chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Attivisti sindacali della Bielorussia subiscono pressioni mentre la crisi politica si trascina

Il 26 agosto, 20 lavoratori dello stabilimento chimico di Grodno Azot sono stati arrestati dopo aver camminato per la città – il giorno seguente, la bandiera bielorussa bianco-rosso-bianco utilizzata dai manifestanti è stata issata al di sopra dell'azienda. Immagine dal canale NEXTA Telegram.

Quando Dmitry Kudelevich riuscì ad eludere i servizi di sicurezza della Bielorussia, scappò attraverso la finestra del bagno di un ufficio della KGB a Salihorsk. “Mi hanno trascinato fuori dalla mia auto, mi hanno ammanettato, mi hanno messo in un furgoncino e mi hanno portato all'ufficio della KGB,” afferma in un video che circola su Telegram. Kudelevich, membro del comitato di sciopero presso la fabbrica di potassio di Belaruskali, aggiunge poi con sarcasmo: “Ho sempre invitato la gente a combattere, e oggi si può dire che ho avuto un'occasione unica per mettere alla prova la mia forza.”  

Nell'ultima settimana, gli attivisti del lavoro collegati ai comitati di sciopero delle aziende bielorusse hanno dovuto affrontare pressioni — arresti, minacce informali e multe — da parte delle forze dell'ordine, mentre le proteste di massa continuano all'interno del Paese. Questo è la conseguenza delle altamente contestate elezioni presidenziali del 9 agosto, che sono considerate estremamente fraudolente. Migliaia di cittadini infuriati sono scesi in piazza per protestare nei giorni successivi; la polizia bielorussa ha risposto con arresti di massa seguiti da atti di violenza scioccanti [en]trattamenti crudeli nei confronti dei detenuti [en]. 

I dipendenti delle industrie statali si sono uniti ai movimenti di protesta, organizzando eventi pubblici, dimissioni, minacce di azioni sindacali e scioperi. Il ricercatore Volodymyr Artiukh sottolinea che ci sono state segnalazioni di attività di protesta presso “almeno 70 aziende industriali, commerciali e di servizi come anche nei settori dell'istruzione, della sanità e dei media” a partire dalle elezioni. Afferma che “quasi tutte queste sono aziende statali e/o organizzazioni sono finanziate con fondi pubblici”.

Le proteste sembrano aver preoccupato il regime di Lukashenka, dal momento che le imprese bielorusse impiegano una maggioranza di dieci milioni di persone in questo Paese. Nelle scorse due settimane, sono emersi disordini sindacali in alcune delle maggiori industrie del Paese, inclusa la fabbrica di trattori di Minsk, l'impianto di potassa di Belaruskali e l'impianto chimico di Grodno Azot, che danno lavoro a migliaia di persone. I comitati di sciopero hanno fatto circolare richieste per elezioni eque, per il rilascio di prigionieri politici, e per indagini sulla violenza della polizia.

“Lo Stato ha sempre considerato i lavoratori come un sostegno,” commenta Artyom Shraibman, un analista politico e un collaboratore regolare di Tut.By, un importante sito web per le notizie bielorusse. “E le autorità, in primis Lukashenka, sono rimaste deluse, per usare un eufemismo, quando molte fabbriche statali si sono allontanate da loro”.

Infatti, il presidente Lukashenka ha assunto una posizione aggressiva. Quando i dipendenti della fabbrica di trattori di Minsk hanno deriso il presidente durante una visita il 16 agosto, Lukashenka ha risposto [en] che loro avrebbero dovuto “ucciderlo” prima che lui rifacesse le elezioni. Una settimana dopo, il presidente ha invitato [ru, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] i dirigenti a non “rincorrere” i dipendenti ribelli che lavorano in aziende come la Belaruskali, dal momento che c'erano abbastanza persone per sostituirli. Ha continuato poi dicendo che i minatori in sciopero a Salihorsk potrebbero essere facilmente sostituite da ucraini (Mykhailo Volinets, presidente del sindacato indipendente dei minatori ucraini, ha replicato in un video dicendo che i minatori ucraini non avrebbero accettato di scioperare). 

