chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La Turchia scopre e valorizza il talento degli artisti siriani locali

'Arthere' in Istanbul's Kadıköy district. Source: SyriaUntold

Arthere nel distretto di Kadıköy a Istanbul è un art space indipendente. Foto scattata a Istanbul, Turchia il 12 dicembre 2016 da Derya Yücel/SyriaUntold

La seguente storia è stata scritta originariamente da  per Syria Untold. Viene ripubblicata qui grazie a un accordo di collaborazione.

Il mercato dell'arte di Istanbul e la sua scena artistica si sono gradualmente aperti a partire da metà anni '90 [en, come tutti i link precedenti e seguenti, salvo diversa indicazione] verso gli altri paesi. Tuttavia, gli scambi con la Siria erano inesistenti cinque anni fa.

Alcuni artisti e collettivi, principalmente siriani ma anche turchi, arabi e europei, hanno sviluppato strutture per promuovere la cultura siriana e si sono adoperati per costruire ponti tra la comunità locale ospitante e la scena artistica, e anche per fornire punti di incontro per i rifugiati siriani ad Istanbul, dove nel 2014 si stimava questi fossero 330,000. Inoltre, aiutano gli artisti appena arrivati.

Ad eccezione dei primi anni del 2000, le relazioni tra la Turchia e la Siria sono state tese per decenni e molto limitate, a causa della mancanza di una lingua nazionale condivisa. Il panorama politico turco è diventata progressivamente più polarizzato negli ultimi anni. Ed è in questo contesto che gli artisti siriani, che rappresentano il pubblico della scena artistica turca e allo stesso tempo coloro che la mettono in pratica in un ambiente né a loro familiare né a cui siano collegati, cominciarono a stabilirsi nella metropoli.

Pages, la prima libreria araba di Istanbul, ha aperto le proprie porte per soddisfare le esigenze dei siriani in città e per avvicinare la comunità ospitante e quella di immigrati arabi. Fondata da artisti e editori siriani, in collaborazione con partner turchi e non, la libreria ha una caffetteria e uno spazio per i bambini ed ospita eventi culturali.

Una saletta accoglie confortevole piena di libri in arabo, turco, inglese e francese accoglie i visitatori in una fredda notte di dicembre. Al piano superiore chiacchiericci in arabo riempiono la caffetteria. “Ogni giovedì abbiamo una consulenza legale gratuita disponibile [per i profughi siriani]”, ha spiegato uno dei volontari.

Pages Bookshop Café is Istanbul’s first Arabic bookstore and has become an important meeting place bringing both Syrians and Turks together for cultural and other events. Taken in Istanbul, Turkey on December 1, 2016 by Nathalie Rosa Bucher/SyriaUntold

Pages Bookshop Café è la prima libreria araba di Istanbul ed è diventata un importante punto d'incontro che riunisce siriani e turchi per eventi culturali e non. Foto scattata ad Istanbul, Turchia, il primo dicembre 2016 da Nathalie Rosa Bucher/SyriaUntold

Fondata nel 2014, Arthere Istanbul, che ha una licenza commerciale, è un centro d'arte e una caffetteria a Kadikoy, che di recente ha iniziato ad offrire alloggio ad artisti. Fin dal suo inizio, ha cercato di entrare in contatto con la comunità artistica locale accogliendo favorevolmente la sperimentazione artistica.

Al piano terra, dietro una facciata con finestre a pannelli aperte ci sono i tavoli e un angolo cottura self-service. Il primo piano è uno studio d'arte e nel seminterrato c'è una stanza buia con un letto a castello come alloggio di emergenza.

Omar Berakdar, co-promotore di Arthere e fotografo siriano, ha accolto numerosi artisti siriani. Molti di loro hanno deciso di andare via dalla Turchia, lasciando ad Arthere una serie di strumenti, scarpe e una collezione di valigie. Berakdar ha inoltre istituito un archivio per custodire le opere d'arte di artisti all'estero spesso in movimentom per evitare che venissero danneggiate.

Istanbul, come Beirut, è diventato un pit stop per gli artisti siriani. Il pittore Hasko Hasko vi ha risieduto prima di partire per la Germania e Mohammed Zaza, anche egli un pittore, che originariamente era venuto a trovare un amico, ha decise poi di rimanere — per un certo periodo.

L'artista visivo siriano Ali Abdulkerim, noto come ʻAli Omarʼ, ha affermato che se potesse rimarrebbe ad Istanbul, ma deve far fronte a problemi finanziari. “Ovunque nel mondo, campare di arte non è facile, forse è ancora più difficile in Turchia, ed ero pienamente consapevole di questo quando ho fatto la mia scelta di essere un artista. Il mercato artistico di Istanbul non è così forte, in pochi comprano arte o hanno i mezzi per farlo. Questo colpisce tutti gli artisti, compresi quelli turchi “, ha spiegato.

