chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Global Voices in Haiti: Litmus Test

Global Voices ha inviato un team nella capitale Port-au-Prince dopo il terremoto di Haiti [en, come i link seguenti] per aiutare a sostenere l'attività mediatica. Georgia Popplewell e Alice Backer stanno anche contribuendo in prima persona alla copertura mediatica degli sforzi di recupero. Scopri di più sul loro intervento.

PORT-AU-PRINCE, HAITI, 27 gennaio 2010

Ieri siamo andati di nuovo in centro a Port-au-Prince. Ci era giunta voce via Twitter che nei pressi del Palazzo Nazionale veniva distribuito il cibo. Abbiamo poi ricevuto segnalazioni, da parte di Carel Pedre e Karl Jean-Jeune, sulla sicurezza dell'ONU circa l’utilizzo di gas lacrimogeni. Esaminando il filmato postato su YouTube da Carel Pedre, il mio collega di Global Voices, Marc Herman, ha concluso che la sostanza spruzzata assomigliava più a uno spray al peperoncino. La teoria di tale spray al è stata avvalorata da rapporti dell'UK Times Online e dell’Australian Broadcasting Corporation, anche se Al Jazeera English si mantiene sulla linea dei gas lacrimogeni.

Distribuzione alimentare a Port-au-Prince

Che si tratti di spray al pepe o di gas lacrimogeno, la rissa si è placata quando siamo arrivati in città. La fila è lunga, ma la gente aspetta pazientemente. Chiediamo a un passante cosa viene distribuito. Dice che pensa sia riso. Chiedo a Roosevelt, il nostro autista, di fare il giro degli Champs de Mars, così possiamo vedere cosa sta succedendo nella vasta tendopoli che ora occupa gran parte della piazza centrale della città.

Non sorprende che il regolare ritmo della vita haitiana sembri essersi affermato nel labirinto di rifugi di fortuna, raggruppati in basamenti sui quali poggiano, fra le altre, le statue di Toussaint e Pétion, i padri fondatori del paese. Le donne cucinano, fanno il bagno ai neonati, fanno il bucato in vaschette lungo il muro perimetrale e si lavano al bordo della strada. I bambini giocano a calcio, i venditori hanno allestito bancarelle in periferia. Vicino al National Palace, la gente si è radunata per assistere al declassamento di una cassaforte da un edificio governativo. Anche in altre parti della città si stanno svolgendo operazioni di recupero e di scavo meno formali. Passiamo davanti a gruppi di uomini che spalano le macerie, gente che raccoglie tra le rovine degli edifici cose che può riutilizzare. Tra i detriti, Port-au-Prince sta lentamente tornando in vita.


Nella tendopoli sugli Champs de Mars, la vita riprende il suo normale ritmo

Ieri sera un amico che è venuto qui per lavorare con una ONG canadese si è chiesto quanti degli “sfollati” erano persone le cui case erano intatte ma che avevano semplicemente paura di dormire in casa. Ieri il governo haitiano, così com'è, ha pubblicato un bollettino che riassume l'impatto del terremoto. Sul suo blog, Anne-Christine D'Adesky pubblica le traduzioni di alcuni dei punti salienti:

“Around 112,000 dead, 195,000 wounded, 1 million homeless, half the houses destroyed in Port-au-Prince, Jacmel and Leogane; at least 23 private hospitals collapsed.

“Circa 112.000 morti, 195.000 feriti, 1 milione di senzatetto, metà delle case distrutte a Port-au-Prince, Jacmel e Leogane; almeno 23 ospedali privati al collasso.

“The government yesterday announced the creation of 2 camps for displaced persons in Port-au-Prince: one on the road to Tabarre, the other at Croix des Bouquets. Another site has been identified in the zone of Leogane.

“Il governo ha annunciato ieri la creazione di 2 campi per sfollati a Port-au-Prince: uno sulla strada per Tabarre, l'altro a Croix des Bouquets. Un altro sito è stato individuato nella zona di Leogane.

“Only qualified engineers can determine if a damaged building is sound enough to be recoccupied. The rule to follow until an engineer has evaluated a property is: if the building doesn't look sound, it isn't.

“Solo ingegneri qualificati possono stabilire se un edificio danneggiato è abbastanza sano da poter essere rioccupato. La regola da seguire finché un ingegnere non ha valutato una proprietà è: se l'edificio non sembra sano, allora non lo è.

“Today, we estimate the capacity of food distribution varies between 200,000 and 300,000 rations a day. This means that, in Port-au-Prince and its surroundings alone, over 800,000 people will not be reached. This is the major challenge.

