chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

“Uno, due, tre!” Giamaicani entusiasti della corsa olimpica delle loro atlete centometriste

Bandiera della Giamaica; dominio pubblico via Wikimedia Commons

Dopo una settimana abbastanza ansiosa mentre la terza ondata della COVID-19 [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] sembrava prendere slancio, le Olimpiadi di Tokyo sono state una piacevole distrazione per molti giamaicani che si sentono oppressi dall'inasprimento del coprifuoco. L'interesse dei giamaicani si è focalizzato, con l'aumento del fervore patriottico, e quando sono iniziati gli eventi in pista, Twitter ha preso vita.

Mentre i fan sportivi avevano puntato le sveglie per gli eventi di sabato mattina ora giamaicana, molti si sono preparati in anticipo con l'attrezzatura appropriata.

L'operatrice delle pubbliche relazioni Jean Lowrie-Chin, che normalmente starebbe sventolando la bandiera giamaicana di persona alle Olimpiadi, si è vestita opportunamente, desiderando di essere lì questa volta:

Il mio cuore è a Tokyo.

Suo marito Hubie era pronto a farsi sentire con i coperchi del forno olandese — un modo tradizionale giamaicano per celebrare:

È pronto per i 100 m.

L'assenza a Tokyo dell'icona giamaicana dei 100m in pensione Usain Bolt è stata debitamente notata dalla stampa internazionale, ma questa volta c'erano grandi speranze per le donne. Queste speranze si sono realizzate quando Elaine Thompson-Herah, Shelly-Ann Fraser-Pryce e Shericka Jackson hanno attraversato il traguardo al primo, secondo e terzo posto nella finale dei 100 metri femminile il 31 luglio.

Inoltre, Thompson-Herah ha battuto il record olimpico del 1988 della centometrista americana Florence Griffith-Joyner (Flo Jo) con un tempo di 10.61 secondi, diventando la seconda donna più veloce di sempre:

Nel caso ve lo siate perso: la campionessa olimpica Elaine Thompson-Herah ha infiammato il traguardo per ottenere il secondo tempo sui 100m più veloce della storia. Il suo tempo finale è stato 10.61 secondi, un nuovo record olimpico, battendo il tempo di 10.62 di Florence Griffith-Joyner delle Olimpiadi del 1988.

Thompson-Herah stessa, che come Bolt proviene dalla Giamaica rurale, ha twittato:

Solo una ragazzina da Banana Ground a cui piaceva correre. Credete nei vostri sogni, lavorate duramente e abbiate fede in Dio.

In un video euforico condiviso dal Jamaica Gleaner, la nonna di Thompson-Herah ha celebrato la sua vittoria (completa di riferimenti biblici) dal suo salotto, e si immagina già una vittoria nella gara dei 200 metri, in cui sua nipote gareggerà:

Gloria Thompson, la nonna della campionessa olimpica dei 100m Elaine Thompson-Herah, era entusiasta stamattina mentre guardava la finale dei 100m femminili dalla sua città natale a Banana Ground, Manchester. È una vittoria che Thompson aveva predetto e si aspetta una replica nei 200 m.

Il padre e gli amici di Thompson-Herah hanno celebrato chiassosamente nel suo salone nella città nel centro dell'isola Mandeville, mentre un giovanotto aspettava il suo taglio in silenzio:

Keith Thompson, padre orgoglioso di Elaine Thompson-Herah, reagisce insieme agli amici alla vittoria da record di sua figlia nel suo salone a Mandeville, Manchester.

Un esuberante Usain Bolt e alcuni amici hanno condiviso su Twitter un balletto improvvisato in onore delle donne. Era a casa in Giamaica (il padre orgoglioso di due gemelli appena nati):

È una festa qua in Giamaica dopo il brillante 123 delle nostre ragazze.

Il Primo Ministro Andrew Holness ha reagito con orgoglio su Twitter:

Orgoglioso, a presto, fatto! Team Giamaica 1, 2, 3. Congratulazioni alle nostre donne per una finale brillante! Elaine Thompson-Herah, Shelly-Ann Fraser-Pryce e Shericka Jackson! Continuiamo a fare la storia.