Il primo dicembre scorso, quando un gruppo di studenti turchi di Gestione del Patrimonio Artistico alla Bilgi University e il loro docente Derya Yücel sono venuti in visita ad Arthere, il suo recente lavoro – grandi ritratti in ricche tonalità – è stato tra i disegni ed i dipinti esposti.

È stata un'esperienza molto interessante per i miei studenti l'incontro con Arthere ” ha poi dichiarato Yücel. “Gli studenti sono stati interessati ad alcune opere d'arte. Mi hanno anche detto che sarebbe venuti a Arthere di nuovo. I miei alunni non conoscevano questi gruppi di artisti prima, e per questo motivo questi incontri sono così emozionanti per loro”.

“Quest'anno vogliamo lavorare con Artiere per il progetto che prepareremo all'interno del corso. Attraverso questo progetto, più studenti verranno a contatto con l'arte degli artisti siriani. Faremo comunicazioni di ciò e persone della scena artistica turca parteciperanno come pubblico. Così potremo aumentarne la consapevolezza”, ha delineato Yücel.

Turkish Art Management students listening to a presentation by Arthere co-initiator Omar Berakdar. Arthere is an art centre and café in Kadıköy that recently started to offer art residencies. Taken in Istanbul, Turkey on December 1, 2016 by Derya Yücel/SyriaUntold

Studenti turchi di  Gestione del Patrimonio Artistico ascoltano una presentazione del co-promotore di Arthere, Omar Berakdar. Arthere è un centro artistico e caffetteria di Kadıköy che di recente ha iniziato ad offrire alloggio agli artisti. Foto scattata ad Istanbul, Turchia, il primo dicembre 2016 da Derya Yücel/SyriaUntold

Alla domanda sui rapporti tra l'arte araba, ed in particolare siriana, con gli istituti d'arte turchi prima del 2011, Asena Günal, coordinatore del progetto a Depo Istanbul, ha risposto: “Pochi di noi parlano arabo, dovevamo lasciarci il nostro passato ottomano alle spalle [in linea con l'eredità di Ataturk] e i turchi sono abbastanza orientalisti quando si tratta di arabi… “

Günal ha sottolineato che Depo è una delle poche istituzioni che ha collaborato o ha esposto l'arte siriana. La popolare SALT gallery Galata ha ospitato Apricots from Damascus (letteralmente: Albicocche da Damasco), un progetto espositivo indipendente sulle diaspore passate e presenti, organizzato da Atif Akın e Dilek Winchester all'inizio di quest'anno. In primavera, Depo ha collaborato con Senay Özden, membro del Hamisch, un centro culturale fondato da artisti e intellettuali siriani e turchi, per il progetto SaturDox 2016.

«E le voci siriane?”, chiede Günal, “Non le sentiamo! Non sentiamo buone rappresentazioni dei siriani da parte dei mezzi d'informazione turchi o occidentali. Così abbiamo organizzato sei proiezioni di documentari sulla Siria [SaturDox] che sono stati tutti seguiti da dibattiti. È stato davvero istruttivo”.

Decenni di limitazioni alla libertà di espressione hanno lasciato un segno indelebile sugli artisti siriani e le loro opere. Berakdar ha affermato: “Il cinema veniva censurato dal regime di Assad e questo sollevava domande sulle restrizioni verbali e non verbali e i problemi di autocensura. Come parte della nostra serie Synema nel mese di ottobre 2016, abbiamo proiettato ad esempio ‘Silent Cinema’ di Meyar al-Roumi. È importante trovare un modo di aggirare le restrizioni e le barriere per poter esprimere un messaggio onesto; ponendo domande senza fornire risposte”.

È fondamentale che ci siano collaborazioni tra siriani e turchi anche perchè gli artisti siriani, in particolare i registi, hanno per decenni dovuto trovare modi per aggirare condizioni di lavoro proibitive.”

Génal ha definito Depo come “uno spazio alternativo, dove le voci dissidenti e dei siriani sono all'ordine del giorno. Una parte della mostra di Mohammad Zaza, che come molti artisti ha voluto condividere il suo lavoro con il pubblico turco, ha fornito l'opportunità giusta per promuovere un dibattito sull'arte, l'oppressione e la creatività.”