Le autorità hanno inoltre esortato i dipendenti a continuare a lavorare. Lo stesso Lukashenka ha avvisato che se i dipendenti della fabbrica di trattori di Minsk smettono di lavorare, le aziende straniere si impadronirebbero della quota di mercato della Bielorussia; sul sito web del Ministero dell'Industria sono apparsi anche annunci pubblicitari che affermano che alcune imprese statali “sono alla ricerca adesso di nuovo personale di produzione.”

“Le più grandi e più importanti industrie sono nella morsa degli scioperi e delle proteste,” continua Shraibman. “Ma, naturalmente, c'è stata una politica che ha spaventato i lavoratori con l'idea che a loro non sarebbe stato permesso di tornare a lavoro – alcuni sono già stati licenziati per dimostrare che la minaccia è reale. E così, sono riusciti a fermare l'ondata di scioperi momentaneamente. Se gli scioperi fossero continuati e si fossero estesi, questo scenario sarebbe stato una seria minaccia per le autorità – si sarebbe trattato di una minaccia alla gestione dell'economia, e del Paese stesso.”

Recentemente, le autorità bielorusse hanno risposto ad alcune delle loro minacce con l'arresto di importanti attivisti del lavoro. A Minsk, Anatoly Lavrinovich, un membro del comitato di scioperi della fabbrica di trattori di Minsk, che produce veicoli militari, è stato arrestato dopo che aveva tentato di raccogliere firme per sostenere uno sciopero. E Sergey Dylevsky [en], membro del comitato di sciopero della fabbrica di trattori di Minsk e del consiglio di coordinamento dell'opposizione, è stato arrestato dalla polizia lo stesso giorno. Di seguito è stato condannato a 10 giorni di arresto amministrativo per aver tentato di organizzare un raduno non autorizzato. 

Dopo aver invitato i lavoratori a iniziare una trattativa presso la Belaruskali questo Lunedì, Anatoly Bokun, co-presidente del comitato di sciopero dell'azienda a circa 100 km a Sud di Minsk, è stato arrestato. Nel giorni precedenti, diversi membri del comitato di sciopero erano stati contattati dalle forze dell'ordine locali per certe “conversazioni”, stando a quanto riferito dal comitato di sciopero. Bokun è stato alla fine rilasciato lo stesso giorno dopo essere stato condannato per aver partecipato a un evento di massa non autorizzato. Un progetto per la raccolta fondi è riuscito ad ottenere soldi per pagare la sua cauzione di 260 dollari. A seguito della detenzione di Bokun, il canale Telegram usato dal comitato di sciopero di Belaruskali ha avvisato i suoi seguaci che anche loro potrebbero essere a rischio di arresto per le loro attività:

Дорогие друзья и коллеги! Сегодня был задержан сопредседатель стачечного комитета Бокун Анатолий. На данный момент он находится в застенках РОВД. По имеющейся у нас информации, на всех членов стачкома ОАО “Беларуськалий” будут составлены протоколы и заведены дела за организацию и участие в “несанкционированных массовых мероприятиях”. Также, из достоверных источников, есть информация, что в ближайшее время членов стачкома начнут задерживать и доставлять в РОВД для дальнейших разбирательств. Исходя из текущей ситуации и информации, которой мы владеем, мы обязаны вас предупредить о возможных задержаниях тех, кто в стачке. Будьте осторожны!

Cari amici e colleghi! Oggi Anatoly Bokun, il vicepresidente del comitato di sciopero, è stato arrestato. Al momento, si trova nelle cantine del Dipartimento degli Affari Interni del Distretto. Secondo le informazioni in nostro possesso, verranno redatti rapporti e verranno avviate cause contro tutti i membri del comitato di sciopero del Belarusalkali per aver organizzato e partecipato a “eventi di massa non autorizzati”. Inoltre, fonti attendibili dicono che prossimamente, i membri del comitato di sciopero saranno arrestati e portati presso il Dipartimento degli Affari Interni per ulteriori processi. Sulla base della situazione attuale e delle informazioni di cui disponiamo, siamo obbligati ad avvertire coloro che sono in sciopero che c'è la possibilità che possano essere arrestati. Fate attenzione!

