chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Il Bangladesh pone fine all'Accordo sulla sicurezza dell'industria tessile, ma i lavoratori non vogliono rischiare la vita

“L'Accordo che lavora in Bangladesh vuol dire ambiente di lavoro sicuro” – “Abbiamo bisogno dell’ Accordo in Bangladesh perchè non vogliamo morire.” Immagine dall’ account Instagram dell'attivista Kalpona Akter. Utilizzata con permesso.

Nell'Aprile 2013, una fabbrica d'abbigliamento [en, come il link seguenti, salvo diversa indicazione] crollò nell'edificio Rana Plaza a Savar, Bangladesh, lasciando 1.134 persone morte [it]. La tragedia mise alla luce la mancanza di sicurezza dell'industria tessile del Bangladesh, il più grande datore di lavoro e la principale attività d'esportazione del paese, la cui clientela include grandi marchi di moda europei e statunitensi. Subito dopo, oltre 180 rivenditori internazionali, importatori, e sindacati locali e globali hanno firmato un patto di cinque anni per garantire industrie tessili più sicure in Bangladesh.

Dalla sua fondazione, l'Accord on Fire and Building Safety in Bangladesh (Accordo sulla sicurezza antincendio e degli edifici) e conosciuto come “the Accord”, l'Accordo, ha effettuato ispezioni a 1.620 industrie tessili, ha assicurato la divulgazione pubblica dei resoconti e dei piani d'azione correttivi e ha provveduto alla formazione sulla sicurezza per i lavoratori.

Adesso, il Bangladesh sta cercando di spingere il gruppo fuori dal paese e consegnare le attività di monitoraggio ad un ente normativo statale, la Remediation Co-Ordination Cell (RCC, Cella di Co-ordinamento della Riparazione), fondata nel 2017.

Il ministro del commercio Tofail Ahmed ha dichiarato alla stampa nel giugno 2018: “Adesso il Bangladesh è in grado di occuparsi della sicurezza e della facilità del lavoro dei suoi macchiari RMG [capi confezionati].” Ha aggiunto: “Nessun incidente si è ancora verificato dopo l'inaspettato incidente di Rana Plaza. Da questo momento in poi Remediation Co-Ordination Cell (RCC) si prenderà cura di questi temi regolarmente.”

La RCC fu fondata attraverso la collaborazione degli enti governativi e delle associazioni dei proprietari delle industrie. Non ha rappresentanti di nessun sindacato dei lavoratori tessili. Molti sindacati credono che RCC non abbia la capacità  di intraprendere ispezioni e miglioramenti dell'intera industria tessile del Bangladesh, che, secondo uno studio, potrebbe ammontare a 8.000 fabbriche considerando le piccole imprese e i subappaltatori.

Nel corso degli anni, molti proprietari di fabbriche si sono lamentati del fatto che l'Accordo abbia richiesto dei miglioramenti per la sicurezza troppo costosi. Quando non sono conformi, rischiano di perdere clienti europei e statunitensi importanti.

Sebbene l'Accordo sarebbe dovuto scadere a maggio 2018, i suoi firmatari si accordarono nel 2017 per estenderlo fino al 2021, dato che solo 174 su 1.620 fabbriche già monitorate hanno fino ad ora portato a termine tutte le riparazioni per la sicurezza raccomandate.

Tuttavia, ad aprile 2018, L'Alta Corte del Bangladesh ha ordinato al governo di non rinnovare la giurisdizione dell’ Accordo oltre il 31 maggio scorso, dopo che una fabbrica tessile locale aveva presentato una petizione contro il gruppo.

Il gruppo ha fatto appello, e la Corte Suprema del Bangladesh ha deciso di estendere il suo mandato per sei mesi sotto un “accordo transitorio”. La Corte Suprema dovrebbe prendere la decisione finale durante un'audizione programmata per il 21 gennaio 2019.

