chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

L'unico museo dedicato agli strumenti musicali popolari del Nepal sta lottando per salvare alcuni strumenti rari

Il Museo degli strumenti musicali popolari nepalese, presso la sede del Tempio Tripureshwor Mahadev a Kathmandu. Immagine di Sanjib Chaudhary. Usata con autorizzazione.

Mentre la rotatoria di Tripureshwor [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] in Nepal è immersa nel traffico durante il giorno, ad appena pochi minuti a piedi dalla movimentata strada si trova il silenzioso e tranquillo Tempio Tripureshwor Mahadev, uno dei maggiori templi nella Valle di Kathmandu. All'interno della sede del tempio c'è un museo poco conosciuto, che ospita rari strumenti musicali popolari nepalesi, collezionati in tutto il Nepal. Nonostante il valore culturale della collezione del museo, è attualmente invischiato in una battaglia legale per mantenere le sue porte aperte al pubblico. Qualora perda la causa, dovrà spostare il museo in un altro luogo.

Ram Prasad Kadel, fondatore e curatore del Museo degli strumenti musicali popolari nepalese. Immagine di Sanjib Chaudhary. Usata con autorizzazione.

Ram Prasad Kadel, il fondatore e curatore del museo, ha continuato a collezionare gli strumenti musicali dal 1995 insieme a sua moglie Nanda Sharma. La sua passione lo ha portato in tutti i 77 distretti del Nepal, dove ha collazionato 650 dei 1350 diversi tipi di strumenti musicali popolari. Acquista i vecchi strumenti che non sono più in uso, oppure commissiona alla popolazione locale di produrne di nuovi. “Non acquistiamo mai gli strumenti che vengono usati nei villaggi,” ha detto parlando con Global Voices. “Se portiamo via gli strumenti in uso, che cosa suoneranno e come continuerà la tradizione?” [ca]:

In questo libro di Ram Prasad Kadel troviamo più di 360 strumenti musicali del #Nepal, che ne spiegano l'origine, come sono costruiti e come puoi suonarli.

“I nostri strumenti musicali popolari sono molto semplici,” aggiunge. “Sono costruiti con qualsiasi cosa si trovi nei dintorni. E la musica è ispirata dal suono delle cascate, il soffio del vento, il muggito di bovini e il cinguettio degli uccelli, oltre ad altri suoni.” E anche la natura influenza la forma degli strumenti. Ad esempio, alcuni degli strumenti somigliano al locale harro (terminalia chebula nera), ai semi di Rudraksha [it] (grani di preghiera), ai chicchi d'orzo e persino a una coda di vacca. Hiti Manga, uno strumento musicale creato dopo aver trovato acqua zampillante a Kathmandu, produce una musica che ricorda l'acqua quando viene versata in un vaso da un tubo.

Comunque, non tutto va bene nel museo. Gli strumenti musicali esposti sono in cattivo stato. E lo stesso museo riceve solo una manciata di visitatori, in prevalenza ricercatori o etnomusicologi. In aggiunta alle sue angosce, a Kadel è stato chiesto di sgomberare la sede presso Guthi Sansthan, una istituzione indipendente a cui è affidato l'incarico di occuparsi del patrimonio religioso, culturale e sociale della nazione. Secondo le notizie, il Sansthan ha concordato di affittare la sua proprietà all'Università di Kathmandu e quest'ultima prevede di ospitarvi il suo dipartimento musicale. Kadel ha presentato una petizione contraria presso la Corte distrettuale di Kathmandu.

Mentre la battaglia legale continua, il team di Kadel è stato impegnato documentando e digitalizzando la musica popolare nepalese. “Prevediamo di trasferire il museo, registrato come una organizzazione non governativa (ONG), o al Governo del Nepal o all’Università Tribhuvan,” ha detto. Serve tuttavia tempo per completare la procedura, e sarà una grande sfida finanziaria trasferire il museo, salvaguardando gli strumenti.

Ecco una panoramica di alcuni dei rari strumenti musicali popolari esposti nel museo:

Murchunga. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Binaayo. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Ek-tare. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Jor murali. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Pungi. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Dharma dandi. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Madal. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Nekku. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Ranasinhaa. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Hiti manga. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

Tri-taal. Immagine di Saccha Karki. Usata con l'autorizzazione del museo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.