“Se le autorità e la direzione dell'impianto non avessero paura, e tutto fosse davvero come loro sostengono – che stiamo lavorando normalmente presso l'azienda— allora perché avrebbero bisogno di farlo? Con le loro azioni, le autorità sottolineano ancora una volta che quello che stanno facendo è giusto,” ha affermato Gleb Sandros, addetto stampa del comitato di sciopero di Belarusakali, quando gli è stato chiesto un parere a proposito della campagna.

A volte, la pressione sui comitati di sciopero sembra intensificarsi. Yulia Slivko, stuccatrice presso un'importante impresa di costruzioni pubbliche della città di Grodno, ha dichiarato al giornale Salidarnasts che ha ricevuto minacce anonime dopo essere stata eletta presidente del comitato di sciopero della sua azienda. “Mi hanno chiamata da un numero sconosciuto e hanno detto: ‘Se non tieni la bocca chiusa, ricordati: tuo figlio è fuori ed è per strada. Può capitargli di tutto.” 

Successivamente Slivko è stata invitata per un “colloquio” alla stazione di polizia locale, e inoltre ha ricevuto una chiamata da qualcuno che sosteneva essere un assistente sociale — che l'ha minacciata di inserire suo figlio in un registro per personale socialmente vulnerabili.

La campagna contro gli attivisti del lavoro ha anche dato origine ai segni della violenza che ormai è un marchio di fabbrica delle forze dell'ordine bielorusse. Quando il veterano attivista Nikolay Zimin, ex capo dell'Unione Indipendente bielorussa (BNP), è stato arrestato e condannato a 25 giorni per “aver partecipato in una protesta non autorizzata” immediatamente dopo le elezioni, è stato brutalmente picchiato durante la sua detenzione, come ha riportato l'Unione. Zimin, che è stato rilasciato, non aveva il permesso di usufruire di cure mediche mentre era in carcere. Il 25 agosto, Zimin è stato condannato a Salihorsk per aver partecipato a una protesta non autorizzata, e ha presentato una multa amministrativa di 460 dollari.

I sindacati indipendenti hanno affrontato molestie per diversi anni in Bielorussia. Ma a prescindere da chi le organizza, pare che le autorità non siano disposte a tollerare che le controversie a sfondo politico emergano nei posti di lavoro. Come ha sostenuto il Primo Ministro bielorusso Roman Golovchenkoin in una intervista del 20 agosto, la costituzione bielorussa garantisce il diritto di sciopero solo per “le controversie sociali e del lavoro.”  

Il ricercatore Volodymyr Artiukh aggiunge che “gli scioperi avviati legalmente dai sindacati non possono avanzare ‘richieste politiche’, come afferma la legge bielorussa sui sindacati senza ulteriori chiarimenti”. Detto questo, Artiukh crede che “anche uno sciopero convenzionale per lamentele sul lavoro ritenute ‘legittime’ dalla legge bielorussa del campo lavorativo è già un'utopia.”

“Dopo un ondata di detenzioni fra gli attivisti del lavoro e le minacce dirette ai lavoratori, la strategia delle organizzazioni sindacali emergenti della Bielorussia si è spostata verso le cosiddette tattiche dello ‘sciopero bianco’ [it]”, afferma Artiukh. “Non è ancora chiaro quanto questa strategia avrà successo con l'ampio spettro di strumenti punitivi di cui dispone il management —  dal trattenere i bonus alle minacce di responsabilità finanziaria e criminale.”

“Data la lentezza con cui si stanno costruendo i comitati di sciopero e le organizzazioni sindacali da un lato, e la loro estrema vulnerabilità alle pressioni sia della direzione dell'impresa che delle autorità statali dall'altro,” continua Artiukh. “Non mi aspetterei un'interruzione del lavoro più significativa nelle imprese statali nel prossimo futuro.”

A Belaruskali, Gleb Sandros è realistico sulla possibilità del comitato di sciopero. “Se la crisi economica in Bielorussia, di cui ora possiamo giustamente parlare, si intensificherà, allora questo motiverà più persone — e con questo intendo lavoratori —  a svegliarsi, a dare uno sguardo sobrio alla situazione e alla loro coscienza”, lui sostiene.

Questo articolo è stato prodotto in collaborazione con oDR [en], la sezione di openDemocracy sulla Russia e lo spazio post-sovietico.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.