L'Accordo è una delle tre iniziative simili organizzate in Bangladesh dopo Rana Plaza. La più piccola Alliance for Bangladesh Worker Safety, (Alleanza per la sicurezza dei lavoratori del Bangladesh) che impegna 28 rivenditori mondiali, ha terminato i suoi cinque anni di mandato il 31 dicembre 2018 (non hanno provato ad estenderlo).

L'Alleanza ha fornito formazione base per la sicurezza antincendio a più di un milione di lavoratori in 655 fabbriche d'abbigliamento. Quattrocento fabbriche hanno completato le riparazioni per la sicurezza raccomandate.

Una terza azienda, la State National Initiative, (Iniziativa Nazionale statale) monitora 745 fabbriche. Verranno tutte cedute alla RCC a partire dal 2019.

In una intervista via email, Global Voices ha discusso della questione con l'attivista sindacale Kalpona Akter, che è la fondatrice e il direttore esecutivo del Bangladesh Centre for Worker Solidarity, (Centro per la solidarietà dei lavoratori del Bangladesh) un gruppo per i diritti del lavoro.

Akter cominciò a lavorare in una fabbrica d'abbigliamento quando aveva solo 12 anni. A 15, è diventata presidente del suo sindacato. È stata arrestata, ha affrontato minacce e ricevuto premi internazionali come risultato del suo attivismo sindacale.

Kalpona Akter (@kalponaakter). Utilizzata con permesso.

Global Voices: Quali sono i principali ostacoli che corrono i lavoratori nel settore dell'abbigliamento?

Kalpona Akter (KA): The main problem has been structural. When the industry was growing rapidly, the country wasn't ready with all the infrastructures. So many of these factories had been established in former residential buildings, which later were expanded illegally without an approved structural plan (to support heavy machinery etc.). The electric wiring system in these factories was poor and lack of emergency exits or firefighting system were common.

Kalpona Akter (KA): Il problema principale è quello strutturale. Quando l'industria stava crescendo velocemente, il paese non era pronto a livello di infrastrutture. Quindi, molte di queste fabbriche sono state costruite in ex edifici residenziali, che in seguito sono state ampliate illegalmente senza un piano strutturale approvato (per sostenere i pesanti macchinari ecc.). Il sistema di cablaggio elettrico in queste fabbriche era scarso e la mancanza di uscite d'emergenza o di un sistema antincendio sono problemi comuni.

GV: Quali sono le principali conquiste dell’ Accordo quando si tratta di migliorare la sicurezza sul posto di lavoro nell'industria tessile in Bangladesh?

(KA): They found thousands of life-threatening hazards during their inspection in over 1600 factories which resulted in fixing over 90% of those hazards in subsequent times.

They included workers participation in the inspections in order to get first-hand information on safety – to know how workers are feeling about the working environment in the factory. They followed up with the workers sharing their follow-up reports and corrective action plan; giving a belief to the workers that their lives matter in the supply chain.

At the top of that the overall transparency that the Accord created was huge; sitting anywhere in the globe anyone could see the factory inspection report, the suggested corrective action plan of all those factories in the Accord website, that was phenomenal. Before 2013, hundreds of garments workers gave their lives succumbing to factory fires or many other work-related injuries. After Accord started work in Bangladesh the death tally is zero!

This is the main issue we are trying to address in the past years that, if there is an industry there will be industrial disasters but there is no point for the workers to die for lack of safety. The work of Accord showed us that, there can be a disaster or a freak accident but workers lives will be still safe if measures are in place!

(KA): Hanno trovato migliaia di pericoli potenzialmente letali durante la loro ispezione in oltre 1600 fabbriche, che risultano nella riparazione di oltre il 90% di questi pericoli nei periodi successivi.

Hanno incluso la partecipazione dei lavoratori alle ispezioni per ottenere informazioni dirette sulla sicurezza – per sapere come i lavoratori si sentono all'interno dell'ambiente lavorativo in fabbrica. Hanno seguito i lavoratori condividendo i loro resoconti successivi ed il piano d'azione correttivo, facendo credere ai lavoratori che le loro vite contano nel processo di produzione.

