chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Taiwan: i social media per valorizzare e amplificare la presenza dei nativi nella società

La popolazione indigena locale viene spesso adulata dai politici con definizioni quali “vera padrona” o “abitanti originari” del Paese — usati perfino in spot televisivi per promuovere il turismo di Taiwan in tutto il mondo.

Ma gli eventi sulla loro lotta per l'identità, sostenibilità e dignità trovano poco spazio nella sfera pubblica taiwanese, come risultato di una relativa dominazione sociale e politica da parte della popolazione cinese Han del Paese. Ora però, grazie ai social media i giovani indigeni cominciano a farsi sentire rifacendosi alle loro tradizioni.

Indigeni di Taiwan. Foto di Senayan.

Indigeni di Taiwan. Foto di Senayan, ripresa dietro autorizzazione.

“Griglia tribale”

Un gruppo di ambiziosi scrittori e blogger indigeni ha dato prima di tutto origine a un blog online, Blogger Check-in [zh, come tutti i link tranne ove diversamente indicato] (部落客報到) nell'ottobre 2010. Il termine “blog” in taiwanese infatti traduce letteralmente “griglia tribale” (部落格), mentre “blogger” sta per “popolo tribale” (部落客).

Oltre al blog, il gruppo riesce a diffondere in modo efficace informazioni grazie a social media quali Facebook e Twitter, ma anche su testate indipendenti come Lihpao e PNN.

In passato, per far parte della società tradizionale, molti indigeni hanno preferito registrare il proprio nome in Han nei documenti ufficiali quali le carte di identità. Tuttavia, pratiche simili sono solo servite ad emarginare ulteriormente le minoranze etniche.

Snaiyan (思乃泱) sottolinea su Blogger Check-in i vantaggi nell'uso dei nomi originari su Facebook:

原住民人口比例佔臺灣總人口比例極少,常使得原住民在做的事情、所關心的事情經常被忽略。使用原住民姓名的人數若更少,就更會讓人忽視原住民參與在大社會與各式社群的存在,成為隱姓埋名的一群人。我可以理解,現實生活中要改名的困難,尤其是對於年紀越大的人來說,不只身分證、駕照、帳戶、護照、戶籍等等,還包括已建立的知名度等等,要重新開始一個早該經營的開始,實在有困難。那麼若從網站社群的世界開始使用原住民名字,應該也可以當作是另一個開始。

La popolazione indigena è molto ristretta in Taiwan, e perciò i loro mezzi di sussistenza e i loro interessi sono spesso trascurati dalla società. Se rinunciano anche ai nomi etnici, gli altri nella società tradizionale non sarebbero a conoscenza della loro esistenza e le popolazioni indigene si trasformerebbero in eremiti sociali. Posso capire, soprattutto per gli anziani, la difficoltà di cambiare i nomi nella vita reale: e neppure si tratta solo di cambarli su carte d'identità, patenti di guida, conti bancari, passaporti, stato di famiglia, ecc.; ma anche l'affermata popolarità con il loro nome Han potrebbe esserne minacciata. Comiciare a ricostruire la propria identità in giro è ancora assai difficile, ma resta comunque un buon inizio usare nomi etnici online e nell'universo dei social media.

使用FB以來,我發現一個很有意思的改名現象。例如某位原住民年輕人向來使用漢名,可能之後他會在漢名後面括弧註明自己的原住民羅馬拼音名,讓人認識他的族群背景;或者一夕之間就把羅馬拼音名直接取代成正式的註冊姓名,後面才括弧漢名。改名後,他的原住民朋友因此感到好奇,詢問要怎麼改名呢,於是也跟著把自己的名字改為與家族有連結的姓氏。很可能現實生活中,他們身分證上的名字仍舊是漢名,但是透過FB開始改名,讓周邊以及往來聯絡的朋友先習慣這個名字的存在,也習慣連結他們及其背後部落族群的存在,也是一種在社群當中公開表明自己身份的方式。

