chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Perché il Pakistan sta cercando di mediare nei colloqui di pace tra Iran e Arabia Saudita?

Pakistan Prime Mnister Imran Khan and the President of Iran Hassan Rouhani. Collage

Il Primo Ministro pachistano Imran Khan e il Presidente dell'Iran Hassan Rouhani. Collage via Flickr e Wikipedia. CC: BY-SA.

Il Primo Ministro pakistano Imran Khan [it] ha incontrato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] il re Salman dell'Arabia Saudita e il principe ereditario Mohammad Bin Salman [it] nell'ottobre 2019 dopo un viaggio di due giorni in Iran per discutere delle tensioni regionali. Nonostante molte questioni interne irrisolte, il ruolo del Pakistan nell'intermediazione di un colloquio di pace tra Iran e Arabia Saudita è ampiamente criticato in patria e all'estero.

Le tensioni tra Arabia Saudita e Iran – entrambi acerrimi nemici regionali – si sono intensificate di recente dopo che gli impianti petroliferi sauditi sono stati attaccati il mese scorso, incidendo drammaticamente sulla produzione petrolifera del regno e facendo aumentare i prezzi del petrolio a livello globale. I ribelli Huthi [it] dello Yemen, che sono stati in guerra con una varietà di gruppi yemeniti sostenuti da un'alleanza militare guidata dall'Arabia Saudita dal 2015 e presumibilmente sostenuti [it] dall'Iran e dalla Corea del Nord, hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco.

L'Iran ha negato il coinvolgimento e ha dato avvertimento di “guerra totale” in caso di attacco al suo territorio. Il Pakistan, che ha generalmente mantenuto stretti legami con l'Arabia Saudita (e si è allontanato dall'Iran nel corso degli anni) sta ora cercando di allentare le tensioni tra i rivali, nonostante sia rimasto ufficialmente neutrale in questa rivalità regionale.

“Il Pakistan attribuisce grande importanza ai legami bilaterali con l'Iran”, ha detto Khan secondo una dichiarazione della stampa. “Il Pakistan è disposto a svolgere il proprio ruolo per rafforzare la pace e la stabilità nella regione”.

Imran Khan ha spesso affermato che vuole che il Pakistan diventi un attore rilevante e responsabile sulla scena regionale e globale e in precedenza gli è stato anche chiesto di fungere da mediatore tra Stati Uniti e Afghanistan, nonché USA-Iran.

Global Voices ha parlato con Robert M. Hathaway, direttore di Asia Program collaboratore globale del Woodrow Wilson Center su questo tema. Hathaway ha dichiarato:

Facing multiple crises at home, PM Khan – like many previous leaders from all over the world – would love to achieve a triumph on the international scene. Failing that, he would love to be seen as a power broker and a substantial global figure, even if his current mediation efforts fail to bear fruit.

Di fronte a molteplici crisi in patria, il Primo Ministro Khan – come molti precedenti leader di tutto il mondo – vorrebbe ottenere un trionfo sulla scena internazionale. In caso contrario, gli piacerebbe essere visto come un mediatore di potere e una figura globale sostanziale, anche se i suoi attuali sforzi di mediazione non riescono a dare frutti.

Hathaway, aggiunge che è difficile immaginare come Khan possa mediare un accordo in grado di soddisfare le esigenze politiche, di sicurezza e interne sia dell'Iran che dell'Arabia Saudita.

Just In: Incontro tra il Primo Ministro Imran Khan e il Custode delle Due Sacre Moschee Sua Maestà il re Salman bin Abdulaziz Al-Saud – Il Primo Ministro pakistano cerca di mediare e facilitare i colloqui diretti tra Iran e Arabia Saudita dopo aver visitato l'Iran – Pak al Center Stage!

Hathaway aggiunge:

Khan must take care not to alienate the Saudis, given his dependence on Saudi favour. This will limit his ability to act as a genuine ‘honest broker’. Iran will not trust him and Saudi will resent any attempt by Khan to act as a neutral.

Khan deve fare attenzione a non alienare i sauditi, data la sua dipendenza dal favore saudita. Ciò limiterà la sua capacità di agire come un autentico “broker onesto”. L'Iran non si fiderà di lui e l'Arabia Saudita si risentirà di qualsiasi tentativo di Khan di agire come neutrale.

I legami tra Iran e Pakistan sono stati radicati nella reciproca sfiducia negli ultimi anni per una serie di ragioni. Entrambi i Paesi si sono accusati a vicenda di supportare movimenti separatisti contro il paese nella provincia del Baluchistan, che è delimitato tra i confini di stato dei due Paesi.

E con Raheel Sharif, ex capo dell'esercito pakistano, ora a capo dell'alleanza militare a guida saudita contro gli sciiti huthi nello Yemen, l'Iran è diventato più diffidente nei confronti del Pakistan e ciò ha reso più difficile il compito di Khan.

E mentre il Pakistan non può distanziarsi dall'Arabia Saudita né annullare decenni di cooperazione militare tra i due stati a maggioranza sunnita, Hathaway aggiunge che Khan può anche “non permettersi di sporgersi troppo nella direzione dell'Arabia Saudita” in questo conflitto forse crescente. Lui dichiara:

Pakistan’s relations with Iran are already troubled. The last thing Khan (or Pakistan) needs is heightened tensions with Tehran.

Le relazioni del Pakistan con l'Iran sono già difficili. L'ultima cosa di cui Khan (o il Pakistan) ha bisogno è aumentare le tensioni con Teheran.

Nonostante questi potenziali impatti di crescenti tensioni tra Iran e Arabia Saudita, molti analisti pakistani, così come i membri della società civile, non supportano il coinvolgimento di Khan nelle tensioni tra Iran e Arabia Saudita.

Catena ininterrotta di illusione, dallo sforzo del movimento Khilafat del 1926 di affrontare “The Hijaz Issue” allo “sforzo di mediazione” di Imran Khan tra Arabia Saudita e Iran. Perché i subcontinenti pan-islamisti musulmani / pakistani non possono concentrarsi sui problemi a casa prima di salvare l'ummah?

Global Voices ha parlato anche con K Akhtar, un esperto di politica estera con sede a Islamabad:

Both Saudi Arabia and Iran will be looking out for the best interests and Pakistan should do the same. And that means not getting actively involved in the conflict and maintaining good relationships with both countries.

Sia l'Arabia Saudita che l'Iran cercheranno i migliori interessi e il Pakistan dovrebbe fare altrettanto. Ciò significa non essere attivamente coinvolti nel conflitto e mantenere buone relazioni con entrambi i Paesi.

Iran, tuttavia, nonostante sia preoccupato della cooperazione tra Pakistan e Arabia Saudita, ha accolto il gesto pakistano. Akhtar afferma che l'Iran vorrà mantenere relazioni “per lo meno neutrali” con i paesi vicini, nonostante le sue preoccupazioni.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani [it] ha anche visitato il Pakistan a marzo nel tentativo di convincere il governo di rimanere neutrale nel conflitto.

Il presidente Rouhani durante un incontro con il presidente pakistano Aref Alavi a margine del vertice NAM a Baku: #Iran e Pakistan hanno una buona capacità di espandere la cooperazione. L'Iran espande la cooperazione con i paesi regionali e ha fatto del #Pakistan una priorità assoluta nelle sue politiche.

In una conferenza stampa congiunta dopo i colloqui tra i due Paesi nell'ottobre 2019, Rouhani ha dichiarato che il gesto di pace è stato accolto con favore.

Il leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Seyed Ali Khamenei [it], ha espresso su Twitter:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.