chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Portogallo: una narrativa digitale su cibo, crisi e territorio

Screenshot of the website mundommouraria.com - "Returning architecture back to the city"

“Restituendo l'architettura alla città” — Immagine del sito MundoMouraria.com (anche su Facebook).

Il quartiere storico di Mouraria, a Lisbona, ora si può esplorare attraverso l'innovativo web documentary, Mundo Mouraria [pt]. Attraverso una vera e propria forma di narrativa digitale, il documentario mette a dispozione una mappa per aiutare i visitatori a percorrere le strade, i suoni ed i sapori di Mouraria, e, allo stesso tempo, conoscere la storia di sei abitanti del luogo. La sinossi dice:

Ecco una serie di domande: cosa significa abitare? Qual è il dialogo tra spazio e soluzioni di vita del qua e adesso (la “crisi”)?

Miloca, Joaquim e Nina sono la geografia umana di un sogno. O meglio, ne sono l'evidenza: la geografia è (anche) sogno e lo spazio di oggi è già alimentato – letteralmente – dalle speranze di un futuro. Una Guinea clandestina, un'America Latina per inni, un Portogallo con autoimpiego.

Rita e Leader ci insegnano una preziosa lezione: preservare è reinventare. Lingua, lavoro, conoscenza, conoscenza trasformata in sapori.

Salvino è geografia-memoria. Tutti i galiziani della sua generazione sono già partiti o morti. Lui è qui per guardarci dritto negli occhi, nel passato presentificato dei “c'era”, “veniva” e “aveva”, che sono prove storiche di esistenza.

E la vita sempre sorprende la rotta: Mundo Mouraria si dovrebbe leggere come “mondi”, al plurale. Il mondo globale ad ogni angolo, nelle risposte locali alle sfide che si trovano da qualche parte nell'indefinito globale.

Mundo Mouraria è stato lanciato il 15 ottobre 2013 alla Triennale di Architettura di Lisbona, e rappresenta il debutto della nuova cooperativa Bagabaga Studios. Paulo Querido, figura di spicco del giornalismo online in Portogallo, ha descritto [pt] questa narrativa multimediale come “pioniera nella storia del giornalismo portoghese”. 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.