chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In Giamaica, dura reazione sulla cava calcarea nell'area ecologica di Puerto Bueno accende l'attivismo giovanile online

Un segnale di Stop situato al limite dell'area forestale di Puerto Bueno lungo la costa settentrionale della Giamaica. Foto di Wendy Lee, usata con permesso.

Una decisione del primo ministro giamaicano Andrew Holness a favore di una cava calcarea in un'area ecologicamente sensibile ha provocato una dura reazione [en, come i link seguenti] tra gli ambientalisti, le persone interessate al turismo e molti settori della società civile.

Ha anche accesso una vigorosa campagna nei social media da parte di un gruppo di giovani, appassionati attivisti: #Youth4PuertoBueno.

A maggio, l’Agenzia Nazionale per l'Ambiente e la Pianificazione (NEPA), la struttura regolatoria che si occupa dei permessi ambientali, ha negato il permesso al Bengal Development/Jamaica World LLC per quanto riguarda la rimozione del masso. Il suo predecessore — chiamato allora Diamond Property Development Company — era a quanto pare gestita dal figlio del defunto Vivian Blake, che avrebbe fatto scavare l'area nel 2010. Blake era il leader dell'infamante gang giamaicana “Shower Posse” .

Questa applicazione più recente per la rimozione della Montagna di Puerto Bueno, un'area forestale incontaminata nella costa settentrionale dell'isola, era stata rifiutata per ragioni specifiche. #Youth4PuertoBueno ha creato un video che approfondisce qui quelle ragioni:

È un altro giorno e stiamo ancora facendo rumore🗣🗣 #Youth4PuertoBueno

Vuoi partecipare? Ci sono un paio di modi in cui puoi aggiungerti alla petizione. 👇👇

Quando la società mineraria ha fatto ricorso, Leslie Campbell, il ministro del governo temporaneamente responsabile del portfolio ambientale, lo ha confermato — una decisione che il Primo Ministro Holness ha approvato a luglio. Dopo aver ricevuto la notizia dal NEPA che il suo rifiuto del permesso è stato annullato e che l'estrazione sarebbe andata avanti, i residenti locali hanno lanciato l'allarme.

Due petizioni per proteggere l'area sono in circolazione attiva: la prima nel sito del Primo Ministro, che richiede 150.000 firme entro il 27 Dicembre ed è aperta ai soli cittadini giamaicani, e un'altra iniziata dai residenti locali e dalla botanica Wendy Lee, che ha già raggiunto 10.000 firme.

Jhanell Tomlinson (sinistra) e Ayesha Constable all'evento Green Climate Fund a Kingston, nel Novembre 2019. Foto di Emma Lewis, usata con permesso.

Nonostante la forte opposizione di alcuni individui influenti e organizzazioni di società civile — incluso il Dr. Damien King, un professore di economia e direttore del gruppo di esperti locale CaPRI, e la lobby di anticorruzione National Integrity Action — non c'è alcuna indicazione che il primo ministro cambierà idea. Di fatto, ha vigorosamente difeso la sua posizione, citando ragioni economiche e “pragmatiche” e puntualizzando che c'erano delle stringenti condizioni annesse al permesso.

Ciò non ha calmato i  #Youth4PuertoBueno, che non hanno alcuna intenzione di mollare. Il nucleo del gruppo di quattro studenti diplomati, tutti attivi sostenitori per interventi per cambiamenti climatici — Ayesha Constable, Dainalyn Swaby, Eleanor Terrelonge e Jhanell Tomlinson — hanno attratto un gruppo più vasto di persone, maggiormente studenti, per seguire la causa. Young People for Action on Climate Change (YPACC), cofondata da Tomlinson, ha tweettato:

È in ballo il nostro futuro collettivo, non con questo “sottoscritto” ma con un precedente che minaccia di destituire il valore dell'evidenza scientifica e dell'apporto di tutte le parti coinvolte nella pianificazione dello sviluppo e nella credibilità delle agenzie di regolazione.

Ayesha Constable ha condiviso il tweet conoscendo l'idea di Diana McCaulay, fondatrice del Jamaica Environment Trust:

Non c'è niente come vedere un'idea che prende vita in una maniera più potente e d'impatto rispetto a come la immaginavi. #youth4PuertoBueno è un movimento è un modo per ricordare che l'unione fa la forza! @LynnSwaby @Jaybritz @LynnSwaby ti rendo onore. @dmccaulay contiamo su di te🙏🏿

Dainalyn Swaby (a sinistra) e Eleanor Terrelonge alla Conferenza Giovanile sui Cambiamenti Climatici a Portland, in Giamaica, nel Novembre 2019. Foto di Emma Lewis, usata con permesso.

