chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Bielorussia esclusa dall'Eurovision 2021 per il testo controverso della canzone

Galasy_ZMesta

Galasy ZMesta, i concorrenti bielorussi dell'Eurovision 2021, sono stati esclusi dalla competizione. Screenshot da ATN su YouTube.

La Bielorussia è stata esclusa dalla partecipazione all'Eurovision Song Contest 2021, in programma a Rotterdam, nei Paesi Bassi, dal 18 al 22 maggio 2021, dopo che entrambe le canzoni presentate sono state trovate “in violazione delle regole del concorso”.

L'Unione Europea di Radiodiffusione, che è responsabile dell'organizzazione della competizione canora annuale, ha squalificato la prima canzone registrata dalla band bielorussa Galasy ZMesta e intitolata “Я научу тебя” [ru, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] (“Ti insegnerò”), all'inizio di marzo, chiedendo [en] all'emittente statale Belteleradiocompany (BTRC) di “prendere tutte le misure necessarie per modificare la loro voce all'evento di quest'anno per garantire che sia conforme alle regole del concorso”.

Secondo le regole dell'Eurovision, lo stato o l'emittente pubblica di ogni paese è responsabile della gestione del processo di selezione nazionale e del lavoro con gli artisti selezionati per controllare le loro canzoni. Alla fine di marzo, BTRC ha presentato una seconda canzone dello stesso gruppo, ma anche l'EBU l'ha trovata discutibile [en].

It was concluded that the new submission was also in breach of the rules of the competition that ensure the Contest is not instrumentalized or brought into disrepute.

As BTRC have failed to submit an eligible entry within the extended deadline, regrettably, Belarus will not be participating in the 65th Eurovision Song Contest in May.

Si è concluso che la nuova presentazione era anche in violazione delle regole del concorso che assicurano che il concorso non sia strumentalizzato o portato in discredito.

Dato che i BTRC non sono riusciti a presentare una voce ammissibile entro la scadenza estesa, purtroppo la Bielorussia non parteciperà al 65° Eurovision Song Contest di maggio.

Musica pop contro politica

Anche se la canzone iniziale presentata da GalasyZMesta non è esplicitamente politica, contiene velati riferimenti alla lotta per il potere attualmente in corso in Bielorussia. Per esempio, il ritornello, basato sul titolo della canzone, dice: “Я научу тебя плясать под дудочку / я научу тебя клевать на удочку” (“Ti insegnerò a ballare sulle note del mio mio violino / ti insegnerò a ingoiare l'esca”). I musicisti stessi sono aperti riguardo al loro sostegno per il presidente de facto caduto in disgrazia Aliaksandr Lukashenka: molte delle loro canzoni contengono commenti ironici volti a ridicolizzare l'opposizione bielorussa e i partecipanti alle recenti proteste antigovernative [it].

Gli utenti di Internet hanno avuto reazioni contrastanti alla notizia del divieto. Il video ufficiale di YouTube per la seconda canzone (“Песенка” o “Little Song”) ha raccolto 3.000 mi piace, 8.000 non mi piace e oltre 3.000 commenti nelle prime 48 ore. Commentando il video, l'utente Volny Stsyag ha detto: “È una buona cosa che l'Eurovision non ti dia un terzo tentativo. Rabbrividisco al pensiero di come sarebbe”.

Altri, come l'utente Sew Zavjalov, pensavano che il gioco fosse truccato dall'inizio: “Ben fatto, ragazzi, avete dimostrato che il concorso è politicizzato. C'era l'ordine di eliminare la Bielorussia dalla competizione, e così hanno fatto, e l'avrebbero fatto comunque, anche se avessero semplicemente suonato musica senza parole”.

Sul loro sito ufficiale, la band nota esplicitamente le loro simpatie pro-governative, proclamando che “Quando stanno cercando di distruggere il paese che amiamo e dove viviamo con la scusa della ‘lotta politica’, non possiamo rimanere in silenzio”. I commentatori notano anche la scelta dei concorrenti di presentare la canzone in russo piuttosto che in inglese o bielorusso.

Il frontman della band, Dmitry Butakov, ha detto alla rivista Esquire Russia che il bando non è stato una sorpresa e che la seconda canzone che hanno presentato era “una specie di favola… scritta di proposito”, alludendo alle sue sfumature politiche.

Reagendo alla decisione dell'EBU, Ivan Eismont, capo del BTRC l'ha definita “politicamente motivata” e ha insistito che Galasy ZMesta aveva “fatto la storia” e che “la Bielorussia aveva vinto questo Eurovision”.

Non c'è spazio per la polemica

VAL Belarus Eurovision 2020

VAL, i concorrenti bielorussi del 2020, nel video ufficiale della loro canzone “Da Vidna”. Screenshot da YouTube.

La scelta della Bielorussia per l'Eurovision del 2020, il duo R&B/pop VAL [en], che ha perso l'occasione del 2020 di eseguire la sua canzone in bielorusso, “Da Vidna” (“Prima dell'alba”) a causa della pandemia, è stata negata per il 2021 dopo una serie di interviste in cui hanno parlato della repressione del governo sulle proteste di massa [it] che hanno seguito le contestate elezioni presidenziali dell'agosto 2020.

L'Eurovision Song Contest non è estraneo [en] alle controversie politiche. Nel 2009, un anno dopo la guerra russo-georgiana [en], a Stephane & 3G, la band georgiana selezionata per la competizione annuale, fu chiesto di modificare il testo della loro voce, provocatoriamente intitolata “We Don't Wanna Put In [en]”, o di presentare una nuova canzone. Quando hanno rifiutato, la Georgia è stata esclusa dall'EBU dalla partecipazione al concorso del 2009, che è stato ospitato da Mosca.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.