chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Funzionario di Pechino segnala modifiche al sistema elettorale di Hong Kong

Xia Baolong. Immagine dal sito ufficiale del governo cinese.

Questa storia è stata messa per iscritto da Kelly Ho ed è stata originariamente pubblicata [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] da Hong Kong Free Press. Viene ripubblicata qui una versione modificata in base a un accordo di partnership sui contenuti. 

Un funzionario di Pechino incaricato degli affari di Hong Kong ha segnalato che questa città subirà una serie di riforme elettorali sotto la guida delle autorità cinesi, con l'obiettivo di bloccare le forze di opposizione “anti cinesi” dagli organi di governo della città.

Il direttore dell'Ufficio per gli affari di Hong Kong e Macao (HKMAO) Xia Baolong ha delineato una sorta di codice di condotta per i “patrioti” di Hong Kong durante una conferenza tenuta a Pechino il 22 febbraio dall'Associazione cinese di studi di Hong Kong e Macao.

Xia ha detto che il potere di governare la regione semiautonoma deve “essere nelle mani dei patrioti”, in quanto rispecchia il “principio fondamentale” per realizzare il progetto di “un Paese, due sistemi.” Ha affermato che le persone in quasi tutti i paesi e regioni dimostrano un certo livello di patriottismo nel candidarsi per cariche pubbliche, ad eccezione di Hong Kong:

Only in Hong Kong would some people show off their rebellion against their motherland… or even use their opposition to the country, the rejection of the [Central Government] and the demonization of their own ethnic group as election slogans, and make an extremely ugly political performance when they swear into office.

Solo a Hong Kong alcune persone potrebbero ostentare di ribellarsi contro la loro madrepatria … o addirittura userebbero la loro opposizione al paese, il rigetto del [governo centrale] e la demonizzazione del proprio gruppo etnico come slogan elettorali, e potrebbero  far mostra di una pessima performance nell'atto di giuramento in carica.

Il capo della HKMAO ha descritto i patrioti come individui che sostengono sinceramente la sovranità cinese e rispettano l'ordine costituzionale della HKSAR, sostenendo che le persone che “diffamano” il paese e la città “implorando” sanzioni straniere non meriterebbero tale appellativo.

I trasgressori della legge sulla sicurezza nazionale agirebbero in maniera opposta alla condotta prevista da un patriota, ha asserito l'alto funzionario cinese a Hong Kong. L'ampia legislazione promulgata il 30 giugno dello scorso anno criminalizza la secessione, la sovversione, la collusione con forze straniere e atti terroristici.

Xia ha etichettato le fila dell'opposizione a Hong Kong come “anti-cinesi” e pro-indipendenza. Ha detto che le “forze separatiste radicali” sono entrate nel quadro di governance della RAS di Hong Kong attraverso diverse elezioni, occupando posizioni nel Consiglio legislativo, nel Comitato elettorale dell'amministratore delegato e nel Consiglio distrettuale fino a danneggiare il paese:

In our country that adopts socialist democracy, different political opinions are allowed. But there is a red line, that is [people] are definitely not allowed to harm the country’s fundamental system.

Nel nostro paese in cui vige la democrazia socialista sono consentite opinioni politiche diverse. Ma c'è una linea rossa, cioè [alle persone] non è assolutamente permesso danneggiare il sistema fondamentale del paese.

A novembre, il massimo organo legislativo di Pechino ha approvato una risoluzione che ha permesso al governo di Hong Kong di cacciare quattro legislatori “non patriottici” dall'allineamento pro-democrazia. Ciò ha provocato le dimissioni in massa dei democratici, lasciando il LegCo con legislatori per lo più a favore dell'establishment e senza un'opposizione effettiva.

Xia ha dichiarato che l'azione più importante e urgente per Hong Kong è stata quella di “perfezionare” il sistema elettorale della città, per garantire che i fedeli della Cina potessero “tenere saldamente” il potere del governo centrale.

Il direttore dell'HKMAO ha avvertito che le autorità locali non devono consentire a individui che sono a favore dell'indipendenza o sostenitori della “mutua distruzione” e della “violenza nera” – facendo riferimento ai manifestanti vestiti di nero del movimento contro il disegno di legge antiestradizione del 2019 – di entrare a far parte del il regime SAR. Egli ha detto:

The electoral system in Hong Kong should achieve these effects: fully respect the democratic rights of the public, practically safeguard national sovereignty and security… guarantee all kinds of elections are just, fair and open and effectively prevent the proxies of anti-China members who disrupt Hong Kong and international anti-China forces to enter SAR’s organs of power.

Il sistema elettorale di Hong Kong dovrebbe ottenere questi effetti: rispettare pienamente i diritti democratici dei cittadini, salvaguardare in modo deciso la sovranità e la sicurezza nazionali … garantire che tutti i tipi di elezioni siano giusti, equi e trasparenti e prevenire efficacemente le assegnazioni mandatarie a membri anti-cinesi che distruggono Hong Kong e permettono alle forze internazionali anti-cinesi di entrare negli organi di potere della SAR.

“Le riforme devono essere eseguite sotto la guida di Pechino”, ha ribadito Xia, aggiungendo che le autorità devono elaborare politiche al fine di garantire che le persone nei settori esecutivi, legislativi e giudiziari della città, nonché i responsabili di importanti organizzazioni statuarie, siano patrioti. 

E ha lanciato un avvertimento:

Important positions, under any circumstances, cannot be taken up by anti-China forces that disrupt Hong Kong.

Le posizioni importanti, in nessuna circostanza, possono essere prese in carico dalle forze anti cinesi che sconvolgono Hong Kong.

Il governo di Hong Kong ha segnalato piani di modifica della legislazione esistente sul giuramento per le persone in cariche pubbliche per la copertura del ruolo di consigliere distrettuale. I critici hanno additato la mossa come un tentativo di eliminare ulteriormente l'opposizione in città, proprio dopo che le fila pro-democrazia hanno ottenuto una schiacciante vittoria storica contro i candidati pro-establishment nelle elezioni del Consiglio distrettuale del 2019. 

Lo scorso dicembre, i media locali hanno riportato il programma di Pechino di reprimere i consigli distrettuali e riformare il comitato elettorale del capo dell'esecutivo. Attualmente, i consiglieri distrettuali votano tra di loro per coprire 117 seggi sui 1200 seggi totali nel comitato elettorale e la prossima elezione del capo dell'esecutivo si terrà nel 2022.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.