Berakdar, che risiede a Istanbul da quattro anni e parla turco fluentemente, ha dato alcuni consigli agli studenti della Bilgi University. “La prima sfida che affronterete è il denaro, ovviamente. Ho studiato giornalismo, arte e chimica e faccio lavori secondari per le aziende farmaceutiche per portare a casa qualche soldo in più. […] Non ci sono più borse di studio. “

Il giorno successivo, Berakdar ha spiegato che la società turca si sta ancora abituando agli artisti siriani. “Gli studenti di ieri sono rimasti entusiasti, quindi è necessario aprire un dialogo. Qui in Turchia le persone sono più interessate ad andare ai concerti e a teatro che nelle gallerie d'arte o nelle belle arti”, ha detto. “Semplicemente non ci si può aspettare lo stesso interesse e affluenza all'apertura di mostre di arti visive, come in Libano o in Siria.”

Arthere has successfully opened to the artistic community and the neighbourhood, allowing for networking and collaborations. Taken in Istanbul, Turkey on December 20, 2016 by Omar Berakdar/SyriaUntold

Arthere ha aperto con successo le porte alla comunità artistica e al quartiere, permettendo networking e collaborazioni. Foto scattata a Istanbul, Turchia, il 20 dicembre 2016 da Omar Berakdar/SyriaUntold

Per dare potere agli artisti siriani e per ampliare la loro comprensione della scena artistica locale, Arthere tiene numerosi workshop e ospita conferenze, proiezioni, spettacoli e concerti. Soprattutto questi ultimi hanno attirato un nuove fette di pubblico, includendo un misto di musica sperimentale e varie formazioni – tra cui anche un'orchestra di 15 elementi che ha eseguito canzoni tradizionali turche.

Istanbul vanta una scena musicale meravigliosamente varia, essendo uno dei suoi più grandi settori artistici. Tra gli artisti siriani che si sono trasferiti in Turchia dal 2011, per i musicisti è stato infatti più facile affermarsi.

Ad Arthere, Abdulwahed al-Khamrah, artista siriano, ha introdotto il pubblico al patrimonio musicale della Siria e Saba Barada, sulle note del famoso suonatore di oud Wassim Mukdad, ha dato vita a una collaborazione con due musicisti turchi. La strategia e l'impegno di Arthere negli ultimi due anni sono cambiati, l'obiettivo è quello di essere un'agenzia per artisti piuttosto che una galleria.

Gran parte del lavoro di Depo dipende da filantropi e finanziamenti europei, ma quest'ultimo è ora a rischio, soprattutto dopo il ritiro della Turchia da Creative Europe nell'ottobre del 2016. “Abbiamo bisogno di raccogliere fondi per le mostre e non dobbiamo ottenere alcun finanziamento turco quando si tratta di artisti siriani”, ha detto il coordinatore del programma di Depo, Asena Günal.

Gezi nel 2013 [it] è stato un punto di svolta, la società è diventata altamente polarizzata. Nel cinema e nel teatro il cambiamento è stato drastico – per noi meno. Essere finanziariamente indipendenti dallo stato ci rende flessibili e in termini di contenuti veniamo colpiti da censura. […] Riceviamo sempre meno domande dall'estero per collaborazioni. Molti artisti locali sono molto depressi, non vogliono rimanere qui.”

Quando gli è stato chiesto del contributo degli artisti siriani, Günal risponde che secondo lui l'attenzione rimane sempre verso l'occidente, gli artisti siriani avevano la possibilità di esplorare nuove prospettive e di conoscere la produzione artistica della Siria.

Secondo Yücel, docente alla Bilgi University, la presenza di artisti siriani si è manifestata negli ultimi due anni, in particolare. “C'è stata una presa di coscienza sulla presenza degli artisti immigrati nella scena dell'arte contemporanea di Istanbul, anche grazie ai mezzi di comunicazione. E formazioni collettive come Arthere hanno guadagnato visibilità. Non solo siriani, ma anche tutti gli artisti indipendenti dovrebbero essere sostenuti nell'ambiente artistico di Istanbul. “

Berakdar ritiene che Arthere abbia avuto un effetto positivo a livello locale e nel quartiere. “Siamo stati i primi ad iniziare con un atelier aperto al pubblico, lavorando insieme, lo abbiamo reso più internazionale e abbiamo ottenuto diverse collaborazioni con la comunità turca del posto e questo ha avuto un riscontro positivo sui nostri artisti. Affinché possano spezzare questo senso di alienazione e iniziare a sentirsi più a casa qui”.

Dopo secoli di storia comune e decenni di separazione, affrontando sfide, tra cui alcune condivise, gli artisti siriani si stanno diffondendo nella scena artistica turca e stanno creando importanti istituzioni e legami, sia per se stessi che per la comunità ospitante.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.