“Oggi stimiamo che la capacità di distribuzione di cibo varia tra le 200.000 e le 300.000 razioni al giorno. Ciò significa che, solo a Port-au-Prince e nei suoi dintorni, oltre 800.000 persone non saranno raggiunte. Questa è la sfida principale.

“The government is opposed to precipitous adoptions and uncontrolled departures from Haiti of vulnerable or orphaned children and is concerned about the risk of trafficking.

“Il governo si oppone alle decisioni precipitose e alle partenze non monitorate da Haiti di bambini orfani o vulnerabili ed è preoccupato per il rischio di tratta.

“NGOs engaged in humanitarian or food aid are encouraged to work with the UN system that has been established.”

“Le ONG impegnate in aiuti umanitari o alimentari sono incoraggiate a lavorare con il sistema istituito dall'ONU”.

È difficile sapere cosa sta realmente accadendo sul campo. Port-au-Prince è una città vasta e sconosciuta, e il mio obiettivo primario nell'essere qui non è quello di riferire sulla situazione. Resteremo a Pétionville, lontano dalla mischia. Come dimostra la storia dei gas lacrimogeni di cui sopra, è difficile verificare le informazioni. Si cerca di andare in giro il più possibile, ma alla fine si vede solo una piccola parte del tutto, e forse si capisce o si legge con precisione solo una piccola parte di questa. Ma la storia principale riguarda la distribuzione degli aiuti: quanto male sta andando, come i rifornimenti non riescono ad arrivare a chi ne ha bisogno, e anche quanto sia difficile il tutto. Sono abbastanza sicuro che questa sia vera.

Ai margini della tendopoli vicino al National Palace parlo con una coppia di donne di mezza età di Bel Air. Dicono di non aver ricevuto rifornimenti di cibo. Chiedo loro se hanno intenzione di lasciare la città per andare in campagna. La più anziana dice di no. Chiedo perché. Dice che è perché suo padre è morto – non ha più una famiglia “in provincia”.


Danni provocati dal terremoto a Carrefour

Ci dirigiamo a ovest verso un quartiere di Carrefour, dove si dice che il 40-50% degli edifici abbia subito danni. Lungo le strade principali, almeno, l'impatto del terremoto non sembra così drammatico come nel centro di Port-au-Prince, poiché gli edifici sono più bassi e non così densamente raggruppati. Le tendopoli sono spuntate sulle linee di mezzeria e ci sono cumuli di spazzatura in fiamme lungo il ciglio della strada. Ma Carrefour non ha avuto bisogno di un terremoto per rendere le sue condizioni spaventose. Eppure, la comunità sta facendo il suo lavoro, ovviamente abituata allo squallore generale e al fango grigio della spazzatura macerata sotto i piedi. Passiamo davanti a tre agenzie di trasferimento di denaro con lunghe code, segno che le rimesse, che secondo alcune stime rappresentano oltre la metà del reddito nazionale del Paese, stanno tornando ad Haiti.


Tendopoli sullo spartitraffico della strada principale di Carrefour

Folla riunita fuori da un'agenzia di trasferimento di denaro a Carrefour, in attesa delle rimesse provenienti dall'estero

Torniamo nel centro di Port-au-Prince per affrontare un altro lato di Haiti presso lo storico Hotel Oloffson a Bois Verna, dove sembra che metà della mailing list di Corbett Haiti stia pranzando. Chiacchieriamo brevemente con il proprietario dell'hotel Richard Morse (@RAMhaiti), che ora ha 12.065 follower su Twitter e appare su 638 liste di Twitter, il tutto a seguito del terremoto. Anche lì: Anne-Christine D'Adesky, che da quando si è abbattuto il terremoto scrive e pubblica costantemente sulla lista Corbett, e che dice che Haiti è la “cartina di tornasole” (litmus test) per capire se le lezioni apprese in altre recenti situazioni umanitarie sono state realmente apprese; la newyorkese Tequila Minsky, appena arrivata da un quartiere vicino in cui ha scattato delle foto; la scrittrice Amy Wilentz, per la rivista TIME; il fotografo haitiano Daniel Morel, che corregge le mie tecniche di ripresa; e Leah Gordon, che si offre di portarci a Portail Léogane per visitare gli scultori della Grand Rue.

Ma questa è un'altra storia. Passo e chiudo.

Pubblicato originariamente da Caribbean Free Radio.

Il lavoro di Global Voices ad Haiti è supportato dai nostri finanziatori di sostegno generale e da Internews, un sussidio di informazione umanitaria. Visita la pagina di Global Voices sul terremoto di Haiti per maggiori informazioni.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.