Il Ministro dello Sport Olivia “Babsy” Grange ha twittato da Tokyo:

Sono così contenta in quanto Ministro dello Sport e sono sicura che tutta la Giamaica condivide la mia gioia. A casa saranno suonate pentole e padelle.

Un giornalista sportivo giamaicano a Tokyo ha sottolineato il risultato delle donne:

Il dominio della Giamaica nei 100m femminili alle Olimpiadi è allucinante. 10 delle 12 medaglie vinte dal 2008 e ogni singolo oro da allora sono stati vinti da giamaicani. 16 delle 30 medaglie dal 1984 sono andate a donne giamaicane. DOMINIO.

L'economo e opinionista Damien King si è ritrovato senza parole, una volta tanto:

Guadagno da vivere parlando. Non ho parole.

Dopo essersi ripreso, King ha fatto qualche calcolo:

Ho ritrovato le parole. Beh, numeri in realtà: la Giamaica contiene il 0.035% della popolazione mondiale. Dal 2008, ha vinto l'83% delle medaglie dei 100m femminili. Quindi, su 12 medaglie, abbiamo permesso agli altri paesi del mondo di portarne a casa solo due (argenti).

La giovane centometrista americana altamente pubblicizzata Sha’Carri Richardson, che è stata rimossa dalla squadra americana dopo essere risultata positiva al test per la marijuana, ha twittato in solidarietà con il trio giamaicano dopo aver annunciato la sua intenzione di organizzare una live su Instagram:

Congratulazioni alle donne della Giamaica per aver fatto piazza pulita. Potenti, forti donne di colore dominano lo sport.

Parlando di stile, l'indossare parrucche colorate ha ancora una volta lasciato il segno. La vincitrice della medaglia d'argento e l'ex campionessa olimpica Shelly-Ann Fraser-Pryce è famosa per le sue — e per la finale si è presentata con una vivace parrucca d'oro. Un giamaicano ha scherzato:

La parrucca di Shelly sta per attraversare il traguardo prima di alcune di loro.

Lo stile della centometrista ha trovato l'approvazione in generale:

Adoro che le donne di colore alle Olimpiadi siano audaci, indossando parrucche colorate, unghie lunghe, ciglia effetto farfalla e poi vincono.

Nel frattempo, mentre i giamaicani si godevano gli ultimi bagliori della vittoria “uno, due, tre”, i centri vaccinali aprivano in tutta l'isola. Il pomeriggio precedente, 300,000 dosi erano arrivate dal Regno Unito, mettendo fine a una preoccupante “carestia” di vaccini e sono state immediatamente distribuite ai centri di tutta l'isola. Il Ministero della Salute e del Benessere mira a vaccinare 150,000 giamaicani in una settimana. Un ministro del governo ha osservato:

Immaginate se tutti usassero questo stesso orgoglio nazionale e andassero a vaccinarsi questo fine settimana?! Genitori, lo dovete ai vostri bambini, ai loro insegnanti e a tutti quelli con cui voi e loro entrerete in contatto di vaccinarvi. Una Giamaica. Ci siamo dentro tutti insieme.

In un incantevole thread fotografico, l'opinionista culturale Wayne Chen ha sottolineato:

Avremo storie di eroi da raccontare ai nostri nipoti.

Pechino 2009. La Giamaica è adesso l'unico paese che ha fatto due piazze pulite.

E un graphic designer giamaicano ha condiviso su Twitter la sua illustrazione di Thompson-Herah che rimuove gentilmente la corona della “regina centometrista” dalla testa di Fraser-Pryce:

Da una regina all'altra.

Sandals International Resorts è salito a bordo con una ricompensa per le tre giovani donne:

Sandals Resorts annuncia vacanze gratuite per le regine centometriste giamaicane.

Usain Bolt stesso ha riassunto il tutto in un tweet succinto:

Mentre i giamaicani si preparano per celebrare il Giorno dell'Emancipazione domenica 1 agosto e la festa nazionale lunedì, forse c'è ancora entusiasmo in serbo. Nel frattempo, l'euforia ci metterà un po’ a calmarsi. C'è una sensazione in Giamaica che è il momento per delle buone notizie.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.