Da quando ho iniziato ad usare Facebook, ho notato un crescente fenomeno curioso sul cambio di nome. Ad esempio, un giovane indigeno usava il suo nome Han nel profilo, ma poi ha cominciato ad aggiungere il nome romanizzato tra parentesi dopo quello etnico, per sottolinearne la provenienza indigena. Alcuni (altri giovani indigeni) scelgono di sostituire anche i loro nomi Han con il corrispondente etnico romanizzato su Facebook, aggiungendo il nome Han tra parentesi subito dopo. Il cambiamento di questo ragazzo ha  attirato l'attenzione di alcuni amici nativi che gli hanno chiesto come modificare le impostazioni e hanno seguito il suo esempio. E’ decisamente possibile che nella vita reale i nomi stampati sulle loro carte di identità siano ancora scritti in Han, ma su Facebook hanno cambiato nome per ricordare agli amici la loro identità indigena e il loro background. Questo è un modo di “comparire” in pubblico come indigeni.

更有意思的是,我有好幾位很愛跟部落在一起的白浪朋友,在FB註冊時根本就是直接註冊自己被部落族人給予的原住民名字;或是在漢名之後括弧註明自己的原住民名,標明了他們與部落之間的緣分與關係,這些都有助於連結原住民群體標示的存在。

La cosa più interessante è che ho un certo numero di amici Han a cui piace uscire con una cerchia di amici indigeni, che si sono registrati con il proprio “nome etnico” (dato loro da amici indigeni) su Facebook. Alcuni hanno aggiunto il nome etnico datogli tra parentesi subito dopo il nome Han, per dimostrare la loro unione con amici indigeni. Queste sono tutte buone tattiche per rendere più visibile l'esistenza dei nativi.

Protezione dei diritti indigeni

Snaiyan riflette anche sulla condizione dei nativi taiwanesi dopo aver visto “Ryomaden” [en], dramma televisivo giapponese su Sakamoto Ryoma [en] (坂本龍馬), un eroe immaginario:

不講整個臺灣政治,就單一部落來講,我們更是欠缺像龍馬這樣不為自己只為部落的人才,願意致力以部落未來為前提去與大家溝通,在部落四分五裂的矛盾意見中統合出一個可以前進的作法。常常看到的是,部落有各種協會、組織等山頭,或是以各家族勢力與利益為處事前提,或是以教會派別區隔傳統行事參與,中青輩可能不信任長老輩做的決定,長輩認為年輕人努力得不夠,於是不願意朝彼此接近、只是用自己的想像持續去猜測對方……明明外面的人看到的是一個部落,然而內部卻是暗潮洶湧、驚濤駭浪。在缺乏共識的結果下,當部落需要達成一個可以對內對外表達集體決定的時候,因此延宕,造成被局勢決定的命運。

Ben oltre l'intera scena politica taiwanese, non c'è una persona come Ryoma che ha dedicato la sua vita, non al suo interesse personale, ma al futuro del suo gruppo etnico, comunicando attraverso pareri divisi e controversi e raggiungendo consenso in tutto il gruppo. Ciò che spesso vediamo qui sono associazioni indigene, organizzazioni, e altri “capi di montagna” (leader della comunità), prendere decisioni basate sugli interessi di alcuni clan o divisioni della Chiesa. La generazione più giovane non crede nelle decisioni prese dagli anziani e gli anziani sminuiscono gli sforzi dei giovani. Non hanno voglia di comunicare e non si fidano l'uno dell'altro a causa di pregiudizi pre-esistenti … la gente ci vede dal di fuori come un'”unica” tribù, ma all'interno ci sono diversi gruppi, diversi e confusi. E’ quindi molto difficile per i taiwanesi indigeni prendere una decisione collettiva ed esprimerla al mondo esterno quando è necessario. Come risultato di tutto ciò, il loro destino è deciso dalle circostanze, piuttosto che dal consenso generale.

