chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Global Voices ad Haiti: gli artisti della Grand Rue dopo il terremoto

La settimana scorsa Global Voices Online ha inviato due persone a Port-au-Prince dopo il terremoto di Haiti [in], per sostenere le attività in loco legate ai citizen media. Georgia Popplewell [in] e Alice Backer [in] hanno anche fornito informazioni di prima mano contribuendo ai rilanci di GVO sul dopo terremoto. Per maggiori dettagli sulla presenza di GVO ad Haiti si veda questo post. [in]

PORT-AU-PRINCE, HAITI, 29 gennaio, 2010

Grand Rue a Port-au-Prince è uno dei quartieri più disagiati della città, ma ospita anche una vibrante comunità di artisti [in] che creano opere d'arte con materiali di scarto trovati in giro nel proprio ambiente. L'area ha ospitato la prima Ghetto Biennale [in] nel Dicembre 2009.

Il video cui sopra [in francese] evidenzia l'impatto del terremoto del 12 gennaio sui dintorni degli artisti e sul loro modo di vivere. (La versione con sottotitoli in inglese è disponibile su dotSUB. [in]) Include un'intervista con Belle Williams, portavoce di Ti Moun Rezistans, un programma artistico per bambini dell'area della Grand Rue.

Per inviare contributi diretti agli artisti della Grand Rue, vedere sul sito del Foundry Haiti Fund [in].

Alice Backer ha poi pubblicato una video intervista con Siméon Evans [in], un altro membro della comunità creativa della Grand Rue, in cui parla di un murale realizzato per la Ghetto Biennale del 2009 dall'artista britannico Bill Drummond. “Evans ritiene che il murale di Bill Drummond abbia previsto il terremoto. Il murale contiene le parole ‘Imagine si demen pa gen mizik’. (‘Immagina che domani non ci sia più musica’.)”

Numerosi artisti internazionali e giornalisti hanno pubblicato testi, fotografie, e video immortalando online la Ghetto Biennale. La fotografa Emily Troutman ha condiviso filmati di una processione musicale nella Grand Rue [fr-creolo] su YouTube. Alcuni album fotografici sono pubblicati su Flickr da PRI's The World [in] e John T. Unger [in]. Lo scrittore Richard Fleming da Brooklyn ha pubblicato numerosi articoli [in] sul proprio blog, e ha scritto un pezzo [in] per il Miami Herald. L'artista Tracey Moberly ha pubblicato un racconto della Biennale [in] su Dazed Digital.

————————-

Quest'articolo è apparso originariamente su Caribbean Free Radio [in].

Il lavoro di Global Voices Online ad Haiti è sostenuto da contributi indipendenti [in] e da una sovvenzione per l'informazione umanitaria fornito da Internews [in].

Nicholas Laughlin [in] ha contribuito a questo post.
Lo speciale di GV su Haiti è in continuo aggiornamento in inglese [in] e in italiano [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.