chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Africa: storie vissute di ordinaria povertà e grande determinazione

Questa è una carrellata di post dai blog dei volontari dell'associazione non governativa Concern US che scrivono dall'Africa Sub-sahariana. Gli operatori di Concern US [in] scrivono sul blog regolarmente del proprio lavoro e delle sfide che devono affrontare per aiutare a migliorare le vite dei residenti in Malawi, Tanzania, Sierra Leone, Angola e Repubblica Democratica del Congo.

Concern US [in] è un'affiliata dell'associazione Concern Worldwide il cui fine è garantire a quanti vivono in condizioni di estrema povertà il soddisfacimento dei bisogni sociali primari e dei propri diritti.

La nostra carrellata inizia con Cormac Staunton da Dublino che prende parte ad una vecchia tradizione [in] dello Zimbabwe chiamata Field Day [Festa del Campo]:

Osservo il sig. Chinamo, un agricoltore di 83 anni di Gokwe North nella parte centrale dello Zimbabwe, che si erge orgogliosamente sul suo campo. Con al fianco la moglie Clara, sorveglia il raccolto, prende un megafono e comincia a parlare.

Almeno 500 persone stanno a guardare, per la maggior parte sono anch'essi agricoltori dello stesso distretto. Questo è il fulcro della “Festa del Campo”, una tradizione secolare delle zone rurali dello Zimbabwe.

Il sig. Chinamo è stato scelto da una giuria di esperti di agricoltura e definito “l'agricoltore di maggior successo” tra i 366 che fanno parte del programma Conservation Farming dell'associazione Concern, programma che sono venuto a studiare e documentare da Dublino. Oltre a ricevere un premio, la famiglia Chinamo ha avuto l'onore di ospitare i festeggiamenti di quest'anno.

Cormac continua a descrivere le attività previste per la Festa del Campo [in]:

Mentre la folla si sposta dal campo alla fattoria, in dei grandi vasi si cuoce il cibo per tutti gli ospiti. Le celebrazioni sono una cerimonia condotta dalla comunità, con cantanti e ballerini dai villaggi e dalle scuole, e discorsi dei capi della comunità e dei rappresentanti del gruppo di Concern che opera a Gokwe.

La parte più importante della festa è l'assegnazione dei premi a tutti i vincitori. Alla fine il sig. Chinamo viene issato in aria dagli abitanti del villaggio e gli viene consegnato il premio, che consiste in sementi, fertilizzanti e denaro.

Questi premi provengono da donazioni di aziende private e dal contributo di tutti i villaggi coinvolti. Il concorso ha come scopo quello di rinvigorire le comunità che avevano perso la fiducia nell'agricoltura per lungo tempo.

Il successo di questo programma, specialmente per l'83enne sig. Chinamo, è uno stimolo ed un esempio che motiva gli altri, dimostrando che nonostante le incertezze, seguire i metodi di coltivazione conservativa può portare ad un buon raccolto.

Isla Gilmore parla delle sfide [in] che comporta la vita nelle zone rurali della Tanzania:

L'acqua per me è sempre stata immediatamente disponibile.

Per una ragazza di città è difficile immaginare una vita senza acqua pulita. Vivendo in Tanzania mi sono dovuta adattare al fatto che [l'acqua] non si può bere, e ad essere sempre prudente facendola bollire, filtrandola e lavando il cibo con acqua pulita. Ma io vivo a Dar es Salaam e ho a disposizione tutta l'acqua che voglio.

La vita nei villaggi rurali della Tanzania è completamente diversa.

All'inizio di questo mese ho visitato il programma dell'acqua che Concern porta avanti in Tanzania. Il distretto di Biharamulo si trova nella regione di Kagera, vicino al Rwanda. È alquanto diverso di altre parti del Paese in cui lavoriamo perché i villaggi sono situati su colline e vallate.

Ciò significa che le case sono sparse qua e là e che molti dei servizi essenziali sono lontani, compresi i punti d'acqua. La costa e le città più grandi sono lontane; non piove molto; e lo sviluppo è rallentato. Molti abitanti dei villaggi vivono in condizioni di estrema povertà.

Da Isla apprendiamo che sono donne e bambini a trarre i maggiori benefici [in] dall'acqua pulita:

Hadija deve affrontare dei problemi che la maggior parte di noi non conosce. Per le donne e i bambini delle zone rurali l'impatto dell'acqua pulita e sicura è incredibile. Per i figli di Hadija significa cambiar vita. “Spero che potranno andare alla scuola superiore”, ha detto, “e poi, chi sa cos'altro riusciranno a ottenere.

“I matrimoni combinati sono ancora piuttosto frequenti per le ragazze del Malawi in età scolare” scrive Joseph Scott. [in]

Martha è una ragazza di 12 anni, timida ma intelligente, di Nsanje, nel Malawi.
Quest'anno avrebbe dovuto prendere il diploma della scuola elementare (PSLC).
Gli insegnanti pensavano che sarebbe andata alle superiori, visto che era stata la migliore alunna della classe fin dalla prima elementare.  Alla fine dello scorso anno scolastico era sempre la prima della classe. Piena di fiducia, ha fatto vedere al padre il risultato dell'esame. Come qualsiasi bambino che è stato molto bravo a scuola, Marta si aspettava una cascata di elogi. Ma non è andata affatto così; il padre ha guardato svogliatamente il foglio di carta, lo ha piegato e se lo è messo in tasca.

Ciò che Martha non sapeva era che il padre le aveva già trovato un possibile marito, e che nei giorni successivi, sarebbe diventata la nuova moglie di un uomo talmente vecchio da sembrare suo nonno. E per Martha, nonostante gli ottimi risultati negli studi, questo sarebbe stato l'ultimo anno di scuola.

