chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le notizie false sui “sacrifici umani” legati al Padma Bridge generano violenza in Bangladesh

The Padma Bridge is a multipurpose road-rail bridge across the mighty Padma River under construction in Bangladesh. Image by Afzal Hossain via Wikimedia Commons. CC BY-SA 4.0

Il Padma Bridge, ancora in costruzione, è un ponte multifunzione per automobili e treni che attraversa il maestoso fiume Padma, in Bangladesh. Foto di Afzal Hossain dal sito Wikimedia Commons. CC BY-SA 4.0

La realizzazione del ponte di 6,1 km [en,  come i link seguenti, salvo diversa indicazione] sul fiume Padma [it], che collegherà la regione sud-ovest del Bangladesh con le regioni del nord e dell'est, dovrebbe terminare a dicembre 2020. Molti sperano che il nuovo Padma Bridge [it] possa cambiare il panorama economico del sud-ovest del Paese.

Tuttavia, sullo sfondo di queste promesse economiche, si nasconde una bufala sul Padma Bridge che ha già portato a otto arresti e due morti [bn].

Una bufala riguardo a dei presunti casi di sacrificio umano scatena il panico

Voci false che affermano che il Padma Bridge abbia bisogno di “teste umane” per la sua realizzazione si diffondono velocemente sui social [bn]:

Gira una nuova voce in città. Qualche fattone sta diffondendo menzogne dicendo che servono 100.000 teste umane per completare il Padma Bridge. Questa è una bugia completamente infondata. Non date retta a certe dicerie.

Queste voci si sono già dimostrate fatali. Sono state registrate due morti [bn] rispettivamente nella zona di Mohammadpur, nel distretto di Dhaka, e in quella di Ashuganj (Bramhonbaria), dopo che la folla ha iniziato a sospettare che le due persone rapissero bambini per usarli come sacrifici per favorire la costruzione del ponte. In alcuni altri casi registrati in altre zone del Paese, i presunti rapitori di bambini sono stati pestati. In una dichiarazione stampa, il capo della polizia del distretto di Laxmipur ha affermato [bn]:

যাদেরকে ‘ছেলে ধরা’ সন্দেহে আটক করা হচ্ছে পরবর্তীতে জিজ্ঞাসাবাদে দেখা যায় তারা কেউ মানসিক রোগী বা কেউ ভিখারী। ‘ছেলে ধরা’ খবরটি একটি নিছক গুজব।

Le vittime di pestaggio che abbiamo trattenuto per le accuse di rapimento di minori sono pazienti affetti da infermità mentale o senzatetto. Le affermazioni sul “rapimento di bambini” sono solo dicerie.

Secondo la Sezione 25 della Legge sulla Sicurezza Digitale del 2018, una persona può rischiare fino a tre anni di prigione, multe fino a 300.000 taka (3.000 euro) o entrambi per aver diffuso voci infondate in forma elettronica. Al momento, otto persone sono state detenute in tutto il Bangladesh per aver diffuso queste dicerie su Facebook.

Una vecchia diceria rivisitata

Si dice che alcuni stiano basando questi pettegolezzi su un articolo del 2015 che affermava che gli operai dell'impresa edile cinese che ha ricevuto l'appalto per la costruzione del ponte sacrificassero animali (capre e vacche) durante le fasi iniziali del progetto. Secondo le credenze degli operai cinesi, i sacrifici di animali possono compiacere Dio e far sì che si possano evitare incidenti gravi. Alcuni stanno condividendo immagini del sacrificio di un animale spacciando il sangue ritratto per sangue umano, oltre a storie di bambini decapitati per il ponte.