Allo stesso modo, lo studente di comunicazione, podcaster e attivista ambientale Dainalyn Swaby ha scritto una poesia che ha letto a Patois. Il suo video è stato ampliamente condiviso dai giovani sostenitori della causa:

Siamo insieme, ancora, a proteggere il nostro ambiente da coloro che fingono di comprendere, ma capiscono solo per loro stessi! #DifendiamoPuertoBueno

#Youth4PuertoBueno era tra i firmatari di una Lettera Aperta al Primo Ministro, condotto dal Jamaica Climate Change Youth Council (JCCYC). Altri otto gruppi hanno anche firmato:

As young people, we are disappointed, not just with this decision, but what seems to be the Prime Minister’s negative attitude toward environmental stewardship. Even though, in his Heroes’ Day address, he called on us to be ‘environmental heroes,’ we are being consistently and publicly disrespected and ignored. The Prime Minister seems to have taken over the role of the technical experts in making decisions. This is far from the democratic model on which our government is expected to operate.

Come giovani, siamo delusi, non solo da questa decisione, ma per ciò che sembra essere il comportamento negativo del Primo Ministro verso l'amministrazione ambientale. Anche se, nel suo appello nel Giorno degli Eroi, ci ha definiti “gli eroi dell'ambiente” siamo continuamente e pubblicamente non rispettati e ignorati. Il Primo Ministro sembra aver preso il ruolo degli esperti nel prendere decisioni. Questo è lungi dall'essere un modello democratico sul quale ci si aspetta che il nostro governo operi.

La lettera si conclude:

To restore confidence in your leadership of the environment agenda and to restore the confidence of the youth of Jamaica that was promised a future, we ask you to consider the following:

Move NEPA to its rightful home as an agency within the Ministry of Housing, Urban Development, Environment & Climate Change (HURECC) as a display of commitment to prioritizing the environment in development.
Commit to review of the legislative framework governing the environment starting with the NRCA Act and EIA process.
Commit to no further mining within the Cockpit Country and revisit the CCPA boundaries previously declared.
Commit to complete transparency of any decision-making process involving our environmental assets.

We are the generation that will have to live with climate change and the negative impacts of today’s decisions. It is therefore important that our seats at the table be seats of value and our involvement in the decision-making processes of our country are given the deference it deserves.

Per ricostruire la fiducia nella tua leadership ambientale e per ricostruire la fiducia sui giovani giamaicani ai quali è stato promesso un futuro, ti chiediamo di considerare i seguenti punti:

Di spostare il NEPA nella sua giusta dimora come agenzia entro il Ministero dell'Edilizia Abitativa, dello Sviluppo Urbano, dell'Ambiente e dei Cambiamenti Climatici (HURECC) come dimostrazione di impegno nel dare priorità all'ambiente nello sviluppo. Di impegnarsi a correggere la struttura legislativa che governa l'ambiente a partire dal NRCA Act e dal processo EIA.

Di impegnarsi a non scavare più nel paese di Cockpit e a rivedere i confini del CCPA dichiarati precedentemente.

Di impegnarsi ad avere completa trasparenza in qualsiasi processo decisionale riguardante i nostri beni ambientali.

Siamo la generazione che dovrà vivere con i cambiamenti  climatici e le conseguenze negative delle decisioni di oggi. È perciò importante che i nostri posti a tavola siano posti di valore e che al nostro coinvolgimento nei processi decisionali del paese sia data l'importanza che merita.

I giovani giamaicani sono stati anche molto furbi nello sfruttare il potere dei social media per aumentare la consapevolezza. La Fondatrice e Direttrice del JCCYC, Eleanor Terrelonge, ha fatto un tweet riguardo la nuova serie su Instagram Live, che è comiunciata il 21 novembre:

Cos'ha di così tanto speciale Puerto Bueno??

La nuova IG live series comincia oggi con @dragoninfield con ospite @LynnSwaby!

Andiamo ai FATTI. Diremo l'INTERA storia. #Youth4PuertoBueno

Adrian Watson (a sinistra) al Caribbean Youth Environment Network e Eleanor Terrelonge, che ha parlato all'evento Green Climate Fund a Kingston, Novembre 2019. Foto di Emma Lewis, usata con permesso.

La serie interattiva riguarda delle conversazioni tra giovani scienziati e sottolinea vari aspetti della questione di Puerto Bueno issue, per educare la gioventù giamaicana sul suo significato.

La prima conversazione riguardava l'importanza della biodiversità dell'area. Gavin Campbell, un dottorando in ecologia all'Università delle Indie Occidentali che ha partecipato all'episodio, ha osservato, “Non c'è giustizia ambientale senza giustizia sociale.” Riferendosi alle persone colpite dall'estrazione pianificata l'interesse delle quali deve essere rispettato, ha detto, “Non ci focalizziamo sugli ecosistemi — ma su ciò che ci può dare soldi ora.”

La serie sottolinea l'importanza degli esperti locali.

Il movimento #Youth4PuertoBueno è un importante passo in avanti per la gioventù giamaicana, molti della quale hanno già parlato agli incontri e alle conferenze e amplificando le loro voci online.

Come Dainalyn Swaby ha detto su IG Live, “Questo è il punto di inizio di una nuova onda di coscienza ambientale in Giamaica.”

Qualunque sia il risultato della controversia su Puerto Bueno, i giovani sostenitori giamaicani hanno aggiunto una nuova ed energica dimensione al dibattito. Non solo sono ottimisti, ma sembrano anche esserci ad ampio raggio.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.