Joseph sostiene che la povertà e gli usi tradizionali [in] sono la causa dei matrimoni combinati in Malawi:

A Nsanje, dove Concern sta lavorando, questo scenario ha interrotto bruscamente i sogni di molte ragazze. Circa il 12 per cento delle donne nel paese ha un'età compresa tra i 6 e i 13 anni, e si stima che il 74 per cento della popolazione qui viva sotto la soglia di povertà.

La povertà e gli usi tradizionali consentono ai genitori di dare in mogli le proprie figlie quando pensano che abbiano raggiunto l'età giusta. Poiché il pretendente paga una dote, adesso si ha questa tendenza: minore è l'età della ragazza, maggiore è la dote.

“Circa il 12 per cento dei bambini del Malawi non sopravvive fino al compimento del quinto anno,” osserva Megan Christensen [in] nel suo post sulla prevenzione dei decessi in Malawi:

Negli Stati Uniti, la maggior parte della gente beneficia di buone strutture igienico-sanitarie, facile accesso ai centri sanitari primari dotati di un buon numero di infermieri e dottori e un'ampia riserva di cibo per garantire un'adeguata alimentazione.
Al contrario, in Malawi, siamo alle prese con alcune delle peggiori statistiche mondiali.
Quasi il 12 per cento dei bambini del Malawi non sopravvive al compimento del quinto anno. Circa il 20 per cento dei bambini qui sono sotto peso, cosa che li rende più deboli rispetto a malattie come la polmonite.

La dissenteria continua ad essere un problema frequente a causa della scarsità di acqua, di servizi igienico-sanitari e di igiene, e in troppi casi conduce alla morte. Si stima che in ogni periodo dell'anno un 30 per cento di bambini sotto i cinque anni soffra di dissenteria.

Queste morti si possono prevenire, qualcuno le ha definite morti “stupide”. I bambini non dovrebbero morire di malnutrizione, dissenteria o infezioni comuni che possono facilmente essere curate con antibiotici. Questa è solo una delle ragioni per cui è fondamentale che questo programma inizi quanto prima.

Aoife Gleeson in Angola parla con Abraham [in], Direttore del programma Sostentamento di Concern Angola:

Sono quasi le otto di sera e non posso credere di essere ancora in ufficio. La giornata lavorativa qui in Angola comincia alle 7.30 di mattina, quindi sembra più lunga di un giorno normale. Ho finito di lavorare un po’ di tempo fa ma mi sono fermata a parlare con Abraham, il Direttore del programma Sostentamento di Concern Angola.
La sua storia è così avvincente e lui racconta in modo così aperto e coinvolgente che mi sono ritrovata completamente assorbita.
Abraham è nato in un piccolo villaggio nell'Etiopia occidentale. È timido nel rivelare la propria età, e ha potuto solo confermare che ha più di 50 anni! Crescendo ha condotto la vita semplice del villaggio e, spinto dai genitori, che erano entrambi analfabeti, ha frequentato la scuola missionaria locale.
Essendo portato per lo studio si è applicato molto e con il tempo è arrivato a vincere un'ambita borsa di studio governativa per frequentare l'università – il primo del suo villaggio a riuscirci.
L'interesse per lo sviluppo e per aiutare la gente – come dice egli stesso “migliorare la loro situazione” –  è qualcosa che ha sempre avuto dentro di sé. Abraham si è unito a Concern cinque anni fa e da allora ha sempre vissuto e lavorato in Angola.

I due parlano degli effetti della guerra civile e dei segnali di risanamento in tutto il Paese [in]:

Parliamo di quando è venuto in Angola la prima volta e mi racconta di essere stato veramente colpito dalle cicatrici della guerra tuttora così evidenti:
“C'erano dei carri armati abbandonati ai lati della strada e in mezzo alla città c'era un edificio che stava appoggiato di traverso – come la torre pendente di Pisa – per metà era stato distrutto, mentre nell'altra metà ci viveva ancora qualcuno.”

Per me, il risanamento dell'Angola di cui parla Abraham è piuttosto evidente. I vecchi edifici vengono abbattuti, sono state costruite nuove strade e anche negozi e uffici moderni. Ma ciò che non è facile da vedere sono le questioni più profonde, che richiedono più tempo per essere risolte.

Discutono anche del lavoro di sviluppo [in] e del relativo impatto sulla comunità:

Abraham mi racconta di una vedova in una di queste comunità alla quale vennero date due capre, due anni fa: “Oggi ha 6 capre ed è riuscita a mandare a scuola i suoi figli, ” spiega.

“Adesso sta sostituendo il tetto d'erba della casa con un rivestimento in metallo – queste capre le hanno veramente cambiato la vita.”

Feargal O'Connell incontra Ndoole [in], una donna di 35 anni dalla Repubblica Democratica del Congo:

Ndoole ha 35 anni. Ha avuto sette bambini e vive da sette mesi in un accampamento di fortuna, quando è stata costretta a fuggire dal conflitto e dal villaggio natale.
È scappata in un posto chiamato Bukombo dove si erano rifugiate altre famiglie di sfollati. Ci siamo ritrovati a parlare con Ndoole perché uno degli autisti di Concern la stava aiutando con i suoi voucher. Il Mercato Cash Voucher è un'esperienza nuova per tutti i partecipanti, per cui alcuni hanno bisogno di aiuto.
Sono rimasto scioccato quando l'ho sentita dire che voleva pagare le rette scolastiche per quattro dei suoi figli in età scolare: questa decisione avrebbe drasticamente ridotto la sua quota per acquistare generi alimentari di prima necessità. Le ho chiesto perché stava usando 26 dei suoi 28 voucher per le tasse scolastiche. La sua risposta è stata profonda: “Voglio che i miei figli vadano a scuola, così avranno una vita migliore della mia.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.