Diverse versioni di questo tipo di storia non sono una novità in Bangladesh. Una vecchia leggenda afferma che è necessario sacrificare teste umane durante qualsiasi lavoro di costruzione importante. L'utente di Facebook HR Sanvi Ahmed ricorda una simile diceria della sua infanzia legata alla costruzione del Kanchpur Bridge, il ponte realizzato verso la fine degli anni '70 [bn]:

স্কুলে পড়তাম তখন। এক বিকেলে ৪/৫ জন বন্ধু মিলে খুব চিন্তিত। কাঁচপুর ব্রিজ তৈরি হচ্ছে। এখন ব্রিজের জোড়া শক্তপোক্ত করতে মানুষের হাড় প্রয়োজন। যেটা সবসময়ই লাগে বড়বড় সেতু বানাতে। প্রায় ৫০০ মানুষের হাড়। আর এই হাড় সংগ্রহের জন্য মূলত শিশুদেরকেই টার্গেট করা হচ্ছে। স্কুলেস্কুলে কাফনের সাদা কাপড়সহ চিঠি যাচ্ছে। আমাদের স্কুলেও চিঠি এসেছে। শিক্ষকরা প্রতিদিন ২/১ জন করে পাঠিয়ে দিচ্ছে বাচ্চাদেরকে সেতুওয়ালাদের কাছে। এমতাবস্থায় খুব চিন্তিত আমরা। খেলাধুলা বাদ দিয়ে চিন্তা করছি। আমাদেরকেও কিনা পাঠিয়ে দেয়! রাতে ঘুম বন্ধ হয়ে গিয়েছিলো। ছোট মাথা, অনেক বড় দুঃশ্চিন্তা।

Ero solo uno studente all'epoca. I miei amici discutevano spesso della costruzione del Kanchpur Bridge. Secondo quanto si diceva, era necessario utilizzare ossa umane per rinforzare le giunture del ponte. Per un ponte così grande, sarebbero servite almeno 500 ossa. I bambini erano stati presi di mira ed erano state inviati molti reclami alle scuole. Anche la nostra scuola ricevette una lettera del genere. Gli insegnanti stanno mandando uno o due bambini agli operai del ponte. Eravamo parecchio preoccupati e spaventati. Se anche noi fossimo stati mandati… Non riuscivamo a dormire la notte. Così tante preoccupazioni in delle teste così piccole!

Altre dicerie di questo tipo sono affiorate nel 2010, durante la costruzione del Shah Amanat Bridge, il ponte che attraversa il fiume Karnaphuli, nel Chittagong.

I sacrifici umani compaiono nell'antica mitologia Hindu. In molti testi antichi, si diceva che venivano mozzate teste umane [it] per compiacere i demoni prima di erigere un ponte su un corso d'acqua di montagna. Cinquemila anni fa, il Narboli (“sacrificio umano”) veniva praticato nella civiltà Pundra per compiacere la Dea dell'agricoltura.

Il lago di Ramsagor nel distretto di Dinazpur del Bangladesh è stato completato nel 1750. La leggenda racconta che in principio non c'era acqua, ma che quando il Principe Ramnath sacrificò la sua vita in quel punto, questo si riempì d'acqua. Foto di Selim Khondokar. CC BY- 4.0

In un’intervista con la BBC, Susmita Chakrabarti, professoressa del dipartimento folkoristico della Rajshahi University, ha puntato il dito contro le leggende [bn]:

প্রত্যন্ত অঞ্চলের মানুষ পূর্বপুরুষদের কাছ থেকে যেসব গল্প শুনে আসে, কোনো ধরণের যাচাই ছাড়া সেগুলো বিশ্বাস করার প্রবণতার কারণেই এই প্রযুক্তির যুগেও সেসব গল্প সত্যি বলে দৃঢ়ভাবে বিশ্বাস করে।

Le persone sono abituate a queste leggende tramandate di generazione in generazione. Quindi ci cascano subito quando sentono delle dicerie del genere, senza neanche verificarle, persino nell'era della tecnologia.

Mentre il governo bangladese cerca di contenere la diffusione di questa storia, ha dichiarato che agirà con severità contro chiunque stia alimentando la voce [bn]:

Vi prego di fare attenzione alle persone che stanno diffondendo la voce riguardante il necessario sacrificio di teste umane per il Padma Bridge. La polizia sta già procedendo ad arrestarle.

Le autorità del ponte hanno pubblicato una dichiarazione il 9 giugno 2019 che negava le dicerie sui sacrifici e ha affermato che fossero state diffuse da “gruppi con interessi personali”, chiedendo poi al pubblico di ignorare certe storielle infondate.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.