chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

I Greci ritornano a sperare dopo il voto anti-austerità in favore di Syriza

"Apriamo la strada alla speranza" and "La speranza ha vinto": il motto usato da SYRIZA prima delle elezioni (il primo, a sinistra) e dopo aver vinto le elezioni del 25 gennaio (il secondo, a destra). Fonte: SY.RIZ.A. pagina Facebook ufficiale

“Apriamo la strada alla speranza” e “La speranza ha vinto”: il motto usato da SYRIZA prima delle elezioni (il primo, a sinistra) e dopo aver vinto le elezioni del 25 gennaio (il secondo, a destra). Fonte: SY.RIZ.A. pagina Facebook ufficiale

Alle 19,00 circa del 25 gennaio 2015, in Grecia gli exit poll delle elezioni anticipate hanno mostrato una vittoria schiacciante di Syriza [en], risultato del fallimento del precedente governo nel raccogliere voti sufficienti per eleggere un nuovo capo di Governo. Qual è il messaggio utilizzato dal movimento dopo la vittoria? “La speranza ha vinto.”

I sostenitori di Syriza si sono riversati nelle strade di Atene per celebrare la storica ristrutturazione politica del paese. Per la prima volta nel corso della storia moderna greca, dalla transizione democratica del 1974 (detta la Metapolitefsi [en]), la sinistra è andata al potere e i due più grandi partiti politici, PASOK and e la Nuova Democrazia, non ne fanno parte.

Grecia: la gente si sta radunando di fronte all'Università di Atene per partecipare al discorso di Alexis Tsipras.

La Grecia, colpita duramente dalla crisi del debito, arranca sotto le impopolari misure di austerità decise dalla cosiddetta Troika—la Banca Centrale Europea, la Commissione Europea e il Fondo Monetario Internazionale—per aver ricevuto i due fondi di salvataggio.

Questa vittoria di Syriza rappresenta per molti greci una ragione per sperare in qualcosa di meglio.

Syriza ha formato il Governo con i Greci Indipendenti (AN.EL.), un partito conservatore e populista di destra “anti-memorandum”—in riferimento a quel lMemorandum d’Intesa, siglato tra la Grecia e la Troika, che delinea le condizioni finanziarie a cui il paese doveva sottostare in cambio del piano di salvataggio. 

Il partito neo-eletto ha iniziato da subito a mettere in pratica le promesse elettorali fatte. I social media esprimono il loro ottimismo. @kotsos43  ha inviato un Tweet al nuovo Primo Ministro Alexis Tsipras:

Potrei anche non aver un centesimo in tasca ma, per la prima volta in questi ultimi cinque anni, mi sento pieno d'orgoglio. Bravo, continua così e non tirarti indietro.

Mentre @adiasistos, della vecchia guardia, muove delle critiche:

Senza precedenti e inaccettabile: [il nuovo Governo] insiste nel portare avanti le promesse fatte prima delle elezioni.

Una delle prime cose fatte dal Governo è stata rimuovere le recinzioni di ferro [gr] di fronte alla sede del Parlamento di Atene. “Non abbiamo paura della nostra gente” ha detto Giannis Panousis, vice Ministro dell’Ordine Pubblico e di Tutela dei Cittadini. Le recinzioni erano state messe nel corso delle proteste svolte nel 2011 ad Atene e sono rimaste lì fino a ora. Quest’azione simbolica del nuovo Governo è la prima promessa diventata realtà.

Dromografos pubblica su Twitter una foto del monumento Milite Ignoto di fronte al Parlamento greco, libero dalla recinzione:

Anche il monumento del Milite Ignoto è stato liberato

La giornalista Corina Vasilopoulou scrive:

Vedo l’edificio del Parlamento libero da recinzione e non riesco a credere ai miei occhi :-))

Mentre @iKantTweet ironizza:

La recinzione è stata rimossa dall’edificio del Parlamento. I cittadini non sono più protetti…

Il giorno stesso, il Vice Ministro Panousis annuncia di richiamare le forze dell'ordine [gr] dal quartiere Exarchia, un “ghetto” caratterizzato da un’intensa presenza della polizia.

Le reazioni su Twitter sono sempre piene di humor. L'utente @periklisp87, già membro di Syriza, scrive:

Non sono d'accordo di rimuovere la polizia da Exarchia. Ormai fa parte dell'architettura locale. È come dire, Parigi senza la Torre Eiffel.

Le misure intraprese sono state subito messe alla prova. Il 31 gennaio il partito di estrema destra Alba Dorata ha organizzato un corteo ad Atene, partendo da Piazza Rigillis, in ricordo della crisi di Imia e dell’incidente accaduto all’elicottero greco nel 1996 [en] probabilmente causato da un incendio a opera di truppe turche. Poco prima, a Piazza Omonia, il movimento anti fascista ha tenuto una manifestazione contro Alba Dorata.