Senayan (斯乃泱) della tribù Likavung è più ottimista riguardo al suo gruppo per la partecipazione attiva di entusiasti membri della comunità negli affari pubblici della tribù stessa:

在部落從事公共事務,來參與清掃的這群人幾乎是基本咖,活動中幾乎都會看見他們熟悉的身影,「部落」就是要有這樣的一群傻子才可以成事。部落組織運作目前雖不完善,但有這樣一群願意為部落付出的人,大家應該感到欣慰與給他們多多鼓勵或回以美麗的笑容或問候或一起參與。

Nella tribù, la gente che partecipa alla vita pubblica e aderisce al lavoro annuale di pulizia (Nuovo Anno Lunare) è tutta fondamentalista. I loro volti noti si ritrovano in quasi tutte le attività, e una “tribù” ha davvero bisogno, in quanto gruppo di persone, di far funzionare le cose. Il funzionamento di organizzazioni etniche non è mai perfetto, ma avere un gruppo di persone che si dedicano al gruppo è fondamentale. Tutti noi dovremmo essere grati e soddisfatti, dovremmo incoraggiarli con bei sorrisi o lavorare insieme a loro.

E’ molto importante per i gruppi indigeni di Taiwan raggiungere una solidarietà consolidata fra loro mentre la politica, manipolata da legislatori e politici nel governo centrale, sta minacciando la loro futura sopravvivenza insieme, attraverso l'approvazione della nuova “Legge sullo sviluppo del Taiwan orientale”, che giustifica il sequestro di fatto di terre dei popoli indigeni con la scusa di “sviluppo”.

Shen-Shih Wen (施聖文) critica la nuova legge:

在《東發條例》中,簡化土地處理的程序,並不是拉近人與土地之間相互依存的親近性,反而是將這套商品生產剝除了神祕面紗,轉變成為權力、資訊與資源的爭奪場域。可以想見,未來在所謂「東永小組」還是其他的上位組織,來決定未來花東地區的「重大建設」時,決定的是各種開發提案的文件工具的齊備,以及如何完備、符合條例用畫大餅的政治語言勾勒出來的目的。

La “Legge sullo sviluppo dell'area occidentale di Taiwan” ha semplificato il processo di trasferimento dei terreni. Invece di collegare le persone alla loro terra, la legge ha mercificato le terre in potere, informazione e risorse in modo da essere contese dal libero mercato. Possiamo immaginare che il cosiddetto “Gruppo per la sostenibilità del Taiwan orientale” o altre organizzazioni principali deciderà l’ “importante sviluppo e la costruzione” nelle contee di Hualien e Taitung secondo la proposta di sviluppo scritta in un linguaggio politico che si inserisce nella presentazione grandiosa della legge.
Spezzatino della tribù di Chih Mei. Dipinto di Shauwen Tsai.

Spezzatino della tribù di Chih Mei. Dipinto di Shauwen Tsai, ripreso con autorizzazione.

A molti taiwanesi Han piace “aiutare” i popoli indigeni con l'introduzione di piani di sviluppo moderni o insegnando ai bambini la cultura moderna. Ligelale Awu (利格拉樂.阿烏), ex professore universitario, critica il College Students’ Mountain Services, una società di studenti che si mobilitano per svolgere attività di volontariato nelle aree indigene.

Awu sottolinea il fatto che, invece di apprezzare la cultura indigena, gli studenti universitari Han continuano ad insegnare ai ragazzi “come giocare” con i giocattoli di città e come parlare taiwanese.

Falahan (法拉汗) della tribù Chih-Mei invita i lettori a visitare la sua tribù ed esplorare le origini del popolo Amis attraverso la sua cucina naturale, come modo per sviluppare la comprensione delle culture indigene.

Con la crescita della blogosfera indigena in Taiwan, l'incapacità di comunicazione tra Han e indigeni sembra essere progressivamente cresciuta. Eppure, è assolutamente necessaria più comprensione reciproca.

Con l'aiuto dei blogger da Blogger Check-in e di altri amici nativi online, continueremo a informare i lettori di Global Voices [en] sullo sviluppo di queste voci indigene taiwanesi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.