Inoltre, la trasparenza generale che l'Accordo ha creato è stata enorme; da qualsiasi parte del mondo si potevano vedere sul sito web dell'Accordo, il rapporto dell'ispezione in fabbrica, il piano d'azione correttivo suggerito di tutte quelle fabbriche, questo è stato fenomenale. Prima del 2013, centinaia di lavoratori del settore tessili sono morti soccombendo agli incendi in fabbrica o a molti altri infortuni sul lavoro. Dopo che l'Accordo ha iniziato a lavorare in Bangladesh, il conteggio delle vittime è stato zero!

Questo è il principale problema che abbiamo cercato di affrontare negli anni passati, che se c'è un'industria ci saranno disastri industriali, ma non c'è un motivo per cui i lavoratori debbano morire per mancanza di sicurezza. Il lavoro dell’ Accordo ci ha mostrato che può esserci un disastro o un incidente strano, ma le vite dei lavoratori saranno al sicuro se le misure saranno in atto!

GV: Perchè l'industria ha bisogno di un mandato più lungo per l'Accordo?

(KA): The government is NOT yet ready with resources and expertise to sustain the change that Accord has made. The government and the manufacturers are saying that RCC (Remediation Co-Ordination Cell) is ready to take over all the work that Accord is doing but this is not true. The RCC is not ready yet to take all the job & responsibilities that Accord in doing in order to make these factories safer. Accord really needs to complete its current extension (up to 2021) and if still needed it should go beyond as well.

(KA): Il governo NON ha ancora le risorse e l'esperienza per sostenere il cambiamento che l'Accordo ha creato. Il governo e i costruttori stanno dicendo che RCC (Remediation Co-Ordination Cell) è pronto per prendere in mano tutto il lavoro che l'Accordo sta facendo, ma non è vero. L'RCC non è ancora pronto per prendere il lavoro e le responsabilità che l'Accordo esercita per rendere queste fabbriche sicure. L'Accordo ha davvero bisogno di portare a termine la sua estensione attuale (fino al 2021) e se ancora necessario dovrebbe andare oltre.

GV: Chi è contro la presenza dell’ Accordo in Bangladesh?

(KA): The government and the Manufacturer Associations are against to the Accord since the beginning of its work. One of the reasons can be that they have not been included in the mainstream of the Accord's decision-making process regarding factory inspections, so they are not in the steering board. There are also rumors that the Accord has been imposed on the manufacturers by powerful foreign nations or that the Accord is a colonialism program.

(KA): Il governo e le Associazioni di produttori sono contro l'Accordo dall'inizio del suo lavoro. Una delle ragioni potrebbe essere che non sono state incluse nel processo decisionale dell’ Accordo riguardo le ispezioni delle fabbriche, quindi non fanno parte del comitato direttivo. Si vocifera anche che l'Accordo sia stato imposto ai produttori da nazioni straniere potenti o che sia un programma coloniale.

GV: Cosa succederà alle centinaia di migliaia di lavoratori tessili e all'industria, se l'Accordo dovesse lascia il Bangladesh?

(KA): Then the factories will reverse back to the Rana Plaza situation. The problems in the RMG industry in Bangladesh are not new. If the government and the manufacturers would really care about the workers first before their profit then they would not have experienced all those horrified fire accidents and building collapses. If workers lives would really matter, then we wouldn't witness all these workers die in the last three decades. The bottom line is, the Accord leaving the country prematurely would mean an unsafe industry once again.

(KA): Le fabbriche torneranno alla situazione di Rana Plaza. I problemi nell'industria RMG in Bangladesh non sono nuovi. Se il governo e i produttori si interessassero davvero dei lavoratori prima e dopo del loro profitto, allora non si verificherebbero quegli orribili incendi e crolli di edifici. Se le vite dei lavoratori importassero davvero, allora, non saremo testimoni di tutte queste morti di lavoratori nelle ultime tre decadi. In breve, se l'Accordo lascia il paese in maniera prematura, si tornerà nuovamente ad un'industria non sicura.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.