La presenza della polizia antisommossa è stata discreta, gli agenti non avevano pistole [gr] e le tensioni non sono esplose. Era la prima volta, in tanti anni, che si svolgevano manifestazioni senza un’intensa presenza della polizia che non ha esitato, in passato, a usare la violenza contro i dimostranti [en]. I social media ne prendono atto:

Manifestazioni oggi di gruppi di anti fascisti e di Alba Dorata ad Atene…neanche un incidente!! Adesso capite chi ha distrutto Atene così tante volte?

Senza MAT [Riot Police]

L'utente Twitter @n_skyftoulis scrive:

Oggi è un giorno meraviglioso. Abbiamo partecipato alla manifestazione e non abbiamo visto neanche un poliziotto. Non ci hanno mai rispettato e questo è stato dimostrato oggi.

Mentre @menacius sottolinea:

Atene si sta trasformando da una città da polizia di stato a una città democratica.

La manifestazione successiva del 5 febbraio ad Atene contro le decisioni della Banca Centrale di non accettare i titoli greci in cambio dei fondi ha dimostrato ulteriormente il concetto. I cittadini hanno manifestato pacificamente, dimostrando che le recinzioni non erano più necessarie.

Manifestazioni senza precedenti in Grecia: A favore del governo! La polizia non si è vista da nessuna parte.

V per Varoufakis

Il nuovo Ministro dell’Economia Yanis Varoufakis si rifiuta di cooperare con la Troika durante l’incontro ufficiale del 30 gennaio con il capo dell’Euro gruppo  Jeroen Dijsselbloem&nbsp. I Tweet si susseguono incessantemente in Grecia.

Vai avanti Yanis 

@giuseppe_vieri richiama il ritornello della canzone “The roof is on fire” riferendosi al Ministro: 

Varouf Varouf Varouf is on fire #varoufakis_songs

@Krogias sottolinea la somiglianza di Varoufakis con “Spock” di Star Trek :

Varoufakis placa i banchieri e i mercati

Su Facebook, la pagina dedicata al nuovo Ministro dell'Economia “V for Varoufakis,” in riferimento al film “V for Vendetta,” ha ottenuto più di 57.000 likes in una settimana dalla sua creazione, avvenuta alla fine di gennaio.

    Pagina satirica Facebook dedicata al nuovo Ministro dell'Economia greco, Yanis Varoufakis. Screenshot da Facebook.

Pagina satirica Facebook dedicata al nuovo Ministro dell'Economia greco, Yanis Varoufakis. Fonte: Screenshot da Facebook.

Come molti sottolineano sembra che per prima volta il Governo greco possa intervenire attivamente nelle negoziazioni sulla crisi del debito, mentre i precedenti governi si sono dovuti sottomettere alle decisioni prese da altri. Il giornalista Kostas Vaxevanis commenta:

Ecco, queste sono “negoziazioni”. Oh, ed è proprio il governo greco a farle.

Gath su Twitter suggerisce al Primo Ministro di indire ancora le elezioni così da ottenere una maggiore percentuale di voti:

Alexis, vai alle elezioni la prossima settimana, raggiungi il 60% e facci sognare, ragazzo mio ;-)

 

Promesse politiche, senza cravatte

Il Primo Ministro Alexis Tsipras, ateo dichiarato, ha registrato un’altra prima volta con la sua decisione di prestare giuramento politico, piuttosto che quello tradizionalmente religioso. Un’azione che ha scatenato reazioni controverse . Alcuni—soprattutto dall’opposizione—la considerano inaccettabile, mentre altri non sembrano essere particolarmente colpiti dalla sua scelta.

Il rifiuto di alcuni membri del nuovo governo, con alcune eccezioni, di indossare la cravatta è stato registrato anche dai social media. 

In Grecia i “senza-cravatta” al potere. 

Non vedo l’ora di ascoltare dall’ufficio stampa del partito della Nuova Democrazia, uno di quegli annunci arrabbiati, dal momento che Tsipras è andato a giurare senza cravatta. [ND ha precedentemente pubblicato un commento sul mancato giuramento religioso del Primo Ministro]

Per la verità siamo testimoni di momenti storici. La prima volta di un giuramento politico. La prima volta con un Primo Ministro casual senza cravatta. Per la prima volta alcuni se la stanno facendo sotto…

Come siamo caduti in basso! Tsipras che giura come Primo Ministro senza cravatta. Dove vuole andare un paese così?

Infatti, il Primo Ministro italiano Matteo Renzi, incontrando Alexis Tsipras, gli ha regalato una cravatta [gr]. Però Tsipras aveva già detto che indosserà una cravatta [gr] solo quando ci sarà un “taglio” al debito.

Con la vittoria di questo nuovo governo e delle loro promesse fatte, molte cose dovranno accadere. Come l'utente Twitter @menacius sottolinea:

La politica con Syriza è diventata anche più eccitante di House of Cards [serie TV]!

Il nuovo governo riuscirà ad esaudire tutte le promesse fatte? Solo il tempo può dirlo. Nel frattempo sembra che il popolo greco abbia recuperato un po’ di speranza, di dignità e di ottimismo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.