foto e i suoi video privati. Dopo essersi diffuse online, sono diventate virali e in seguito ha dichiarato che abbandonerà il mondo dello spettacolo [ur]:

Traduzione: “Io, Rabi Pirzada, lascio il mondo dello spettacolo. Che Dio possa perdonare i miei peccati e placare il cuore delle persone in mio favore. #SaveaSoul”

Pirzada era di recente sotto ai riflettori per la pubblicazione di una canzone in supporto delle persone del Kashmir occupato dagli indiani, in cui indossa una cintura esplosiva. Ha anche pubblicato un video in cui è circondata dai serpenti e ha minacciato il Primo Ministro indiano Narendra Modi [it].

Le persone hanno lanciato una campagna online con l'hashtag #IAmRabiPirzada (Io sono Rabi Pirzada) per supportare Rabi. L'iniziativa è partita dai Fouzia Gillani, una studentessa di legge pakistana espatriata:

È una mia scelta quella di supportare #RabiPirzada in questo modo. Se le persone non si scandalizzano vedendo nudità nei porno, non dovrebbero scandalizzarsi nemmeno nel vedere una donna nuda che supporta una causa. #IoSonoRabiPirzada
Grazie a tutti del supporto. ❤️

Nel suo post di Facebook ha scritto:

Nude pictures of Rabi Pir Zada were leaked by another person, however Pakistani people were cursing her instead of demanding an investigation against the person who leaked those photos and videos.

Just wondering after reading many women that why she took such photos.

There are several cases where men harassed woman by sending their nudes in women inbox. Then they don’t feel shame but if a woman come up with those ideas then their so called values hurt.
It’s a hypocrisy and it should be ended now.

Le foto nuda di Rabi Pir Zada sono state diffuse da qualcun altro, tuttavia le persone del Pakistan si sono accanite contro di lei invece di chiedere di avviare un'indagine contro la persona che ha diffuso quelle foto e quei video.

Me lo stavo chiedendo dopo aver letto di tante donne domandarsi come mai si fosse scattata quel tipo di foto.

Ci sono tanti casi in cui gli uomini molestano le donne inviando loro foto di nudi personali per messaggio. Di questo non si vergognano, ma se una donna si azzarda ad esprimere certe idee allora si sentono feriti nei valori.
Questa è ipocrisia e deve finire ora.

Alishba Zarmeen, una pakistana espatriata in Canada, ha scritto su Twitter:

Dobbiamo demistificare il corpo umano e porre fine allo slut-shaming [it]. È l'unico modo per andare avanti. Fortunatamente, tutto il mio business è costruito intorno a questo concetto e al far sentire le donne più forti e in grado di accettare tutto ciò di cui sono fatte.
Solidarietà a #RabiPeerzada e alle Quandeel di tutto il mondo. #IoSonoRabiPirzada

Secondo un altro utente di Twitter, questo non è il modo corretto di difendere Rabi, e ha scritto:

E questo è il modo peggiore di supportarla.

Farhan Virk, blogger e laureato in medicina pakistano, ha scritto su Twitter [ur]:

Per supportare Rabi Pirzada, le persone si stanno spogliando scrivendo #iamrabipirzada sulle proprie parti intime. Che modo stupido è questo di supportare qualcuno? Queste persone sono fuori di senno. Cliccate su #IoSonoRabiPirzada e guardate quanta ignoranza.

I litigi su Twitter portano a delle speculazioni

In Pakistan, il cinema è supportato economicamente dall'ala mediatica militare dell'ISPR. Il direttore generale dell'ISPE, Asif Ghafoor, è attivo su Twitter ed ha preso le difese di un numero musicale nel film Kaaf Kangana, un progetto dell'ISPR.

Foto 1. Il numero musicale è eseguito da una ragazza indiana del film, come da ruolo, dovresti guardare il film per capire il contesto.
Foto 2. Non è né al Quartier Generale dell'ISPR (il Quartier Generale si trova a Rawalpindi, non a Islamabad) né in qualsiasi altro evento organizzato dall'ISPR.

Rabi ha avuto diverse conversazioni su Twitter con il Direttore Generale dell'ISPR e lo ha esposto pubblicamente per avere supportato un numero musicale. I balli e i numeri musicali sono visti male nella società pakistana, dove le attrici si diffamano a vicenda quando mostrano la pelle. Il testo della canzone attacca l'India ed è stato un argomento d'interesse per il popolo pakistano di Twitter.

Rabi ha diffamato il Direttore Generale, scrivendo:

Sono estremamente delusa, @OfficialDGISPR tutti commettiamo errori ma non bisogna mai rifiutarsi di ammetterli o di dare questo tipo di spiegazioni 🙄#chotisibaat

Molti utenti di Twitter pakistani incolpano il Direttore Generale dell'Inter-Services Public Relations (ISPR), il Maggiore Generale Asif Ghafoor, di aver diffuso le foto e i video privati di Rabi Pirzada. Tuttavia, non c'è alcuna prova né un collegamento diretto che dimostri che non si tratta di altro che di chat da Twitter.

Un utente di Twitter ha commentato:

she criticized asif ghafoor and her pictures and videos got leaked after 1 hours

— Maaz Siddiqui (@m_siddiq7) November 1, 2019

la diffusione è avvenuta dopo che ha criticato ghafoor per aver difeso il numero musicale… ecco perché tutti dubitano di lui

Ciò che è capitato a Rabi non solo mostra come vengono trattate le vittime di violazione dei dati in Pakistan, ma evidenzia anche l'ipocrisia e i doppi standard della società in generale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.