chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Giappone: revisione in corso per la Legge sulla Nazionalità

Il 4 giugno scorso, in occasione dei processi intentati nel 2003 [in] e nel 2005, aventi come protagonisti 10 bambini nati da relazioni extraconiugali tra padri giapponesi e madri filippine, la Corte Suprema ha dichiarato incostituzionale un articolo della Legge sulla Nazionalità [in] perché viola l'articolo 14 della Costituzione [in], che garantisce il diritto all'uguaglianza dei cittadini. Secondo tale articolo, un bambino nato dal matrimonio di un padre giapponese e una madre straniera sarà considerato sotto tutti gli aspetti un cittadino giapponese. Ma prima della decisione del 4 giugno, i bambini nati da relazioni illegittime erano riconosciuti come cittadini giapponesi soltanto se la paternità veniva confermata prima della nascita del bambino.

Illustrazione della Legge sulla Nazionalità giapponese
Sul suo blog, Inflorescencia [giap] descrive, mediante l'uso di questo grafico, il meccanismo che regola la legge sulla nazionalità e il processo che ne ha innescato la revisione.

Il 18 novembre, dopo questa storica sentenza della Corte Suprema, la Camera dei Rappresentanti ha approvato la legge [giap] che modifica l'articolo 3 della legge sulla nazionalità. Tuttavia, in attesa della conferma della legge da parte della Camera dei Consiglieri entro il 30 novembre, vanno aumentando le voci di parere opposto.

In risposta a queste proteste, Hideo Ogura sul blog la_causette [giap] ha pubblicato un articolo intitolato “Opporsi alla revisione della legge sulla nazionalità, clausola 1, articolo 3, è uno spreco di energie” (国籍法3条1項の改正に反対することはエネルギーの無駄である). Nell'articolo, il blogger fa riferimento al movimento nazionalista nato su Internet che si oppone alla decisione della Corte Suprema [in] e, di conseguenza, alla revisione della legge.

 最高裁判所の違憲判決を受けて行われている国籍法改正について,相変わらずの人たちによる反対運動がネットを中心に熱心に行われているようです。

 ただ,なんだか無駄なエネルギーを使っているようにしか私には見えません。というのも,上記国籍法改正を阻止できたところで,彼らが望んでいる社会にはならないからです

Come accade spesso, recentemente ha preso corpo, specialmente su Internet, un movimento d'opposizione alla proposta di revisione della legge sulla nazionalità che fa seguito alla sentenza della Corte Suprema.
Secondo me questo non è altro che uno spreco di energie, perché anche se costoro riusciranno ad bloccare la revisione menzionata, tutto ciò non porterà al tipo di società che sperano di vedere.

 

 […] すなわち,上記国籍法改正を阻止してみたところで,法務局を困らせることにしか繋がらないのであって,仮にこの反対運動並び右派国会議員等からの圧力に屈してこの種の国籍取得届に対して国籍取得を認めない旨の通知を発する法務局が現れたところで,子供の親と法務局と裁判所に訴訟のための無駄な費用と労力をかけさせるだけに終わるのです(最高裁の大法廷で下された合憲限定解釈に敢えて逆らおうとする下級審というのもあまりいないように思いますし。)。
 ある種のゼノフォビアのために,国に無駄な仕事をさせようとする人々を,「愛国者」と呼ぶことに,私は大いなる躊躇を感じます。

In altri termini, anche se queste persone dovessero bloccare la revisione della legge sulla nazionalità, non faranno altro che creare problemi alla Commissione degli affari giuridici. E se, ipoteticamente parlando, la pressione del movimento di opposizione e dei membri dell'assemblea nazionale di destra sarà così forte da far sì che la Commissione degli affari giuridici rifiuti di accordare la cittadinanza giapponese a questi bambini [alle condizioni stabilite di recente dalla sentenza della Corte Suprema], un nuovo processo sarebbe soltanto uno spreco di denaro e energie sia per il bambino che per i suoi genitori, così come per la Commissione degli affari giuridici e per la Corte Suprema. (Appare inoltre improbabile che il Tribunale di prima istanza metta in discussione l’interpretazione della Costituzione [合憲限定解釈] [giap] stabilita dai giudici della Corte Suprema.)
Per di più, questo gruppo di persone che sta cercando di accollare del lavoro inutile allo Stato, unicamente per motivi di xenofobia, ha la pretesa di essere definito “patriota”, e tutto ciò mi lascia profondamente perplessa.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.